Domenica 20 Gennaio 2019 | 14:43

LETTERE ALLA GAZZETTA

La verità bisogna cercarla per la strada

Non c’era bisogno della zingara. Noi pensionati non inganniamo il tempo leggendo nelle sfere di cristallo o scrutando i fondi di caffè.
Non è, quindi, per queste pratiche paranormali che, nella nostra lettera cortesemente ospitata dalla «Gazzetta» del 17 novembre, avevamo avanzato l’ipotesi che l’effetto «vaffa» ( non quello grillino ma quello popolare) avrebbe potuto portare, nel risultato referendario, ad uno scarto di 20-30 punti.
Il fatto è che i sondaggi vengono fatti oggi con interviste telefoniche ed elaborati nei salotti, nelle stanze più o meno segrete o sparati sul web, laddove solo andando per mercati, strade, piazze, sale d’attesa o mezzi pubblici si può fare all’elettorato l’analisi del sangue.

Francesco Berardino, Foggia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400