Domenica 20 Gennaio 2019 | 20:00

LETTERE ALLA GAZZETTA

Non si può votare per simpatia o antipatia

L'incertezza fra il «sì» e il «no».
Ancora una volta i cittadini si fanno influenzare dai vari esponenti dei partiti politici per il voto del prossimo referendum. È diventata una questione personale di simpatia o di antipatia nei confronti dei tanti leader. Proviamo invece a considerare i benefici delle riforme o gli elementi che ne mettono in discussione l'attuazione andando alle urne con la consapevolezza di aver votato in maniera obiettiva per il bene del nostro Paese.

M. Letizia Massagli, Gioia del Colle (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400