Martedì 22 Gennaio 2019 | 17:17

LETTERE ALLA GAZZETTA

Diabolica la disinvoltura di Benigni

Il diavolo al Lungarno. È diabolico come intere schiere, di politici e non, possano cambiare idea sul ponte sullo Stretto dall’oggi al domani e tutti insieme, è bastato un fischio. È diabolico come Benigni cambi idea sulla Costituzione con la stessa disinvoltura con la quale, nelle scene finali del film «La vita è bella», fa arrivare i carri armati americani a liberare le vittime dell’Olocausto nei campi di concentramento, laddove la verità storica è che si trattò prevalentemente di carri sovietici, forse perchè l’Oscar si assegna in America e non a Mosca. Indro Montanelli, a proposito del papato di Gregorio VII, scrisse che «la Fede, quando si miscela al sangue toscano, sprigiona una fiamma che puzza di zolfo luciferino», noi alla fede aggiungeremmo anche la politica ed il machiavellico «lo suo particulare».

Francesco Berardino, Foggia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400