Domenica 20 Gennaio 2019 | 00:32

LETTERE ALLA GAZZETTA

Referendum forse è già troppo tardi

Quello di aver trasformato il referendum confermativo delle riforme costituzionali in un plebiscito pro o contro la sua persona e il suo Governo è stato il più grosso errore politico di Matteo Renzi.
Da allora questa consultazione, tramite la quale gli italiani sono chiamati a giudicare le riforme costituzionali (il nuovo Senato, i nuovi senatori, le nuove competenze delle Regioni ecc.) si è allontanata sempre più dalla sua natura originaria, che è quella di un giudizio “tecnico”.
Da settimane il premier ha fatto marcia indietro, assicurando che anche in caso di vittoria del no il suo Governo rimarrà in carica. Di per sé è una dichiarazione che rasserena il quadro politico, così da permettere di dedicarsi alle vere priorità del Paese (lavoro, ripresa, ecc.). Ma forse ormai è troppo tardi.

Lorenzo Grande, Polignano a Mare (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400