Giovedì 17 Gennaio 2019 | 14:26

LETTERE ALLA GAZZETTA

Serve giustizia sulla sofferenza delle donne

Se si vuole scrivere della violenza sulle donne anche giornalmente c'è l'imbarazzo della scelta, e se si cambia meridiani, longitudine o latitudine i fatti cambiano poco e commentare il primo caso che capita sott'occhio significa tacere gli altri, le altre, e l'essere donna diventa un coacervo di dolorose domande che non hanno risposte.
L'avvocata dei diritti umani Amal Ramzi Alamuddin difenderà le migliaia di donne yazide (un ramo religioso un po' più libero e diverso) che sono state rapite e stu prate dai jihadisti dell'Isis, in Iraq e Kurdistan,vi sono stati casi di suicidio. Amal Alamuddin ha chiesto alla Corte Penale Internazionale all'Aia di aprire un'inchiesta per crimini contro l'umanità, e ha parlato durante l'Evento del New York Times "Women in the World". Che sulla sofferenza delle donne sia fatta giustizia.

Lilli Maria Trizio, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400