Giovedì 24 Gennaio 2019 | 09:48

LETTERE ALLA GAZZETTA

La trasmissione non sarà piaciuta a Falcone e Borsellino

Giovanni e Paolo si saranno rivoltati nella tomba. Giovanni e Paolo nel senso di Falcone Borsellino. Loro come tutte le vittime di mafia, dal poliziotto italo-americano di inizio XX secolo Joe Petrosino in poi. Si saranno rivoltati assistendo all'ennesima «bravata» di Bruno Vespa che dopo i Casamonica ha intervistato il figlio di Riina. La eventuale puntata sulla mafia non lava l'anima a nessuno. Non bisogna essere «terzi» ma schierati, possibilmente dalla parte giusta, cioè da quella delle vittime e non nella trincea dei carnefici. In caso contrario si può ricorrere al detto baresissimo «e mo si tu...».


Gabriele Pirè, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400