Giovedì 09 Luglio 2020 | 19:30

NEWS DALLA SEZIONE

tragedia sfiorata
Taranto, detenuto incendi suppellettili nella cella: 8 agenti intossicati

Taranto, detenuto incendia suppellettili nella cella: 8 agenti intossicati

 
tragedia sforata
Mittal Taranto, incidente sul lavoro: 4 operai investiti da getto d'acqua a pressione

Mittal Taranto, incidente sul lavoro: 4 operai investiti da getto d'acqua a pressione

 
La firma
Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

 
regalo di compleanno
«Facciamo rumore» per i bimbi di Taranto: fan festeggiano Diodato con raccolta fondi per la sua città

«Facciamo rumore» per i bimbi di Taranto: fan festeggiano Diodato con raccolta fondi per la sua città

 
cultura
Anche Taranto ha il suo cineporto: inaugurato oggi, direttore artistico è Michele Riondino

Anche Taranto ha il suo cineporto: inaugurato oggi, direttore artistico è Michele Riondino

 
il siderurgico
ArcelorMittal: dal 3 agosto ancora cassa integrazione per altre 13 settimane

ArcelorMittal: dal 3 agosto ancora cassa integrazione per altre 13 settimane

 
intervenuta la polizia
Taranto, accecato dalla gelosia accoltella amico dell'ex moglie: arrestato

Taranto, accecato dalla gelosia accoltella amico dell'ex moglie: arrestato

 
Preso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
ambiente
Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

 
nel Tarantino
Grottaglie, maltrattamenti e minacce ai familiari per 10 anni: 22enne in carcere

Grottaglie, maltrattamenti e minacce ai familiari per 10 anni: 22enne in carcere

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDalla Polstrada
Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

 
Foggiaattimi di tensione
Foggia, aggredisce poliziotti e sputa ai passanti: arrestato ghanese 35enne

Foggia, aggredisce poliziotti e sputa ai passanti: arrestato ghanese 35enne

 
Leccel'evento
Lecce, al via i lavori per la sfilata di Christian Dior del 22 luglio: sarà senza pubblico

Lecce, al via i lavori per la sfilata di Christian Dior del 22 luglio: sarà senza pubblico

 
Tarantotragedia sfiorata
Taranto, detenuto incendi suppellettili nella cella: 8 agenti intossicati

Taranto, detenuto incendia suppellettili nella cella: 8 agenti intossicati

 
Materamaltrattamenti in famiglia
Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

 
Bariquesta mattina
Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

 
Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

 
BatVerso il voto
Andria, centrodestra unito con Scamarcio

Comunali Andria, centrodestra unito con Scamarcio

 

i più letti

La processione

Settimana Santa in Puglia, i riti a Taranto e a Molfetta: bagno di folla per i "perdoni"

Le coppie di confratelli, incappucciati, scalzi e con il cappello in testa, attraversano in pellegrinaggio le vie del borgo e della città vecchia per l’adorazione del Santissimo Sacramento. A Molfetta i Sepolcri con le state in cartapesta del Cozzoli

TARANTO -  Con l’uscita della 'prima posta' di perdoni (così vengono chiamati i confratelli che partecipano alle processioni) dalla Chiesa del Carmine, hanno preso il via nel primo pomeriggio di oggi i tradizionali Riti della Settimana santa tarantina. Le coppie di confratelli, incappucciati, scalzi e con il cappello in testa, attraversano in pellegrinaggio le vie del borgo e della città vecchia per l’adorazione del Santissimo Sacramento esposto nei Repositori allestiti nelle chiese. Tantissima gente si è riversata in piazza Giovanni XXX per assistere alla 'nazzicata', il lento dondolio dei perdoni.

Cellulari, macchine fotografiche e telecamerine immortalano l'evento e così le immagini dei pellegrini vengono subito condivise sui social network. A mezzanotte, dalla chiesa di San Domenico, sede dell’omonima Confraternita, si avvia la processione dell’Addolorata che si sgrana per le vie della città vecchia e del borgo per rientrare dopo 14 ore. La tròccola è lo strumento che detta l’andatura. Il simulacro dell’Addolorata è fissato su una base di legno e portata a spalle dalle «sdanghe». Domani alle 17 partirà invece la processione dei Misteri, quella con più simboli, a cura della Confraternita del Carmine. I simboli che raffigurano la via Crucis sono la tròccola, il Gonfalone, la Croce dei Misteri, Gesù all’Orto, Gesù alla Colonna, Ecce Homo, la Cascata, Il Crocifisso, la Sacra Sindone, Gesù Morto e l’Addolorata. Tra una statua e l’altra sono collocate alcune poste di perdoni. Il rientro è per le ore 7 di sabato santo, quando il troccolante sale i gradini e con il bastone bussa per tre volte al portone, che si spalanca e la processione torna nella chiesa madre. (Foto Todaro)

I SEPOLCRI A MOLFETTA - Anche Molfetta si prepara ad entrare nel vivo dei Riti della Settimana con la processione dei Misteri. Dopo la lunga serata dedicata ai Repositori, nel cuore della notte, si darà il là alla processione: inizio fissato per le 03.30, quando dalle porte della Chiesa di Santo Stefano, uscirà la croce, seguita dai primi quattro simulacri lignei: Gesù nell'orto degli ulivi, Gesù flagellato, Ecce Homo e il Calvario. Alle 4 in punto, sulle note de "U Conzasiegge", iconica marcia funebre di Vincenzo Valente, toccherà a Cristo Morto. 

Le Sacre Immagini, di proprietà dell'Arciconfraternita della Morte e che verranno portate in processione anche il Venerdì di Passione ed il Sabato Santo, sono state realizzate tutte dallo scultore molfettese Giulio Cozzoli nell'arco di un cinquantennio che va dal 1906 al 1956. Infatti, durante questo periodo, le vecchie statue dell' Arciconfraternita della Morte, attualmente custodite in una sala del Museo Diocesano di Molfetta, vennero man mano sostituite dalle attuali, in cartapesta, a causa del loro deterioramento. (Foto Claudio Mezzina)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie