Venerdì 25 Settembre 2020 | 09:30

NEWS DALLA SEZIONE

L'udienza
Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

 
Operazione Polstrada
Acquaviva, scoperta officina abusiva: sequestrata anche area usata come discarica

Acquaviva, scoperta officina abusiva: sequestrata anche area usata come discarica

 
Il processo
Pop Bari, al via maxu udienza anti Covid a Bitonto con centinaia di parti civili

Pop Bari, al via maxi udienza anti Covid a Bitonto con centinaia di parti civili: anche i commissari

 
Avvio anno scolastico
Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

 
Scuola
Bari, troppi alunni nelle aule: caos per le classi miste

Bari, troppi alunni nelle aule: caos per le classi miste

 
Delitto Brescia
Bitetto, omicidio fidanzato della sua della ex: trovato su un tetto il coltello

Bitetto, omicidio fidanzato della sua della ex: trovato su un tetto il coltello

 
Operazione Gdf
Altamura, sequestrato immobile a un pregiudicato 37enne: «Pericoloso dalla minore età»

Altamura, sequestrato immobile a un pregiudicato 37enne: «Pericoloso dalla minore età»

 
la decisione
Polignano a Mare - Bari

Polignano, prorogata ordinanza per prevenire il contagio

 
Il caso
Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

 
Maltempo
Nubifragio nel Barese: ad Altamura strade allagate. A Ceglie del Campo intense grandinate

Nubifragio nel Barese: ad Altamura crolla muro e strade allagate. A Ceglie del Campo intense grandinate

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaOperazione Ps e Gdf
San Severo, sigilli al «tesoro» del malaffare: sequestrati beni a plupregidicato

San Severo, sigilli al «tesoro» del malaffare: sequestrati beni a noto pregiudicato

 
BrindisiBlitz della Ps
Brindisi, operazione Dda all'alba contro la Scu: eseguite 13 misure cautelari

Brindisi, operazione Dda all'alba contro la Scu: 13 misure cautelari

 
BariL'udienza
Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

 
HomeIl delitto
Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

 
BatAl Cafiero
Barletta, studente positivo: chiuso per due giorni liceo scientifico

Barletta, studente positivo al Covid: chiuso per due giorni liceo scientifico

 
NewsweekL'evento
Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

 
PotenzaL'opera
Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

 

i più letti

Le foto

Bari, il caso della festa del clan in via Nicolai: frate benedice il rito

La famiglia Sedicina ha proseguito il "rituale" della Candelora. Sequestrati 110 kg di botti

BARI - Un frate ha preso parte alla contestata 'Festa della Candelora', organizzata ieri in via Nicolai, nel quartiere Libertà di Bari. Sull'evento nei giorni scorsi erano divampate le polemiche dopo la denuncia del sindaco Antonio Decaro presentata in Questura, per un rituale, come lo ha definito lo stesso primo cittadino, "che richiama le pratiche e la cultura mafiosa, che tutti i cittadini per bene della nostra città non possono accettare né tollerare“. 

LA CONDANNA DELLA CURIA - La festa per celebrare la Candelora organizzata da una famiglia vicina ad un clan barese, nel quartiere Libertà, c'è stata e vi ha partecipato anche un religioso. Lo spiega la Curia arcivescovile di Bari in una nota che parla di una «presunta manifestazione religiosa non autorizzata dall’autorità ecclesiastica e vietata dal sindaco" alla quale ha partecipato anche un religioso il quale «in modo improvvido, si è reso presente presso i promotori della manifestazione». «La Curia arcivescovile, d’intesa col Superiore Religioso, condanna l’episodio che turba gravemente la coscienza civile e religiosa di tutti», prosegue il comunicato.
La manifestazione, definita dal sindaco «un rito totalmente illegale, che richiama le pratiche e la cultura mafiosa», era stata organizzata, come avviene da decenni, in via Nicolai dove erano previste luminarie, banda e fuochi pirotecnici. Dopo la denuncia del sindaco di Bari, Antonio Decaro, le luminarie sono state rimosse ieri e la zona presidiata dalle forze dell’ordine per tutto il giorno, fino a stasera. Nel pomeriggio i carabinieri, in un portone di via Nicolai, hanno trovato diverse batterie di fuochi pirotecnici pronte per essere attivate, dopo averne sequestrate altre ad un gruppo di ragazzini che stava per accenderle.

IL RAMMARICO DEI CAPPUCCINI - «La Provincia dei Frati Minori Cappuccini di Puglia esprime il suo rammarico per la presenza di un suo religioso alla manifestazione» per celebrare la Candelora organizzata ieri da una famiglia vicina ad un clan barese, nel quartiere Libertà. Lo afferma in una nota frate Gianpaolo Lacerenza, ministro provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Puglia.
Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha provato a impedire la manifestazione che lui stesso ha definito «un rito totalmente illegale, che richiama le pratiche e la cultura mafiosa». E dopo la sua denuncia le luminarie installate senza autorizzazione sono state rimosse.
«Rivolgiamo le nostre scuse nei confronti del sindaco - prosegue Lacerenza - e nello stigmatizzare qualsiasi atto contrario ai principi della legalità, siamo solidali nell’affermare i valori di giustizia e solidarietà sociale promossi in modo encomiabile dal primo cittadino, dalle istituzioni locali e dalla chiesa diocesana».

LA FESTA - Proseguono in via Nicolai i festeggiamenti della famiglia Sedicina per la «Candelora». L'evento non autorizzato dal Comune di Bari, definito dal sindaco Decaro di stampo mafioso, si sta svolgendo all'interno del portone della casa famiglia che da anni, per tradizione, celebra con tutto il quartiere questa ricorrenza religiosa. Alla festa ha partecipato un nutrito capannello di persone attirate dalla musica della banda. 

Dopo gli spari di alcuni petardi i carabinieri sono accorsi sul posto e al loro arrivo hanno provocato un fuggi fuggi generale di ragazzini. Nella strada i militari hanno individuato due soggetti legati alla famiglia Sedicina che si stavano intrattenendo in un atrio di un edificio. I due sono stati identificati e segnalati. I carabinieri hanno poi presidiato la zona per tutta la giornata individuando altre piccole esplosioni di fuochi d'artificio, fino a localizzare nelle vicinanze dell'abitazione dei Sedicina un deposito nel quale sono stati recuperati e sequestrati più di 110 kg di fuochi d'artificio detenuti illegalmente.  

IL PLAUSO DEL MINISTRO BOCCIA - «Una città non è di un clan ma dei suoi abitanti. Bravo Antonio Decaro! Ancora una volta il sindaco di Bari a difesa della legalità». Lo scrive su Twitter il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia. 

IL SOSTEGNO A DECARO DELLA SINDACA RAGGI - «Antonio siamo al tuo fianco. Lotta per la legalità non conosce sosta. I Comuni e i Sindaci sono in prima linea. Le istituzioni unite vincono. @Antonio_Decaro @comuni_anci. #NonAbbassiamoLoSguardo». Lo scrive su Twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi dopo la denuncia presentata il 31 gennaio dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, per interrompere la "festa che ogni 2 febbraio una famiglia vicina ad uno dei clan mafiosi della città mette in scena in onore del capostipite». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie