Lunedì 10 Agosto 2020 | 01:15

NEWS DALLA SEZIONE

Occupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
Il caso
Taranto, la tenente sotto accusa per il balletto al giuramento dei sottufficiali della Marina

Taranto, balletto per TikTok al giuramento dei sottufficiali della Marina: tenente sotto accusa

 
L'inchiesta
Taranto, lesioni colpose,. Indagati 10 medici

Taranto, perde una gamba dopo il ricovero: indagati 10 medici per lesioni colpose

 
difesa
Taranto, lavori alla base navale. Soddisfatta la Marina

Taranto, lavori alla base navale. Soddisfatta la Marina

 
Verso il voto
Regionali 2020, Laricchia (M5s) a Taranto: «Se vinco chiude area a caldo ex Ilva»

Regionali 2020, Laricchia (M5s) a Taranto: «Se vinco chiude area a caldo ex Ilva»

 
l'iniziativa
Taranto, chiusura ex Ilva: oltre 5mila cittadini sottoscrivono lettera inviata al premier Conte

Taranto, chiusura ex Ilva: oltre 5mila cittadini sottoscrivono lettera inviata al premier Conte

 
nel Tarantino
Grottaglie, polizia scopre enorme discarica abusiva: 8 denunce

Grottaglie, polizia scopre enorme discarica abusiva: 8 denunce

 
IL PROGETTO
Massafra, nell’ex hotel un centro di ricerca

Massafra, nell’ex hotel un centro di ricerca

 
L'INCONTRO

Ex Ilva Taranto, vertice sull’indotto convocato dal Governo

 
L'appello
Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

 
La decisione
Mittal Taranto, concessa muova proroga facoltà d'so per altoforno 2

Mittal Taranto, concessa nuova proroga della facoltà d'uso per Altoforno 2

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaDopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
TarantoOccupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
Leccenel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
PotenzaIl caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

Arcelormittal

Ex Ilva, il maxi-altoforno sarà sempre più «verde»

Incontro in Regione tra il governatore Emiliano e l'ad Jehl

Ex Ilva, oltre 700 esodi: per nuove assunzioni valutate esperienza, anzianità e carichi di famiglia

Due ore di incontro, anzi di confronto, sui temi della sostenibilità ambientale, della sicurezza sui luoghi di lavoro, sulle politiche comunitarie, sul rapporto tra la fabbrica e la città di Taranto. E l’impegno di fare il possibile per ridurre l’utilizzo di carbone nel ciclo produttivo. L’amministratore delegato di ArcerlorMittal Italia Matthieu Jehl, accompagnato dal responsabile delle relazioni istituzionali Samuele Pasi, nel primo pomeriggio di ieri a Bari, negli uffici della presidenza della Regione, su sua richiesta, ha illustrato al governatore Michele Emiliano, al capo di gabinetto Claudio Stefanazzi e al consigliere per le questioni ambientali e il dossier ex-Ilva Rocco De Franchi, i progetti della multinazionale per lo stabilimento siderurgico di Taranto, anche alla luce delle recenti decisioni assunte dalla multinazionale dell’acciaio.


L’azienda che gestisce lo stabilimento siderurgico di Taranto - l’acciaieria più grande d’Europa - dallo scorso 1 novembre in fitto biennale finalizzato all’acquisto, ha annunciato due settimane fa un taglio della produzione annua per le sue attività europee di 3 milioni di tonnellate, una decisione dovuta alla combinazione tra l'indebolimento della domanda, l'aumento delle importazioni, associati a un'insufficiente protezione commerciale della Unione Europea, gli elevati costi energetici e l'aumento dei costi dell’anidride carbonica.
Proprio su questi aspetti, stando a quanto appreso dalla Gazzetta, si è incentrato il confronto di ieri tra ArcelorMittal e Regione Puglia perché la decisione avrà un impatto anche a Taranto, dove il rallentamento dell’aumento della produzione dovrebbe far concludere il 2019 con poco più di 5 milioni di tonnellate di acciaio liquido al posto dei 6 milioni previsti. Sul piatto c’è il rifacimento dell’altoforno numero 5, il più grande del siderurgico di Taranto e di tutta Europa, con le sue potenziali 12.500 tonnellate di acciaio al giorno producibili, la metà della capacità produttiva installata. Il piano industriale di ArcerlorMittal prevedeva 250 milioni di euro per rifarlo, considerando che è fermo dal 2015 per fine ciclo. Tra il rifacimento in maniera tradizionale, nel solco del ciclo integrale che caratterizza il siderurgico di Taranto, o invece farlo ripartire utilizzando tecnologia green, passa il futuro dell’acciaio made in Puglia, con tutto quello che ne può conseguire in termine di emissioni inquinanti e impatto sulla salute di operai e cittadini.


Jehl ha illustrato a Emiliano la nuova tecnologia, studiata dai tecnici di ArcerlorMittal, che punta alla riduzione delle emissioni di co2, creando bioetanolo dai gas di scarico della produzione dell’acciaio usando microbatteri. Il nuovo impianto è in via di sperimentazione a Gent, in Belgio, dove c’è un siderurgico simile se non come taglia sicuramente come impostazione impiantistica a quello di Taranto. Il nuovo sistema abbatterà drasticamente le emissioni nella lunga fase di transizione verso l’affermazione di tecnologie più verdi: in particolare con la conversione dell’anidride carbonica in bioetanolo e la ri-trasformazione in carbonio per rialimentare il processo di riduzione del minerale di ferro in altoforno. Si tratta di una strada sulla quale ArcelorMittal ha investito 250 milioni di euro per rendere le prestazioni compatibili con la produzione industriale. Rifare Afo5 con questa nuova tecnologia è stata una delle richieste fatte da Emiliano, che ha molto insistito anche sul tema della messa in sicurezza della fabbrica alla luce delle numerose segnalazioni giuntegli nei giorni scorsi. Temi sui quali Jehl si sarebbe detto pronto ad avviare un confronto continuo e costante in sede tecnica con il capo dipartimento Ambiente della Regione Puglia Barbara Valenzano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie