Martedì 18 Febbraio 2020 | 01:04

NEWS DALLA SEZIONE

SPORT
Potenza città dello sport 2021: la famiglia D'Onofrio con il karate nelle vene

Potenza città dello sport 2021: la famiglia D'Onofrio con il karate nelle vene

 
Pallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
Le minacce
Calcio, lettera minatoria e testa mozzata d'animale inviata al ds del Taranto

Calcio, lettera minatoria e testa mozzata d'animale inviata al ds del Taranto

 
«L'allenatore nel pallone»
Monopoli calcio, Scienza come Lino Banfi «cura» Jefferson e il brasiliano segna

Monopoli calcio, Scienza come Lino Banfi «cura» Jefferson e il brasiliano segna

 
La storia
Rebecca, mezzofondista 17enne più forte della sua rara patologia

Rebecca, mezzofondista 17enne più forte della sua rara patologia

 
Sport e salute
Bari, una corsa per per il cuore: torna «Running Heart»

Bari, una corsa per il cuore: torna «Running Heart»

 
La presentazione
Calcio giovanile, torna il Salento il «Trofeo Caroli Hotels»

Calcio giovanile, torna in Salento il «Trofeo Caroli Hotels»

 
l'evento
Judo, al PalaFlorio il trofeo nazionale Città di Bari

Judo, al PalaFlorio il trofeo nazionale Città di Bari

 
Il ricordo di Braynt
Kobe, la morte di un semidio innamorato del Belpaese

Kobe, la morte di un semidio innamorato del Belpaese

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa tragedia
Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

 
TarantoStalking
Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

 
FoggiaL'aggressione
San Severo, giovane di 32 anni accoltella anziano all'addome

San Severo, un trentaduenne accoltella anziano all'addome

 
LecceIl caso
Lecce, detenuto da fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

Lecce, detenuto dà fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

 
NewsweekLa storia
Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

 
BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 

i più letti

Il ricordo di Braynt

Kobe, la morte di un semidio innamorato del Belpaese

Kobe, la morte  di un semidio innamorato del Belpaese

«....qualsiasi cosa io farò, sarà sempre quel bambino con i calzettoni, il cestino della spazzatura nell’angolo e 5 secondi ancora sul cronometro, palla in mano. 5… 4… 3… 2… 1. Ti amerò sempre. Kobe».
Termina così la lettera d’addio al basket giocato di Bryant ormai 4 anni or sono, una dichiarazione d’amore per il gioco, oggi ancora più struggente, alla notizia della sua morte. Una scomparsa prematura (41 anni) e tragica (con lui la figlia 13enne) come il destino degli eroi della mitologia, quei semidei che hanno catturato il cuore, animato i sentimenti e scatenato la fantasia di tante giovani generazioni.
Proprio come ha fatto Kobe, un fuoriclasse che ha impastato sogni, ambizioni e talento con la cultura del lavoro duro, della tenacia e della perseveranza, per regalare fantastiche sensazioni a milioni di tifosi e appassionati in tutto il mondo. Gli stessi oggi colpiti da un dolore profondo come una vertigine per la tragedia che ha distrutto altre 4 famiglie, oltre quella del nostro moderno eroe della palla a spicchi, rimpianto e commemorato dal mondo sportivo e non, da Totti e Del Piero, da Federica Pellegrini, dal tennista Kyrgios in campo con la canotta n. 8 dei Lakers, ma anche dai presidenti Usa, Trump e l’ex Obama, perché la figura di Bryant trascende l’ambito sportivo, fino a far dire a un commentatore radiofonico di Los Angeles: «È come con JF Kennedy, ognuno di noi ricorderà dov’era quando ha avuto la notizia della morte di Kobe».
Forse è un’esagerazione, ma si tratta di una figura titanica, in parte come è stato Mohammed Alì, amato per le sue battaglie dentro e fuori dal ring in favore della sua gente, in un Paese dove lo sport ha un radicamento sociale profondo. Proprio come l’ex 24 gialloviola stava facendo nel secondo tempo della sua vita, pieno di attività benefiche e iniziative a favore dei giovani.
Genio e dedizione sul rettangolo della amata palla a spicchi, intriso di cultura italiana, grazie ai suoi trascorsi tra Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia, dove il papà Jo si è evoluto dal 1984 al 1991. In Italia, da 6 a 13 anni, ha appreso i primi rudimenti cestistici (e un italiano vicino alla perfezione) che lo hanno portato sulle orme del più grande di tutti i tempi, il suo idolo e amico fraterno, Michael Jordan, fino a diventare il «Black Mamba», letale con la palla in mano, ma dentro capace di emozionarsi come un bambino. E di far emozionare tutti. 5… 4… 3… 2… 1. Ti ameremo sempre, Kobe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie