Giovedì 24 Giugno 2021 | 05:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il blitz
Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

 
Il caso
Vietri di Potenza, in casa tante cartucce, pistola e un fucile: arrestato

Vietri di Potenza, in casa tante cartucce, pistola e un fucile: arrestato

 
Covid
Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

 
Il bollettino regionale
Covid, in Basilicata 13 positivi su 684 tamponi analizzati

Covid, in Basilicata 13 positivi su 684 tamponi analizzati

 
Il caso
Potenza, il parroco «spegne» la storica scuola di musica

Potenza, il parroco «spegne» la storica scuola di musica

 
Il rapporto della Banca d'Italia
Potenza, economia in ginocchio per colpa del covid

Potenza, economia in ginocchio per colpa del covid

 
Il caso
Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

 
Nel Potentino
Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

 
Il caso
Potenza, frenata sull’acqua cara

Potenza, frenata sull’acqua cara

 
Covid
Basilicata, solo 40 i nuovi positivi

Basilicata, solo 40 i nuovi positivi

 
covid
La Basilicata è tornata in zona bianca

La Basilicata è tornata in zona bianca

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, riuscito l'intervento per Andreoni

Bari calcio, riuscito l'intervento per Andreoni

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'incidente
Foggia, scontro tra due auto in viale Kennedy: ci sarebbero dei feriti

Foggia, scontro tra due auto in viale Kennedy: ci sarebbero dei feriti

 
TarantoLa protesta
Ex Ilva, sit-in degli ambientalisti, sulle t-shirt lo slogan: «I bimbi Taranto vogliono vivere»

Ex Ilva, sit-in degli ambientalisti, sulle t-shirt lo slogan: «I bimbi Taranto vogliono vivere». Sindacati: «Cig non idonea, presidio il 2 luglio»

 
Bari
Terlizzi, aggredì un vigile dopo la multa: commerciante ai domiciliari

Terlizzi, aggredì un vigile dopo la multa: commerciante ai domiciliari

 
PotenzaIl blitz
Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

 
PotenzaCovid
Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

 
BrindisiTesori dimenticati
«Il castello di Oria va restituito alla comunità»

«Il castello di Oria va restituito alla comunità»

 
LecceAttentato
Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

 

i più letti

Industria dell'auto

Melfi, «Stellantis rispetti gli impegni con l’Italia»

Il ministro Giorgetti risponde a un’interrogazione

Stellantis, Melfi «trema»: i sindaci fanno quadrato

foto Tony Vece

Melfi - Nel giorno in cui Stellantis conquista il vertice delle vendite globali europee nel primo trimestre dell’anno, è il Governo italiano a richiamare la casa automobilistica agli impegni presi. Ad evidenziarlo è il ministro per lo Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti rispondendo, durante il question time alla Camera, ad una interrogazione della deputata Sara Moretto, capogruppo di Italia Viva in Commissione Attività produttive alla Camera, che aveva espresso timori sul destino della fabbrica di San Nicola di Melfi e sui suoi 7mila e 200 lavoratori.

«Il governo intende richiamare il gruppo Stellantis in qualche modo agli impegni assunti» sottolinea il ministro, ricordando che nel corso del 2020 venne concessa la garanzia di Sace per una copertura dell’80 per cento del finanziamento richiesto dal gruppo Fca. In particolare, tra gli impegni previsti da quella garanzia vi era il proseguimento dei progetti industriali annunciati nel dicembre 2019, l’avvio di investimenti ulteriori per 200 milioni, l’impegno a non delocalizzare la produzione di modelli di veicolo ed il raggiungimento della piena occupazione entro il 2023.

«Nella direzione di un monitoraggio costante del settore rappresento che il 22 aprile abbiamo avuto un incontro di controllo della situazione delle produzioni Iveco - aggiunge il ministro - Considero questo il primo di una serie di successivi incontri del tavolo permanente dell’automotive, settore strategico e su cui l’Italia vanta una leadership tecnologica ed una presenza industriale di tutto rispetto». Soffermandosi sul potenziamento infrastrutturale del sito di Melfi il rappresentante del Governo Draghi precisa, poi, come il Ministero delle infrastrutture abbia sottolineato «che lo stabilimento è direttamente raccordato alla rete ferroviaria italiana sin dal 1995».

«Gli interventi infrastrutturali previsti dal contratto di programma tra Ministero della Mobilità sostenibile e Rete ferroviaria italiana consentiranno la possibilità di garantire lungo il corridoio merci relativi e terminali il passaggio, la formazione e la sosta di treni lunghissimi oltre a 750 metri» conclude il ministro Giorgetti sul movimento merci. Parole, dunque, che confermano l’attenzione del Governo nazionale sulla vicenda Stellantis.

«Vorremmo che il richiamo a Stellantis annunciato dal ministro Giorgetti fosse in qualche modo ufficiale e visibile ai tanti lavoratori, diretti e dell’indotto. E che ai tavoli con la filiera che il ministero ha in programma, si parlasse davvero fino in fondo delle scelte strategiche per il settore dell’automotive» sottolinea la deputata di Iv nella replica al question time. «Italia Viva non cede di un passo sulla questione Stellantis e sulla tenuta dell’intero sito industriale di San Nicola di Melfi, su cui continuerà a vigilare» sottolinea, invece, il vice presidente del Consiglio regionale lucano, Mario Polese.

Intanto, a Melfi è ufficiale che per l’intero mese di maggio andranno in cassa integrazione i lavoratori del turno di notte. Ad annunciarlo la stessa azienda che lo ha comunicato ai sindacati. «La richiesta di cassa integrazione a maggio per dieci giorni per il terzo turno della linea di produzione delle Jeep Renegade e delle Fiat 500X - precisano fonti dell’azienda - è legata al permanere dell'incertezza dei mercati internazionali, che continuano a essere condizionati dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, e dalle ricadute che la pandemia sta provocando sul sistema globale delle forniture di componenti di vario tipo ed in particolar modo dei semiconduttori. L’evoluzione della situazione, considerata l’incertezza della stessa, è monitorata quotidianamente a livello di stabilimento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie