Mercoledì 25 Novembre 2020 | 01:14

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

 
BariLa polemica
Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

 
TarantoIl siderurgico
Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva»

Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva». Il sindaco di Taranto: «Preoccupati dal negoziato»

 
FoggiaIl virus
Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

 
LecceMusica
Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti

Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti. Calo nelle terapie intensive

 
MateraL'indagine
Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

 
BrindisiOperazione dei Cc
Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

 

NOVELLE CONTRO LA PAURA

L'inconsapevole follia che ci guida

«Come tutti gli anni passerà le vacanze nella bellissima villa di Castellaneta Marina»

L'inconsapevole follia che ci guida

Carmine era partito prima del lockdown per Barcellona invitato per un assegno di ricerca sul web marketing argomento che aveva inserito nella sua tesi di dottorato. A fine luglio decide di ritornare in famiglia per le vacanze estive. Come tutti gli anni dall’infanzia passerà le vacanze nella loro bellissima villa di famiglia sita a Castellaneta Marina.

Avvisa tutti gli amici più cari del suo ritorno e loro sono contenti di rivederlo dopo tanto tempo. Giovanna una sua cara amica sposata da cinque anni con Renato andrà a prenderlo in aeroporto il giorno del suo arrivo.

Carmine giunge in aeroporto ed incontra Giovanna bella come sempre con capelli lisci e biondi e occhi verdi come smeraldi. «Ciao Giovanna, finalmente ci rivediamo!» disse lui. «Non torni mai in Italia, come facciamo ad incontrarci» disse lei sorridendo. «Come sta tuo marito?» chiese lui incuriosito. «Non bene ha problemi di pressione. Durante il lockdown è diventato nervoso reagisce per un non nulla e per l’insoddisfazione del lavoro è ingrassato parecchio» rispose lei toccandosi i capelli per il nervosismo. «Mi dispiace tanto Giovanna. Vediamo se ci parlo io in questi giorni a Castellaneta». Disse Carmine. «Però non dirgli che sono venuta in aeroporto a prenderti sai quanto è geloso e poi ha un terrore assurdo del contagio, figurati che non vuole uscire di casa neanche a prendere un caffè. Se sa che sono venuta a prenderti all’aeroporto e che vieni da Barcellona dove stanno aumentando i contagi mi caccia di casa» disse ridendo.

Nelle giornate successive si sentono di continuo per gli sfoghi di lei che terminano in pianti consolatori. In questo periodo si vedono spesso e tra loro ricomincia un sentimento che sembrava sopito. Il marito di Giovanna ormai non esce più di casa per il timore del contagio in quanto essendo un soggetto a rischio difficilmente si salverebbe dal coronavirus perché potrebbe avere delle complicazioni derivanti dalla sua patologia. Lei decide di smuoverlo un po’ e organizza una vacanza ad Ibiza in un bellissimo albergo quattro stelle proprio sul mare. Loro si erano conosciuti proprio ad Ibiza durante una vacanza con gli amici e lui era giovane, allegro e sempre pronto quando si trattava di divertirsi. Come era cambiato in questi ultimi anni e il Covid lo aveva ridotto ad un essere senza vita. «Basta tutto ciò deve finire» pensò Giovanna «bisogna smuoverlo». Organizza una cena per metterlo al corrente del viaggio che aveva prenotata nell’agenzia di viaggio di Umberto un loro caro amico. Certo anche Carmine sarebbe andato casualmente ad Ibiza quella estate e lei tranquillamente lo avrebbe detto al marito.

Quella sera avrebbe invitato anche Carmine a cena per dare al marito la bella notizia. Alle 21:00 i tre si trovano tutti a tavola e dopo aver gustato un’ottima parmigiana e seppie ripiene al forno parlano delle vacanze. Renato è insofferente per tutta la sera non gli sono mai piaciuti gli atteggiamenti complici che i due avevano da sempre ed inoltre Carmine ha una strana tosse secca che lo inquieta. Quando Giovanna gli prospetta la vacanza estiva, lui ha una reazione violenta che termina con la sua uscita di scena. Lei inizia a piangere e chiede a Carmine di andare via perché doveva parlargli da sola, aveva avuto altre volte queste crisi, ma poi si erano risolte senza conseguenze. Da quando si era operato non era più lo stesso purtroppo forse rischiare la vita ti fa attaccare in modo quasi morboso a quello che ti resta da vivere.

Comunque Carmine esce da quell’appartamento divenuto quasi soffocante, mentre esce dal portone si scontra con una ragazza che porta delle buste e da una di esse cadono patatine in busta e popcorn. «Scusi ero sovrappensiero» disse lui «l’aiuto». «Non si preoccupi anche io ero distratta» disse lei. «Ora mi devo far perdonare, possiamo andare al bar qui difronte e le offro un aperitivo» disse lui. «E le buste disse lei. “chiediamo al portiere di tenerle un attimo, mentre andiamo al bar» disse lui. «Ok! mi sembra un’ottima soluzione».

Lasciano le buste al portiere e vanno al bar. Mentre sono lì capiscono di aver trovato non solo un amico, ma un confidente. Senza accorgersene passano più un’ora in quel bar, poi la ragazza si ricorda delle buste e che il portiere ad una certa ora chiude la portineria. «Devo andare ora» disse lei presa dal panico. «Un attimo, pago e ti accompagno» disse lui con la solita calma. «Non ti preoccupare e proprio difronte, devo andare subito» disse lei.

Il giorno dopo alle 6:00 di mattina bussano ripetutamente alla porta di Carmine.

«Ma chi è a quest’ora? Un pazzo!» pensò. Vede attraverso lo spioncino e si trova davanti due carabinieri con un documento in mano. Apre subito la porta e i due lo prendono per le braccia dicendo «Lei è il signor Carmine?» disse uno dei due. «Si» disse lui. «Deve venire con noi! Abbiamo un mandato!».

Di punto in bianco il ragazzo viene catapultato in un incubo, lo trattano come uno dei più temibili delinquenti mai conosciuti.

Lui che per tutta la vita aveva aiutato gli altri, aveva fatto il boyscout, il volontario e l’infermiere prima di intraprendere gli studi di economia. Non poteva capitare proprio a lui.

Entra nella sala interrogatori del commissariato. «Aspetti qui, sta arrivando il commissario Amoroso».
Entra il commissario «Allora le spiego perché si trova qui. La informo che ieri notte verso le due ci sono stati un omicidio, un tentato omicidio ed una sparizione in una palazzina da cui ci hanno detto lei è uscito per ultimo prima della strage, se così possiamo chiamarla. Che ci può dire della serata di ieri?»

«Io sono andato a cena da due coniugi che vivono in quella palazzina e poi uscendo ho conosciuto una ragazza con qui sono andato a prendere un aperitivo, loro possono confermare tutto ciò che le ho detto» disse Carmine. «No, non possono» disse il commissario. “E perché?” disse Carmine. “Perché proprio loro sono le vittime della cosiddetta quasi strage e della scomparsa” disse il commissario. “No! Mio Dio! Giovanna!” disse Carmine. “A proposito della signora Giovanna, lei cosa mi può dire del rapporto tra i coniugi?” chiese il commissario. “Vorrei sapere chi è morto e chi è scomparso” disse Carmine. “Non lo immagina?” disse il commissario. “Comunque la signora Giovanna è morta e la signora Emma è scomparsa. È fortunato che il signor Renato è in coma al Policlinico e non può accusarla direttamente.”

“Non so nulla, come glielo devo dire!”. “Va bene, Va bene, ma la ragazza è scomparsa proprio dopo il vostro aperitivo. Una coincidenza strana, non trova?”. “Commissario è veramente una coincidenza, io non so nulla dell’accaduto!”.

(1. Continua)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie