Giovedì 26 Novembre 2020 | 05:07

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Nichi Vendola torna poeta

Nichi Vendola torna a scrivere poesie

 
l'iniziativa
Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

 
25 novembre
Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

 
Il virus
Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

 
fra progetti e sfide
Puglia militare, Matarrese dà il via ai lavori per i nuovi F-35 a Brescia

Puglia militare, Matarrese dà il via ai lavori per i nuovi F-35 a Brescia

 
Il video
Da Parigi a Tokyo: Dior accende le luminarie salentine in giro per il mondo. L'elogio di Emiliano

Da Parigi a Tokyo: Dior accende le luminarie salentine in giro per il mondo

 
L'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
mobilità sostenibile
Lecce, dipendenti Comune a lavoro in monopattino: tariffe speciali nei prossimi giorni

Lecce, dipendenti Comune a lavoro in monopattino: tariffe speciali nei prossimi giorni

 
La curiosità
Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

 
il libro
Biccari, gli scavi archeologici tra i pozzi per l'estrazione del metano

Biccari, gli scavi archeologici tra i pozzi per l'estrazione del metano

 
Ostaggi Selvaggi
Flavia Pennetta, «Non torno al tennis scelgo i figli»

Flavia Pennetta, «Non torno al tennis scelgo i figli»

 

Il Biancorosso

25 novembre
Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatAveva 79 anni
Covid, morto ad Andria Rettore Santuario SS. Salvatore

Covid, morto ad Andria ex rettore Santuario SS. Salvatore

 
LecceSalento
Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

 
Covid news h 24l'appello
Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

 
Tarantoagricoltura
Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

 
Covid news h 24sanità
Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

 
Matera25 novembre
Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

 

i più letti

Il film

Pascali in bianco e nero traccia del Sud che verrà

Oggi al Torino Festival online il film di Walter Fasano: «Pino» e i Bachi da setola

Pascali in bianco e nero traccia del Sud che verrà

«Questa è una storia di un ritorno, alla propria terra, al sole, al mare». Sono le parole lette dalla voce fuori campo che suggellano Pino di Walter Fasano, folgorante film in bianco e nero di circa sessanta minuti dedicato a Pino Pascali, disponibile da oggi sui canali web del 38.mo Torino Film Festival (la prima edizione del nuovo direttore Stefano Francia di Celle è infatti interamente online a causa della pandemia). Nato a Bari nel 1935 e morto a Roma in seguito a un incidente in motocicletta nel 1968 mentre le sue opere erano esposte alla Biennale di Venezia, Pascali è stato uno degli artisti più inquieti, immaginifici e vulcanici di una stagione straordinaria (su queste colonne i Lettori hanno imparato ad amarlo grazie agli articoli che nel tempo gli ha dedicato Pietro Marino).

Negli anni Sessanta della Pop Art, dell’Arte Povera, dell’affermarsi del Concettuale o del New Dada e insomma delle neoavanguardie che anticiparono e marcarono il grande fuoco del ’68, Pascali appare sulla scena insieme a Boetti, Schifano, Paolini, Festa, Kounellis, con la sua originalissima vena primitiva e decisamente post-moderna: il riutilizzo degli oggetti, le armi-giocattolo, i Carosello... «Solo io ho le chiavi di questa parata selvaggia», dice. La cifra essenziale che lampeggia in Pino è la fedeltà-infedeltà al genius loci mediterraneo da cui trae ispirazione. Tuttavia, nulla di arcadico, di nostalgico, di pacificato v’è nella sua ricerca, anzi, il sentimento del tempo in Pascali è sempre conflittuale: il passato e il presente si incontrano e si scontrano senza alcuna edulcorazione, si nutrono di suggestioni beffarde, bambinesche e appunto geo-sentimentali. Lo testimoniano i fotogrammi del reportage visuale SKMP2 di Luca Patella (1968) che mostrano la performance marittima in cui Pascali bacia e poi, sorridendo, annega la testa di una statua classica prima di riprendere a nuotare.

«Lasciare una traccia è lasciare una ferita», ascoltiamo in un altro passaggio del film scandito dalle voci multilingue di Suzanne Vega, Alma Jodorowsky, Monica Guerritore e Michele Riondino. Una babele nitida o un caos calmo, questa intuizione sonora di Walter Fasano, che evoca l’infanzia e l’adolescenza in quel di Polignano a Mare dove i genitori di Pascali avevano una casa per le vacanze e nel cui cimitero riposa, con gli scorci terragni e le casupole per gli attrezzi dei contadini pugliesi, e le scogliere su cui oggi si aprono le ampie vetrate del Museo Pascali. Ma in Pino echeggiano anche gli anni di studio a Napoli; la vita nella capitale fra l’atelier di via Boccea, dove accumula in cortile i cascami industriali per i suoi geniali bricolage, e le febbrili notti girovaghe o sulla pista da ballo del «Piper»; gli scontri dialettici con gli studenti che a Venezia nel ’68 contestano la Biennale, quando Pascali ribatte che è nella forma espressiva l’autentica dimensione politica di un artista (aveva ragione lui, avremmo scoperto molto dopo).

Il lavoro del cinquantenne Fasano, barese, montatore e sceneggiatore di grande valore (sodale di Luca Guadagnino) oltre che autore, prende le mosse dall’intento di documentare l’acquisizione della celebre opera di Pascali intitolata Cinque bachi da setola e un bozzolo, una serie concentrica di scovoli in nylon che simulano in scala gigante dei bachi da seta striscianti, una meraviglia datata febbraio 1968. L’installazione di proprietà della storica galleria romana «L’attico» di Fabio Sargentini, mentore e amico di Pino, due anni fa è stata acquistata per un milione e mezzo di euro dal Museo di Polignano (una fondazione pubblica-regionale). Lungo il filo del trasferimento dei «Bachi» con gli operai al lavoro, le casse da imballaggio e l’arrivo in Puglia, il regista provvidamente divaga e «si distrae», riuscendo proprio per ciò a mettere a fuoco l’orizzonte di Pascali, le sue radici e lo sguardo meridiano. Pino è un racconto per istantanee dell’anelito luminoso e della vocazione ibrida dello scultore-grafico-performer, da cui Fasano si lascia conquistare. Egli ricorre così al contrappunto lirico e musicale rispetto alle immagini scattate dallo stesso Pascali, al repertorio di Claudio Abate, Elisabetta Catalano e Ugo Mulas, e delle riprese di Pino Musi le cui foto costituiscono il nucleo centrale del film, un po’ come nel leggendario La jetée di Chris Marker (1962), citato nei titoli di coda fra i numi tutelari al pari di Arthur Rimbaud e Alain Resnais. Nello spazio-tempo di Pascali si intravede un ritorno al futuro che equivale più propriamente al «futuro del ritorno» nel Sud: lontano - speriamo - dal rimpianto paralizzante oggi in auge nelle arti e nelle lettere, invece con l’energia e l’ironia che furono di Pino.

Il film è prodotto da «Passo Uno» per Regione Puglia, Fondazione Pino Pascali e Apulia Film Commission che nel 2017 aveva già contribuito a Sull’orlo della gloria. La vita e le opere di Pino Pascali diretto da Maurizio Sciarra con i testi della critica d’arte Anna D’Elia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie