Giovedì 27 Febbraio 2020 | 13:19

NEWS DALLA SEZIONE

Il recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 
Il concorso
Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

 
La polemica
Le dichiarazioni di Bardi: «Quarantena solo per i lucani»

Le dichiarazioni di Bardi: «Quarantena solo per i lucani»

 
Il caso
Mafia, blitz dei carabinieri contro traffico di droga in Basilicata: 16 fermi

Mafia, blitz dei carabinieri contro traffico di droga in Basilicata: 16 fermi. Torture per estorcere denaro

 
le rassicurazioni
Nova Siri, sindaco: «Donna cinese in quarantena volontaria, anche l'uomo di Francavilla è stato in isolamento da noi»

Nova Siri, sindaco: «Donna cinese in quarantena volontaria, anche l'uomo di Francavilla è stato in isolamento da noi»

 
nel Materano
Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

 
il 23 febbario
Le maschere antiche della Basilicata sfileranno al Carnevae di Fiume

Le maschere antiche della Basilicata sfileranno al Carnevale di Fiume

 
Ambiente
Montalbano, sequestrata discarica abusiva: denunciato titolare di azienda edile

Montalbano, sequestrata discarica abusiva: denunciato titolare di azienda edile

 
Nel Materano
Montalbano, i CC intervengono per sedare rissa e si trovano davanti un ricercato: arrestato 37enne

Montalbano, i CC intervengono per sedare rissa e si trovano davanti un ricercato: arrestato 37enne

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batcos aci faceva lì
Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

 
Tarantoil siderurgico
Mittal, attese domani firme su accordo ex Ilva. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

Mittal, attese domani firme su accordo. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

 
NewsweekLa storia
Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

 
BariL'iniziativa
Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

 
Leccelibri
«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

Nel Materano

Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

Nascono le «pluriclassi», ma i genitori protestano: non sarà garantita un'adeguata didattica

Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

“Vogliamo le classi: è solo una questione politica, che ha già creato disagi alla nostra cittadina e non fa che aumentare il problema dello spopolamento di cui tanto si parla”. Così i genitori degli alunni delle scuole elementari e medie di Craco, che da ieri mattina protestano con tanto di occupazione della sala consiliare per sensibilizzare le istituzioni a tornare sui loro passi ed eliminare le cosiddette pluriclassi. In pratica, dopo aver dovuto digerire la “pillola” del dimensionamento scolastico, cha ha accorpato l’istituto locale a quello di Montalbano Jonico, con sede amministrativa certamente più distante rispetto a quella precedente e storica, cioè Pisticci, ora da queste parti hanno anche dovuto subire l’onta delle pluriclassi. Stante la endemica carenza di alunni, infatti, a Craco sono state soppresse ben due classi. Risultato? Da quest’anno gli alunni che frequentano la prima, la seconda e la terza media sono stati tutti collocati in un’unica classe, la cosiddetta pluriclasse, appunto, che certamente non favorisce la normale didattica.

Stessa situazione, più o meno, alle elementari. Qui, infatti, le pluriclassi sono due: una raggruppa gli scolari che frequentano prima, seconda e terza, l’altra quelli di quarta e quinta. Siamo tornati, in pratica, agli anni cinquanta, sessanta e settanta, quando gli istituti scolastici erano molti di più di quelli di adesso, e, in alcuni casi, vi erano proprio le pluriclassi, poi soppresse. Da ieri, come detto, la protesta si è, per così dire, istituzionalizzata, sbarcando nella sede del Comune. I genitori di coloro che frequentano la scuola media, che avevano già iniziato a protestare l’11 settembre, giorno dell’avvio dell’anno scolastico, tanto che finora non c’era stato alcun giorni di lezione alla media, hanno ricevuto la solidarietà di quelli degli studenti delle elementari. Tutti insieme, hanno portato la protesta nella sala consiliare.

“Chiediamo che ai nostri figli venga assicurato il diritto allo studio, visto che le ultime scelte politiche fatto sì che gli alunni delle scuole di Craco siano stati fortemente penalizzati nell’esercizio di questo loro diritto”, hanno spiegato i genitori. Che poi hanno aggiunto: “Le classi che clandestinamente ci hanno tolto debbono ridarcele. Non abbiamo dubbi, è stata una scelta politica che ha penalizzato non solo i nostri ragazzi, ma l’intera comunità di Craco. Tutto questo non fa che alimentare lo spopolamento del nostro paese”. I genitori hanno naturalmente il pieno sostegno politico del vice sindaco facente funzioni, Domenico Montemurro, che, come istituzione, ha cercato sul fronte interno di scongiurare lo sciopero, e, su quello esterno, di intessere interlocuzioni con le istituzioni provinciali e regionali. Purtroppo, al momento senza esito. La vicenda, infine, ha già iniziato a produrre i suoi effetti nefasti: uno degli studenti di Craco è stato iscritto alla media di Montalbano Jonico e, a quanto pare, potrebbe essere seguito almeno da un altro, mentre un’intera famiglia crachese ha paventato il trasferimento di tutto il nucleo a Policoro. Ecco come si uccide un paese: con le leggi cervellotiche che contemplano solo numeri, dimenticandosi che gli alunni sono persone in carne e ossa e che le comunità, senza le persone, scompaiono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie