Domenica 19 Maggio 2019 | 18:23

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceQuesta mattina
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Martedì atteso Salvini

 
BatTrasporti
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Ferrovie, il Mit annuncia: in Puglia nuovi servizi sull'Alta velocità. Ma non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Prestare più ascolto per evitare il rischio suicidio

Il suicidio giovanile nella società del benessere! Come mai? In tre comuni della nostra Provincia, vicini uno all’altro, tre famiglie sono nella disperazione e tre comunità sgomente e incredule. Tre suicidi in quattro giorni: una giovane 21enne di Veglie, un 35enne di Galatone e una studentessa, appena maggiorenne, di Lecce. Il suicidio dell’adolescente e del giovane mette sempre in crisi educatori e familiari e sollecita la ricerca delle cause che l’hanno determinato. Non può confortare il dato statistico secondo il quale nei Paesi economicamente e socialmente più avanzati – quelli del Nord Europa, per intenderci – il suicidio giovanile sia più frequente; e non bisogna dichiarare la resa. A scuola gli insegnanti dovrebbero, forse, dedicare più tempo alla formazione umana che a quella culturale degli alunni, e, a casa, i genitori dovrebbero essere più presenti, curando il dialogo, che da un po’ di tempo non c’ è più nelle famiglie. In questo modo, forse , si accorgerebbero del disagio di vivere che affligge, a volte, i figli tanto da indurli a commettere il gesto estremo.


Salvatore Sisinni, Squinzano (Lecce)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400