Martedì 19 Febbraio 2019 | 09:48

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Non va dimenticata la lezione del turco Ataturk

Il primo febbraio ci sarà «La giornata mondiale dello Hijab» per protestare contro, e per rendere visibile il problema tutte le donne per un giorno dovrebbero indossare il velo mussulmano. C'è chi lo farà e chi dicendo, scrivendo anche urlando afferma esattamente il contrario, cioè che per contestarlo in toto non bisognerebbe metterlo anzi abolirlo dal guardaroba. Si dimentica facilmente che il primo Presidente della Turchia moderna, Kemal Ataturk che governò dal 1923 al 1938 abolì il velo nei locali pubblici, e a Istanbul vi è una grande statua di tipo verista che rappresenta una donna colta nel momento che si toglie il velo, simbolo di sottomissione e annullamento dell'identità femminile. Se ci si nasconde, si scompare, si diventa invisibile e l'affermazione dei propri diritti civili diventa più debole. La galassia orientale è grande e ogni Nazione avrà i suoi eroi e i suoi punti di riferimento, ma la lezione di Ataturk non va dimenticata.

Lilli Maria Trizio (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400