Giovedì 30 Giugno 2022 | 13:16

In Puglia e Basilicata

LA RIFLESSIONE

Draghi e l'ex Ilva: Taranto non vuole propaganda

Draghi e l'ex Ilva: Taranto non vuole propaganda

L'ex Ilva di Taranto

Le parole da brividi del Premier sull'obiettivo di rilanciare la più grande acciaieria d’Europa. Sullo Jonio la realtà resta inquinante

09 Giugno 2022

Mimmo Mazza

Un brivido è sceso ieri lungo la schiena dei tarantini e dei pugliesi sentendo il presidente del Consiglio Mario Draghi dire che «il Governo intende riportare l’Ilva a quello che era quando era competitiva, era la più grande acciaieria d’Europa, non possiamo permetterci che non produca ai livelli a cui è capace di fare, a cui produce anche oggi». Parole spazzate via dal vento che nel pomeriggio ha alzato i soliti nuvoloni di polveri al rione Tamburi e al porto, nei moli riservati all’azienda siderurgica, macchiando lo skyline di una città che ieri ha ospitato contemporaneamente ben due navi da crociera. Secondo la corte d’assise, quando la fabbrica era competitiva, era anche fonte di malattie e morti per operai e residenti. E secondo alcuni report, puntualmente smentiti da Acciaierie d’Italia anche ora le cose non è che vanno proprio a meraviglia.

Il caso-Taranto non si risolve con gli slogan. Servono fatti seri e convergenti su un dato: produrre acciaio non nuocerà più a nessuno. Altrimenti, è solo propaganda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725