Mercoledì 05 Agosto 2020 | 06:11

NEWS DALLA SEZIONE

CALCIO
Lecce guarda subito avanti

Lecce guarda subito avanti: Corvino direttore sportivo

 
calcio
La promessa solenne di Sticchi Damiani:«Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

Lecce, la promessa di Sticchi Damiani: «Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

 
SERIE A
Parma - Lecce

Nulla di fatto per il Lecce: 3-4 in casa col Parma e scende in B

 
Calcio
Lecce, notte batticuore. Ecco la partita della vita

Lecce, notte al cardiopalma: tutto pronto per la partita della vita

 
SERIE A
L'urlo di Sticchi Damiani: «Orgoglioso del Lecce»

L'urlo di Sticchi Damiani: «Orgoglioso del Lecce»

 
SERIE A
Il Lecce si aggrappa a nuovi eroi

Il Lecce si aggrappa a nuovi eroi, da Mancosu a Lapadula

 
L'invito
Comune Lecce espone bandiera giallorossa: «Fatelo tutti»

Comune Lecce e Arcivescovo Seccia espongono bandiera giallorossa: «Fatelo tutti»

 
Serie A
Udinese - Lecce finisce 2 a 1 per i giallorossi: la speranza di restare in A resta

Udinese - Lecce finisce 2 a 1 per i giallorossi: c'è speranza di restare in A

 
SERIE A
Il Lecce aggrappato alla matematica: vincere a Udine potrebbe non bastare

Il Lecce aggrappato alla matematica: vincere a Udine potrebbe non bastare

 
lecce
Liverani: «Domani a Udine daremo il massimo per non avere rimpianti»

Liverani: «Domani a Udine daremo il massimo per non avere rimpianti»

 
CALCIO
Lecce tra speranza e rammarico, il Var resta un argomento spinoso

Lecce tra speranza e rammarico, il Var resta un argomento spinoso

 

Il Biancorosso

SERIE C

Bari, una panchina per 4: Vivarini in pole position

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa decisione
Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare i piromani»

Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare gli incendiari»

 
PotenzaIn Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
TarantoLa richiesta
Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi»

Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi». Aziende lamentano ritardi nei pagamenti

 
MateraLa novità
Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

 
LecceIL MISTERO
Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

 
Batl'operazione
Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 

i più letti

Serie A

Lecce, a San Siro spalle al muro: l'Inter di Conte gliene rifila 4

La prima di campionato per i giallorossi si chiude con un poker neroazzurro. Liverani: brutta sconfitta ma siamo sulla strada giusta

Lecce, a San Siro spalle al muro: l'Inter di Conte gliene rifila 4

L’impatto con la serie A è duro, come nelle previsioni. Il Lecce esce da San Siro con quattro gol sul groppone: il segnale che questa è tutta un’altra categoria. Considerazione scontata, specie se vai a giocare sul campo di una big come l’Inter.
Eppure, anche in una sconfitta così pesante, non tutto è da buttare. I giallorossi hanno messo in mostra buoni spunti, hanno a tratti giocato alla pari, nonostante una gara presto in salita. Si può sperare di competere, almeno con avversari più abbordabili.

 Antonio Conte ha acceso il sogno, quello di ridurre il divario tecnico dalla Juventus, di dare all’Inter un ruolo finalmente da protagonista in un campionato dominato per anni dai colori bianconeri, di affacciarsi alla Champions con le giuste aspettative e più di una velleità. L’uomo giusto al posto giusto anche se è solo l’esordio in un lunedì di fine estate: l’Inter è ancora da fare, aspetta un altro attaccante dopo Lukaku, punta su un centrocampista mentre Mauro Icardi resta escluso e marginalizzato, incapace di tenere a freno l'ingombrante consorte. Ultimo affondo quello di Beppe Marotta che non ha gradito le parole di Wanda Nara che continua a imperversare in televisione, senza freni nè limiti quasi aggravando la già traballante posizione di Maurito. «Nessuno ha chiesto a Icardi di restare», dice Marotta nel prepartita, mettendo una pietra tombale sull'ipotesi già remota che l’ex capitano possa rimanere.
 
Conte non fallisce all’esordio come del resto Lukaku, al fianco di Lautaro in attacco. In difesa cambio in extremis tra De Vrij e Ranocchia per problemi fisici dell’olandese. La difesa, senza due titolari contando anche Godin, rischia comunque poco. Bene il centrocampo. Cresce nel secondo tempo Lautaro Martinez che, dopo aver sprecato un’ottima occasione al 17', propizia il 3-0 di Lukaku e cerca la conclusione dalla distanza. L’Inter, dopo qualche minuto di assestamento, con un intervento provvidenziale di Skriniar sulla linea e un’uscita avventurosa di Handanovic al 14', domina e convince. La mano di Conte si intravede già. Il 3-5-2 esalta Brozovic che sblocca la partita con un gol splendido al 21': destro a giro da fuori area sotto l’incrocio dei pali.
 
Esplode lo stadio ed esplode Conte. Adrenalina, passione, entusiasmo, come aveva chiesto alla vigilia. Tre minuti più tardi è Sensi a trovare il raddoppio. Un gol di caparbietà ma anche qualità: primo tiro respinto, poi vince un rimpallo, dribbla due difensori e calcia di nuovo con un rasoterra ad incrociare. Il Lecce subisce il contraccolpo, Brozovic e Asamoah sfiorano il 3-0. Quando, poi, al termine del primo tempo le solite disattenzioni sembrano far capolino nelle retrovie, Conte si sbraccia e urla nervoso. E’ un perfezionista e ha fatto una promessa: 'Non sarà pazza Inter'. Pazzo, come il disimpegno in orizzontale davanti alla propria porta di Brozovic che per un soffio non diventa un assist al Lecce.

LIVERANI: BRUTTA SCONFITTA MA SIAMO SULLA STRADA GIUSTA

«Il risultato è pesante ma non ci cambia nulla. Volevo vedere una squadra di personalità anche nei momenti di difficoltà, a questo livello si paga ogni disattenzione. Il nostro scudetto è la salvezza». Non fa dramma l'allenatore del Lecce, Fabio Liverani, dopo lo 0-4 rimediato a San Siro contro l’Inter di Conte. «Loro hanno giocatori - aggiunge Liverani ai microfoni di Dazn - con qualità individuali che fanno la differenza, ma noi volevamo provare a capire che calcio possiamo fare. Avevamo provato determinate situazioni tattiche, ma il passo di Asamoah e Candreva è stato differente rispetto a Rispoli e Calderoni. E quindi abbiamo sofferto. Siamo in fase di rodaggio anche noi, con diversi giocatori nuovi. Ma ripeto: mi interessava vedere oggi soprattutto la mentalità in uno stadio come San Siro».
 
TABELLINO
Inter-lecce 4-0 (2-0).
Inter (3-5-2): Handanovic; D’Ambrosio, De Vriij, Skriniar; Candreva, Vecino (21' st Barella), Brozovic, Sensi (28' st Gagliardini), Asamoah; Lautaro Martinez (33' st Politano), Lukaku (27 Padelli, 46 Berni, 11 Dimarco, 13 Ranocchia, 29 Dalbert, 95 Bastoni,19 Lazaro, 20 Borja Valero, 23 Barella, 16 Politano, 30 Esposito) All.: Conte.
 
Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli (27' st Benzar), Rossettini, Lucioni, Calderoni; Petriccione (16' st Mancosu), Tachrsidis, Majer, Falco; La Mantia (16' st Farias), Lapadula (22 Vigorito, 95 Bleve, 2 Riccardi, 3 Vera, 7 Haye, 8 Mancosu, 11 Shakov, 17 Farias, 20 Dubickas, 23 Tabanelli, 39 Dell’Orco). All.: Liverani.
Arbitro: La Penna.
Reti: nel pt 21' Brozovic, 24' Sensi; nel st 15' Lukaku, 39' Candreva
Angoli: 7 a 6 per il Lecce.
Recupero: 0' e 0'.
Espulsi: Farias per gioco falloso
Ammoniti: Petriccione, Lautaro, Lapadula.
Spettatori: 64.188.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie