Domenica 24 Marzo 2019 | 05:59

NEWS DALLA SEZIONE

La sfida è aperta
TUTELATI - Bietola melanzane ripiene  sivone e lampascione

Puglia, crescono i prodotti «Pat»

 
Innovazione della filiera agroalimentare
Da sinistra: Antonello Magistà (SALA), Salvatore Turturo (CHEF) e Marianna Cardone (VINO)

La «primavera» arriva in cucina

 
Prima iniziativa il 14 aprile
Da sinistra: Donato Taurino presidente di Buonaterra, Maria Teresa Varvaglione presidente Mtv Puglia, Giuseppe Schino presidente La Puglia è servita

2019, anno ad alti livelli per enogastronomia e ristorazione di qualità

 
La qualità trionfa
VERONA - La premiazione  dell’allevatrice  Mariangela Netti di Turi

Quando il latte non è tutto uguale

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini
"Palmese difesa forte e ben organizzata"

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

Taranto, il Comune avvia la bonifica dell'area attorno al fiume Galeso

 
PotenzaVerso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
BariPer i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
FoggiaMaltrattamenti in famiglia
Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

 
LecceNel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
GdM.TVTraffico in tilt
Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 

Buongusto

Siamo «made in Italy» nel mondo

Anno internazionale del cibo italiano col terzo compleanno del «Buongusto»

ECCELLENZE - Un tipico caciocavallo lucano farcito di pasta

ECCELLENZE - Un tipico caciocavallo lucano farcito di pasta

di Antonella Millarte

BUONGUSTO - A tavola ci si ritrova tutti, di ogni razza del variegato mondo o di ogni colore politico.

La buona tavola appiana ogni difficoltà, mette tutti d’accordo ma, soprattutto, è il motore di quella industria della piacevolezza, che va sottobraccio con la salute: la cucina.

Che squisita coincidenza, con l’avvio del 2018, l’inizio dell’anno internazionale del cibo italiano nel mondo ma anche, per i nostri tantissimi affezionati lettori, la celebrazione del terzo anniversario della pagina del Buongusto. Un’idea del direttore de “La Gazzetta del Mezzogiorno” Giuseppe De Tomaso, uomo di cultura vastissima e altrettanto ampia percezione del valore tangibile e intangibile della nostra coltura. Tradurre la sua intuizione in realtà, partendo dagli sterminati giacimenti del gusto di Puglia e Basilicata, è stato un difficile equilibrio basato sulla scelta – ogni venerdì – di ciò che rappresenta al meglio la cultura made in Sud di questi territori bellissimi, da visitare e mangiare, allo stesso tempo e con la stessa passione.

Il made in Italy altro non è che la collezione di almeno venti culture enogastronomiche. Puglia e Basilicata, ricche di biodiversità della materia prima e di tradizioni culinarie millenarie gelosamente preservate, ma sempre aperte all’innovazione, si esprimono in quelle che – modernamente – potremmo chiamare “Le famiglie del food”. Alcune sono “famiglie” patriarcali come quelle di Divella a Rutigliano o Di Leo a Matera. Altre sono matriarcali, come quella delle sorelle Marina e Daniela Mastromauro di Granoro a Corato. Ma sono solo la punta di diamante, con fatturati da milioni di euro, di aziende che portano l’industria alimentare pugliese in tutto il mondo.

C’è poi un “esercito” armato di orgoglio, passione, dedizione e tipicità che è quello delle piccole e medie imprese pugliesi e lucane. Famiglie, che di generazione in generazione, crescono e vanno avanti. Famiglie allargate, come quelle delle cooperative vitivinicole che oramai macinano numeri importantissimi nei calici del globo. In quei 40 miliardi di export 2017 – fatti non solo di cibo ma di paesaggio e identità – ci siamo tutti noi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400