Mercoledì 19 Settembre 2018 | 18:49

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Buongusto

Siamo «made in Italy» nel mondo

Anno internazionale del cibo italiano col terzo compleanno del «Buongusto»

ECCELLENZE - Un tipico caciocavallo lucano farcito di pasta

ECCELLENZE - Un tipico caciocavallo lucano farcito di pasta

di Antonella Millarte

BUONGUSTO - A tavola ci si ritrova tutti, di ogni razza del variegato mondo o di ogni colore politico.

La buona tavola appiana ogni difficoltà, mette tutti d’accordo ma, soprattutto, è il motore di quella industria della piacevolezza, che va sottobraccio con la salute: la cucina.

Che squisita coincidenza, con l’avvio del 2018, l’inizio dell’anno internazionale del cibo italiano nel mondo ma anche, per i nostri tantissimi affezionati lettori, la celebrazione del terzo anniversario della pagina del Buongusto. Un’idea del direttore de “La Gazzetta del Mezzogiorno” Giuseppe De Tomaso, uomo di cultura vastissima e altrettanto ampia percezione del valore tangibile e intangibile della nostra coltura. Tradurre la sua intuizione in realtà, partendo dagli sterminati giacimenti del gusto di Puglia e Basilicata, è stato un difficile equilibrio basato sulla scelta – ogni venerdì – di ciò che rappresenta al meglio la cultura made in Sud di questi territori bellissimi, da visitare e mangiare, allo stesso tempo e con la stessa passione.

Il made in Italy altro non è che la collezione di almeno venti culture enogastronomiche. Puglia e Basilicata, ricche di biodiversità della materia prima e di tradizioni culinarie millenarie gelosamente preservate, ma sempre aperte all’innovazione, si esprimono in quelle che – modernamente – potremmo chiamare “Le famiglie del food”. Alcune sono “famiglie” patriarcali come quelle di Divella a Rutigliano o Di Leo a Matera. Altre sono matriarcali, come quella delle sorelle Marina e Daniela Mastromauro di Granoro a Corato. Ma sono solo la punta di diamante, con fatturati da milioni di euro, di aziende che portano l’industria alimentare pugliese in tutto il mondo.

C’è poi un “esercito” armato di orgoglio, passione, dedizione e tipicità che è quello delle piccole e medie imprese pugliesi e lucane. Famiglie, che di generazione in generazione, crescono e vanno avanti. Famiglie allargate, come quelle delle cooperative vitivinicole che oramai macinano numeri importantissimi nei calici del globo. In quei 40 miliardi di export 2017 – fatti non solo di cibo ma di paesaggio e identità – ci siamo tutti noi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

BRINDARE - Ecco come lavorare con la birra dopo la detenzione

Il pane diventa birra, in carcere

 
AL MATTINO - Scegliamo con cura come nutrirci

La colazione: trappola o salutare?

 
DAL FORNO - Bontà tipiche nell’aspetto,  gli ingredienti fanno la differenza

Come il falso tarallo prende in giro pancia e tasca

 
ALLEVATO - Un impianto per spigole e orate nel Mare Jonio a Taranto

Ma quale fritturina di paranza?

 

GDM.TV

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 
Bari, il raduno dei bikers:moto, birra e tanta musica IL VIDEO

Bari, il raduno dei bikers: moto,
birra e tanta musica fino a sera

 
Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

 
Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino»

Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino» VD

 

PHOTONEWS