Giovedì 25 Febbraio 2021 | 11:33

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoguardia di finanza
Truffa gasolio a Taranto; sequestrati 2 mln di beni a 5 imprese

Truffa gasolio a Taranto; sequestrati 2 mln di beni a 5 imprese

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
Barinel Barese
Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

 
FoggiaI fatti a settembre
Foggia, tabaccaio ucciso durante rapina: 5 persone arrestate dopo 5 mesi

Foggia, tabaccaio ucciso in rapina: 5 persone arrestate dopo 5 mesi, anche un minore VD

 
MateraIl virus
Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

 
LecceL'incidente
Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Risultati pubblicati su «Agriculture»

Fave fresche contro il Parkinson

Su una rivista internazionale lo studio dell’Università di Bari per il «Biodiverso»

Fave fresche

C’è un motivo in più per piantare le fave: aiutano a combattere il morbo di Parkinson. Sono questi i risultati, a cura dei ricercatori Pietro Santamaria e Massimiliano Renna del Dipartimento di Scienza Ambientale ed Agricolturale dell’Università di Bari, pubblicati nella rivista internazionale “Agriculture”.

Chiariamo subito, a noi che abbiamo fatto del piatto di fave e verdure un simbolo della Puglia, che l’elevato contenuto di vitamina C e di L-dopa (levo-diidrossifenilalanina) che è un precursore naturale del neurotrasmettitore dopamina utilizzato dai pazienti affetti dal morbo di Parkinson, sono contenuti nella fava fresca (o fava novella). Quindi, per fare chiarezza, non riguardano la fava secca.

Il progetto di ricerca BiodiverSO, finanziato con i Programmi di Sviluppo Rurale della Puglia 2014- 2020, si è rivelato in questi anni una fonte inesauribile di notizie che, di fatto, confermano la bontà nutraceutica delle abitudini della Dieta Mediterranea. Dalla fava fresca, infatti, arriva un grosso contributo alla nostra salute. A ciò si unisce che, i legumi, rivestono un ruolo importante sia per la sostenibilità ambientale in agricoltura (grazie ai batteri azotofissatori che vivono in simbiosi con le radici delle leguminose favorendo l’arricchimento in azoto del terreno), sia per la nutrizione umana (grazie al loro contenuto di proteine, carboidrati e minerali). Lo studio sulle caratteristiche qualitativo-nutrizionali delle fave novelle è stato realizzato nell’Azienda sperimentale “La Noria” a Mola di Bari dell’Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari (Consiglio Nazionale Ricerche - CNR-ISPA). Ha riguardato la caratterizzazione di quattro varietà locali di fava (Cegliese, Iambola, San Francesco e FV5). Dal confronto allargato anche a due cultivar commerciali (Aguadulece supersimonia e Viola extra precoce) è emersa la presenza di un alto contenuto di L-dopa specialmente nella varietà Cegliese. La rivista “Agriculture” è ad accesso libero e l’articolo può essere scaricato in formato pdf (https://www.mdpi.com/).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie