Sabato 01 Ottobre 2022 | 23:06

In Puglia e Basilicata

IL CASO

A Ostuni ancora tanti turisti, ma niente più toilet

A Ostuni ancora tanti turisti, ma niente più toilet

A Ostuni toilet pubbliche «fuori servizio»

La grave carenza a causa della scaduta convenzione per i servizi pubblici cittadini

22 Settembre 2022

Flavio Cellie

Scaduta la convenzione: i bagni pubblici della Città bianca restano chiusi con un flusso turistico ancora imponente.
Dalla mattinata di ieri 20 settembre 2022, le porte di tutti i bagni pubblici di Ostuni sono chiuse a causa della scadenza della convenzione scaduta e non prorogata al momento dal Comune. E così le scene che si ripetono in queste ore sembrano dipanarsi tutte su uno stesso copione: i turisti arrivano in auto o in pullman nei parcheggi della zona a ridosso del centro storico, si dirigono verso il bagno e trovano la porta chiusa. Molti sono così costretti a ricorrere ai bagni degli esercizi commerciali che vengono presi letteralmente d’assalto. In questi giorni Ostuni è visitata anche da turisti anziani, che magari hanno atteso temperature meno torride per le loro gite, ma che spesso all’arrivo, dopo magari diverse ore di viaggio, ha bisogno del bagno prima iniziare la visita nella Città Bianca. E purtroppo trova chiusi i bagni pubblici. Sull’argomento è intervenuta la ex consigliera comunale Angela Matarrese che ha affermato: «La gestione commissariale si sta rilevando più dannosa di quanto si potesse immaginare. Tutti i bagni pubblici della nostra Città sono chiusi con grave disagio per cittadini e turisti, in particolare per coloro che arrivano numerosi in pullman che, dopo aver parcheggiato in via Tenente Specchia, non possono usufruire dei servizi igienici che pure ci sono e sono in ottimo stato».

Una città turistica non può permettersi di avere dei servizi pubblici così scadenti o pressoché inesistenti, il problema dei bagni pubblici è stato sollevato più volte anche da La Gazzetta, nei mesi estivi, quando magari è capitato che il servizio fosse carente, essendo disponibile solo in alcune ore della giornata. «Ho provveduto ad inviare una pec al Comune segnalando formalmente il problema, spero si intervenga subito – conclude Angela Matarrese - perché siamo di fronte alla mancata erogazione di pubblici servizi, la cui carenza crea problemi per gli avventori che scelgono Ostuni per la propria vacanza o weekend».

Adesso con l’arrivo dell’autunno si spera che la Commissione prefettizia, dia indicazione agli uffici di risistemare i bagni pubblici della città (alcuni inagibili), affidandone la gestione per tempo in modo da non farsi trovare impreparati in vista delle prossime festività natalizie. Ormai siamo già a fine settembre ed è importate far trovare una città accogliente e preparata almeno nei servizi essenziali ai turisti del periodo autunnale ed invernale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725