Lunedì 21 Settembre 2020 | 14:52

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 
Malavita
Francavilla, la casa bazar delle droghe

Francavilla, scoperta casa «bazar» delle droghe: 4 in manette

 
nel Brindisino
Pezze di Greco, geloso massacra la «ex» davanti alla figlioletta

Pezze di Greco, geloso massacra la ex davanti alla figlioletta

 
Ambiente
Brindisi, misteriosa moria di pesci in un laghetto delle Saline Indagano i Cc Forestali

Brindisi, misteriosa moria di pesci in un laghetto delle Saline: indagano i Cc Forestali

 
L'evento
Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

 
Originari del Napoletano
Si fingevano carabinieri e avvocati e truffavano anziani nel Brindisino: 6 arresti

Si fingevano carabinieri e avvocati e truffavano anziani nel Brindisino: 6 arresti

 
Controlli dei CC
Erchie, apre bar abusivo in un garage: multato 49enne titolare di reddito di cittadinanza

Erchie, apre bar abusivo in un garage: multato 49enne titolare di reddito di cittadinanza

 
Sanità
Cisternino, consegnati i lavori e aperta la Casa della Salute

Cisternino, consegnati i lavori e aperta la Casa della Salute

 
Regionali 2020
Regionali, Boccia a Latiano: «Nostra Puglia verde e ambientalista»

Regionali, Boccia a Latiano: «Nostra Puglia verde e ambientalista»

 
nel Brindisino
Francavilla Fontana: a scuola divise per maschi e femmine, polemiche

Francavilla Fontana: a scuola divise per maschi e femmine, polemiche

 
Antimafia
Scu, nella relazione della Dia la situazione a Brindisi e provincia

Scu: nella relazione della Dia la situazione a Brindisi e provincia

 

Il Biancorosso

Calcio serie C
Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoEmergenza Rsa
Ora 6 i morti per Covid-19 a Villa Genusia a Ginosa

Ora 6 i morti per Covid-19 a Villa Genusia a Ginosa

 
BariIl contagio di ritorno
Coronavirus, tampone per il Covid-19

Coprifuoco a Cassano: salgono a 15 i casi di covid, chiusi i bar alle 20.30

 
BatL'addio di un amico
Barletta, addio a Pasquale meccanico alla Ferrari morto per infarto

Barletta, addio a Pasquale meccanico alla Ferrari morto per infarto

 
Foggiala denuncia
Cerignola, roghi notturni e cattivo odore: proteste dai rioni per l'inquinamento

Cerignola, roghi notturni e cattivo odore: proteste dai rioni per l'inquinamento

 
Materacontrolli della ps
Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

 
Potenzai dati regionali
Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

 
LecceAsfalto insidioso
Schianto e poi scoppia rogo a Porto Cesareo: in coma un 27enne

Porto Cesareo, l'auto si schianta contro albero e prende fuoco: in coma un 27enne

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 

i più letti

Pub Ciporti

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Il locale aveva appena riaperto dopo l'ultimo danneggiamento

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

FASANO - Terzo attentato incendiario al pub Ciporti, che aveva riaperto al pubblico giovedì scorso dopo i lavori di ristrutturazione seguiti a due incendi dolosi. Questa volta gli attentatori hanno usato un’auto rubata, che è stata data alle fiamme dopo che è stata accostata alla vetrata di ingresso al locale, per recapitare il loro inquietante messaggio. Il Ciporti è ubicato sotto i Portici dell’ex convento delle teresiane, nel salotto buono del centro cittadino. La scorsa notte, dopo le 4, un ignoto attentatore ha portato una Fiat Panda, che era stata rubata poco prima in via Meucci, dall’altra parte della città, ai Portici (zona interdetta al traffico dei veicoli a motore) e le ha dato fuoco. In pochi secondi l’utilitaria di provenienza furtiva si è trasformata in una palla di fuoco.

Le fiamme hanno danneggiato la porta di ingresso al pub e hanno annerito l’intero porticato dell’ex convento (il complesso è di proprietà del Comune, che nel corso degli anni ha alienato i locali che si affacciano sotto il porticato). Il rogo ha causato danni, che sono in corso di quantificazione, anche all’interno del pubblico esercizio. Per domare le fiamme è stato necessario l’intervento di una squadra di Vigili del fuoco. Sul posto, l’altra notte, sono arrivate anche diverse pattuglie dei carabinieri.

Una sequenza inquietante di attentati che non lascia alcun dubbio: qualcuno ce l’ha con i titolari del Ciporti. Nell’arco di tre mesi quattro messaggi intimidatori sono stati recapitati agi titolari del pubblico esercizio, che ha la sua sede “storica” sotto i Portici e in estate si “trasferisce” a Torre Canne, sulla banchina del porto della frazione balneare. La sequenza di attentati è partita nella notte tra il 14 e il 15 agosto scorsi. Un ignoto attentatore, dopo aver tentato, senza riuscirci, di sfondare la vetrata della porta di ingresso del locale, ha appiccato le fiamme.

Le lingue di fuoco hanno danneggiato la porta e le pareti esterne del locale, ma nel complesso non hanno causato ingenti danni. Forse proprio alla luce dell’insuccesso della sua prima sortita nella notte tra il 19 e il 20 agosto scorsi l’attentatore è tornato all’attacco. L’ignoto incendiario ha sfondato la vetrata del Ciporti e ha lanciato all’interno del locale un’esca di fuoco. I danni causati dall’attentato incendiario sono stati ingenti: le fiamme hanno devastato il locale che, dopo i necessari lavori di ristrutturazione, aveva riaperto al pubblico giovedì scorso. Il 30 agosto scorso, poco prima dell’alba, una molotov è stata lanciata contro la Peugeot 3008 di proprietà di uno dei titolari del pub. La monovolume di fabbricazione francese era parcheggiata nei pressi del porto di Torre Canne.
Vendetta, avvertimento, racket. Tante le ipotesi ma - al momento - un’unica certezza: quella di lanciare un inquietante avvertimento di stampo mafioso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie