Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:30

NEWS DALLA SEZIONE

Stalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
Sventata truffa
Ceglie Messapica, anziana mette in fuga finto maresciallo e finto avvocato

Ceglie M., anziana mette in fuga finto maresciallo e finto avvocato

 
La denuncia
Brindisi, si faceva inviare video hard da sua allieva di 12 anni

Brindisi, si faceva inviare video hard da sua allieva di 12 anni

 
Vento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
L'ordinanza
Brindisi, Sì alle spiagge «plastic-free» ma materiale sostitutivo è carente

Brindisi, Sì alle spiagge «plastic-free» ma materiale sostitutivo è carente

 
Molestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
I controlli su strada
S. Pancrazio Salentino, beccato con mazza da baseball in auto: denunciato

S. Pancrazio Salentino, beccato con mazza da baseball in auto: denunciato

 
Stalking
Brindisi, molestava l'ex compagna e la figlioletta: arrestato 48enne

Brindisi, molestava l'ex compagna e la figlioletta: arrestato 48enne

 
Curiosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 
L'incidente
Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

 
Il caso
Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Dopo due anni

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Il gip vuole vederci chiaro sulle cause del decesso di una donna

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

È stato riesumato sabato scorso, presso il cimitero di Fasano, il corpo di una donna deceduta due anni fa. L’intento è quello di fare piena luce su un presunto caso di malasanità tutta fasanese, nel quale risultano indagati quattro medici che all’epoca dei fatti erano in servizio presso l’ospedale “Umberto I” di Fasano.
La Procura della Repubblica di Brindisi, infatti, sta eseguendo ulteriori indagini per fare piena luce su una presunta morte sospetta. Tutto ha inizio qualche minuto prima delle 20 del 21 febbraio 2017: una fasanese di 71 anni – Antonia F. – accusa un malore e si reca al pronto soccorso dell’ospedale “Umberto I” di Fasano (che, proprio in quel periodo, è in fase di dismissione per essere trasformato in Ppit).
Il 21 febbraio di due anni fa la donna, dopo essere stata visitata e sottoposta ad una serie di accertamenti, viene invitata a proseguire i controlli presso l’ospedale di Ostuni perché a Fasano a quell’ora non è possibile sottoporla ad una consulenza cardiologica. La donna, però, decide di non andare a Ostuni, firma le dimissioni e viene invitata a tornare il giorno successivo.
La donna il giorno successivo (il 22 febbraio 2017) in prima mattinata si reca nuovamente in ospedale a Fasano ed effettua una serie di analisi e accertamenti che proseguono fino al pomeriggio inoltrato, dopo di che le viene consigliato il ricovero in un’altra struttura ospedaliera che la donna però rifiuta per motivi familiari.
Secondo quanto sostenuto dai parenti della donna, la stessa, definitivamente dimessa, sarebbe stata invitata a sottoporsi a successivi controlli una settimana dopo, nonostante gli stessi parenti, che l’avevano accompagnata al pronto soccorso, insistessero perché fossero effettuati ulteriori controlli, peraltro inizialmente suggeriti dal cardiologo, che nel corso della mattinata aveva effettuato un primo consulto specialistico.
La donna fa così rientro a casa, dove purtroppo muore nella mattinata del giorno successivo, il 23 febbraio 2017.
L’11 luglio 2017 i parenti della donna presentano una denuncia contro ignoti alla Procura della Repubblica di Brindisi in relazione a quanto accaduto nei due giorni precedenti il decesso.
Si apre una indagine e, come da prassi, la Procura della Repubblica di Brindisi iscrive nel registro degli indagati quattro medici dell’ospedale di Fasano che nei due giorni precedenti al decesso avevano sottoposto a visita e controlli la donna. L’ipotesi di reato è omicidio colposo.
Una prima perizia, compiuta dai consulenti incaricati dal sostituto procuratore di Brindisi, Luca Miceli, esclude la responsabilità dei quattro medici e, pertanto, viene chiesta l’archiviazione delle indagini. Ma queste conclusioni non hanno convinto il Giudice per le Indagini Preliminari, Giuseppe Biondi, il quale, a seguito dell’opposizione formulata dai legali che rappresentano i familiari della 71enne, Maria Rosaria Olive e Mauro Blonda, ha ordinato la prosecuzione delle indagini, disponendo l’autopsia.
Giannicola D’Amico

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400