Mercoledì 05 Agosto 2020 | 23:25

NEWS DALLA SEZIONE

AMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 
nel Brindisino
Mesagne, minacce ai genitori: «Soldi per la droga o brucio casa», arrestato 31enne

Mesagne, minacce ai genitori: «Soldi per la droga o brucio casa», arrestato 31enne

 
VANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 
L'incidente
Brindisi, aggredito con l'acido dalla moglie: grave uomo di 52 anni

Brindisi, aggredito con l'acido: 52enne lotta tra la vita e la morte, arrestata moglie

 
l'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 
la visita
Premier Conte atteso a Ceglie Messapica per il 9 agosto

Premier Conte atteso a Ceglie Messapica per il 9 agosto

 
ll fatto
San Pietro Vernotico, minaccia compagna con lungo coltello: bloccato dai cc

San Pietro Vernotico, minaccia compagna con lungo coltello: bloccato dai cc

 
Oria, banca condannata a restituire 100mila euro

Oria, banca condannata a restituire 100mila euro

 
ABUSIVISMO
A Rosa Marina una spiaggia libera trasformata in lido, tutto sequestrato

A Rosa Marina una spiaggia libera trasformata in lido, tutto sequestrato

 
caldo
Riscaldamento globale: a Brindisi l'incremento maggiore d'Italia

Riscaldamento globale: a Brindisi l'incremento maggiore d'Italia

 
VERSO LE ELEZIONI
S. Vito dei Normanni: il sindaco si dimette e si candida alle Regionali

S. Vito dei Normanni: il sindaco si dimette e si candida alle Regionali

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
BariIl caso
In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia 

In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
HomeEroe per un giorno
Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

L'insospettabile

Fasano, panettiere arrotondava gli incassi spacciando: arrestato e scarcerato

In casa del fornaio c’erano 10 grammi di cocaina e 1 di hashish

Taranto, trovato zainocon 3 chili di cocaina

FASANO - Arrotondava il suo stipendio di fornaio spacciando cocaina. Quando, l’altro ieri, i carabinieri del Nucleo operativo (sono quelli che lavorano in abiti civili e a bordo di auto civetta) hanno bussato alla porta dell’abitazione di un 51enne residente a Pezze di Greco, vedendo che i militi erano accompagnati da un cane addestrato a fiutare la presenza di sostanze stupefacenti, è stato lo stesso fornaio a consegnare loro la cocaina che aveva in casa.
Il 51enne ha accompagnato i militari dell’Arma nel garage dell’abitazione ed ha indicato loro una cassetta in legno da dove ha prelevato due barattoli colmi di riso. Nei contenitori in vetro c’erano dieci involucri in cellophane (di colore azzurro), chiusi alle estremità con nastro isolante (di colore nero), contenenti cocaina. Un’altra dose della stessa sostanza stupefacente e una dose di hashish il fornaio l’ha prelevata dall’interno di una scatola metallica.

In tutto il panettiere ha consegnato ai carabinieri dieci grammi di «bianca» e uno di «fumo».
Gli è andata decisamente bene. Il sostituto procuratore della Repubblica Manuela Pellerino, che l’altro ieri era di turno in Procura, dopo che i militari dell’Arma la hanno informata dell’esito della perquisizione eseguita a casa del 51enne pezzese, ha disposto che una volta che i CC avessero completato il verbale di arresto, operato in flagranza di reato, il fornaio fosse rimesso in libertà.

Un insospettabile. Sino all’altro ieri, quando i carabinieri hanno bussato alla porta della sua abitazione e gli hanno detto che avrebbero proceduto ad una perquisizione alla ricerca di droga, il 51enne di Pezze di Greco era una persona che non aveva mai avuto problemi con la legge e con la giustizia. Proprio per questo - anche se gli investigatori non dicono nulla sul lavoro investigativo che ha preceduto la perquisizione a casa del 51enne di Pezze di Greco - è evidente che nell’abitazione del fornaio i militari dell’Arma non sono arrivati per caso.

La perquisizione, che ha portato al rinvenimento della cocaina e dell’hashish è stata preceduta da un certosino lavoro investigativo, su cui i carabinieri mantengono assoluto riserbo per evitare che una fuga di notizie possa pregiudicare un eventuale prosieguo dell’attività investigativa.

Il fornaio è stato intelligente: quando ha visto che i carabinieri avevano appresso «Indiano», uno splendido esemplare di pastore tedesco di quattro anni di età, in forze al nucleo cinofili dell’Arma di Modugno, ha capito che non aveva alcuna chance di farla franca. A quel punto ha deciso che la cosa migliore da fare fosse quella di «collaborare» con le forze dell’ordine consegnando loro la sostanza stupefacente che deteneva.

Non è escluso che proprio l’atteggiamento collaborativo del presunto pusher, unito al fatto che si tratta di una persona incensurata, abbia almeno in parte influito nell’indurre il pm ad evitargli il carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie