Martedì 11 Agosto 2020 | 12:42

NEWS DALLA SEZIONE

IL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
INQUINAMENTO
Legambiente: canale H a Barletta inquinamento da bollino rosso

Legambiente: mare da bollino rosso a Barletta nei pressi del canale H

 
MALASANITÀ
Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

 
IL CASO
Barletta, concorso vigili, solo 8 «superstiti»

Barletta concorso vigili, solo 8 «superstiti»

 
verso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
IL PROGETTO
Trani, nuovi uffici giudiziari con vista sulla storia

Trani, nuovi uffici giudiziari con vista sulla storia

 
i fatti nei mesi scorsi
Fece esplodere una bomba e appiccò un incendio davanti a farmacia: un arresto a Bisceglie

Fece esplodere una bomba e appiccò un incendio davanti a farmacia: un arresto a Bisceglie

 
l'evento
Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

 
EMERGENZA ABITATIVA
Trani, casa occupata assegnata dal Comune

Trani, casa occupata di via Olanda assegnata dal Comune

 
I fondi
Barletta, in arrivo 20 mln dal governo per il porto

Barletta, in arrivo 20 mln dal governo per il porto

 
LA CRISI
Barletta, venti di crisi per la maggioranza di Cannito

Barletta, venti di crisi per la maggioranza di Cannito

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baril'emergenza
Bari, potenziato laboratorio Covid al Di Venere: 500 tamponi al giorno

Bari, potenziato laboratorio Covid al Di Venere: 500 tamponi al giorno

 
Leccel'iniziativa
Benessere e fisioterapia, un «mare» di solidarietà

Benessere e fisioterapia, l'Ordine dei Medici supporta il progetto «Il mare di tutti»

 
BatIL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 

i più letti

L'iniziativa

Trani, così torna a splendere il tempio di Giano

È un luogo storico che potrà fungere da vòlano turistico

Trani, così torna a splendere il tempio di Giano

Trani - Non ci sono più ostacoli di alcun tipo per la riapertura del tempio di Giano, di proprietà del Comune di Trani, situato sulla provinciale Andria-Bisceglie in territorio di Trani: farà parte, come molti altri, dei cosiddetti «beni condivisi» che l’amministrazione affiderà e sta affidando a persone fisiche o giuridiche che si facciano carico dei costi di manutenzione ordinaria e straordinaria per riaprire e rendere stabilmente fruibili quei beni in favore della collettività.

Il dirigente dell’Area urbanistica, Francesco Gianferrini, avendo preso atto del fatto che al termine del periodo di pubblicazione sull’albo pretorio del Comune non sono pervenute osservazioni in merito all’avviso di deposito del fascicolo relativo alla proposta di convenzione, il tempio di Giano potrà essere definitivamente consegnato al richiedente, avendone approvato lo schema di convenzione che regola il rapporto fra le parti.

Il tempio di Giano è ubicato proprio al confine fra Trani e Bisceglie: in territorio di Trani c’è il tempio; attraversando una stradina c’è la chiesa di Santa Maria di Giano, in territorio di Bisceglie. Ad agosto 2019 la giunta comunale, nell’ambito della gestione condivisa e rigenerazione dei beni comuni urbani, avvalendosi di quanto sancito nel regolamento comunale sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura di questi, aveva già espresso parere favorevole al progetto di riqualificazione urbana che riguarda il tempio.

La proposta è stata presentata da un cittadino, Gabriele Torchetti, nipote di quel Nicola Torchetti che, nel 1981, trasferì al Comune di Trani la proprietà dell’antico edificio di culto sconsacrato, risalente al X secolo dopo Cristo. Alla base della richiesta di Torchetti, il legame affettivo che da sempre ha unito il tempio alla sua famiglia, così che si è offerto di occuparsene in modo continuativo, anche attraverso opere di manutenzione ordinaria e straordinaria (pulizia, sistemazione della pavimentazione, impianto di illuminazione), secondo quando disciplinato dal regolamento comunale sui beni condivisi.
Il tempio di Giano può considerarsi davvero di straordinaria importanza perché è in ottima compagnia di omologhi e prestigiosi monumenti non soltanto in Puglia, ma persino nell’area del Mediterraneo: nei paraggi possiamo citare la chiesa di San Francesco, Santa Margherita di Bisceglie, Ognissanti di Pacciano, nella provincia vecchi edifici sacri a Bitonto, ma le maggiori affinità si registrano addirittura in chiese e tempi coevi presenti nell’isola di Cipro.

Del tempio di Giano il primo tratto distintivo è l’abside, che lo qualifica appunto come protoromanico. Tuttavia l’elemento che più colpisce gli studiosi è la cupola, che dall’interno presenta quattro arconi, ma all’esterno ci mostra un cubo sormontato da una piramide a chiancarelle.
L’intento è adibirlo, senza finalità di lucro, ad un programma di attività turistiche e culturali e di pubblico interesse. Più nel dettaglio, si parla di mostre d’arte, reading letterari, performance teatrali e concerti musicali.

La proposta, come detto, è passata attraverso un avviso pubblico (corredato dai rispettivi progetti) per fare pervenire eventuali osservazioni o proposte alternative da parte dei cittadini, in forma di consultazione popolare indiretta.
Alla scadenza dei termini, non essendo pervenute osservazioni, il dirigente competente ha potuto istruire con il proponente il patto di collaborazione per dare corso alle iniziative. La durata della collaborazione (che non comporta oneri a carico del Comune) è fissata in dieci anni.

Alla scadenza del decennio il Comune potrà riaffidare la concessione per lo stesso lasso di tempo, a patto che il concessionario mantenga in buono stato di conservazione l’immobile concesso: sono posti a suo carico gli ulteriori oneri economici afferenti i costi per consumi, custodia, manutenzione ordinaria e straordinaria dell’immobile. Dovrà, inoltre, garantire libero accesso e suo utilizzo al Comune di Trani qualora intenda organizzare o patrocinare manifestazioni culturali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie