Giovedì 27 Febbraio 2020 | 12:28

NEWS DALLA SEZIONE

cos aci faceva lì
Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

 
evitare contagi
Coronavirus, nella Bat accessi regolamentati in ospedali; sospese attività studio al «Dimiccoli» di Barletta

Coronavirus, nella Bat accessi regolamentati in ospedali; sospese attività studio al «Dimiccoli» di Barletta

 
L'incidente mortale
Trinitapoli, auto finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

Trinitapoli, scontro tra due auto, una finisce fuori strada sulla SS16: morta 56enne

 
Precauzione
Coronavirus, Ordine avvocati Trani, sospesa Scuola forense

Coronavirus, Ordine avvocati Trani, sospesa Scuola forense

 
Prevenzione
Coronavirus, Bat, «nessuna emergenza sanitaria ma stato di allerta»

Coronavirus, Bat, «nessuna emergenza sanitaria ma stato di allerta»

 
Teppisti
Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

 
L'appuntamento
Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

 
Tentato omicidio
Cagliari, pugnala al cuore compagno 23enne di Trani: arrestata 40enne

Cagliari, pugnala al cuore compagno 23enne di Trani: arrestata 40enne

 
I dati
Turismo culturale: la Bat sul podio pugliese

Turismo culturale: la Bat sul podio pugliese

 
La liberazione
Barletta, prende il largo «Sterpeto», la tartaruga trovata in un uliveto

Barletta, prende il largo «Sterpeto», la tartaruga trovata in un uliveto

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batcos aci faceva lì
Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

 
Tarantoil siderurgico
Mittal, attese domani firme su accordo ex Ilva. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

Mittal, attese domani firme su accordo. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

 
NewsweekLa storia
Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

 
BariL'iniziativa
Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

 
Leccelibri
«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

Giustizia svenduta

Magistrati arrestati: «A Trani altri casi di indagini truccate», interrogato D'Introno

Nuovo interrogatorio a Lecce al grande accusatore, Flavio D'Introno

Magistrati arrestati: «A Trani altri casi di indagini truccate», interrogato D'Introno

L’ipotesi è che altre persone siano finite nelle grinfie della cricca delle indagini truccate nel Tribunale di Trani. E che, di conseguenza, ci siano altri casi di sentenze svendute. L’inchiesta della Procura di Lecce, che lunedì ha già portato a processo dieci persone, va avanti con ulteriori approfondimenti. Giovedì l’imprenditore Flavio D’Introno, l’uomo che con i suoi racconti ha fatto scattare a gennaio l’arresto dell’ex gip Michele Nardi e dell’ex pm Antonio Savasta, è tornato a parlare: un interrogatorio fiume davanti alla pm Roberta Licci per rispondere su ulteriori circostanze

La prima tranche dell’indagine è ormai chiusa ed ha visto D’Introno ammettere i pagamenti (oltre due milioni di euro, più regali e viaggi) e Savasta confermare di essersi fatto comprare. Nel frattempo, in tanti si sono rivolti alla Procura di Lecce o ai carabinieri di Barletta per sottoporre altri episodi in cui si potrebbe leggere il sospetto della corruzione in atti giudiziari, la stessa che i magistrati salentini hanno contestato insieme all’associazione a delinquere. E dunque sono scattate le verifiche.

Stavolta D’Introno (assistito dall’avvocato Vera Guelfi, visto che anche lui è indagato) avrebbe parlato di altri imprenditori che, tramite lui, sarebbero arrivati a Michele Nardi. L’ex gip, tuttora in carcere a Matera, è stato rinviato a giudizio con l’ipotesi di essere il capo, promotore e organizzatore dell’associazione a delinquere che truccava le indagini: in cambio di denaro, si sarebbe occupato di curare gli interessi giudiziari di D’Introno, spesso millantando (tra le accuse contestate c’è anche questa) e comunque senza mai raggiungere l’obiettivo, dal momento che l’imprenditore coratino è stato poi condannato definitivamente in Cassazione per usura.

È possibile, dunque, che qualcun altro si sia rivolto a Nardi per risolvere i propri problemi a Trani. Casi relativamente recenti (dopo il 2013), su cui già ci sarebbe qualche riscontro. Casi che si aggiungono a verifiche già avviate, sempre su «input» di D’Introno, in relazione a rapporti con altri magistrati e con altri avvocati. Ed è molto probabile che la Procura procederà ad ascoltare altri testimoni, o a continuare a sentire D’Introno che sul punto era già stato chiaro il 22 agosto (il relativo verbale è stato depositato dalla Procura in udienza preliminare): «Le vicende che hanno riguardato i Ferri e i Casillo - aveva detto D’Introno riferendosi agli imprenditori della grande distribuzione e ai “re del grano”, le cui denunce sono agli atti -, sono la prova di quanto sostengo circa il fatto che l’associazione aveva scopi che andavano ben oltre la mia persona. Ritengo che ulteriori indagini da parte dell’autorità giudiziari potrebbero far emergere ulteriori vicende analoghe a quelle che mi hanno visto coinvolto».

La prima fase dell’inchiesta sulla giustizia truccata a Trani è approdata ora all’atto finale. Il gup Cinzia Vergine ha rinviato a giudizio davanti alla Seconda sezione penale (inizio il 4 novembre) Nardi, l’avvocato barese Simona Cuomo e l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro (anche lui in carcere a Matera), oltre a Gianluigi Patruno e Savino Zagaria, ex cognato dell’ex pm Antonio Savasta. Savasta, insieme all’ex pm Luigi Scimè (ora in servizio come giudice a Salerno), all’imprenditore barlettano Gigi D’Agostino ed altri due avvocati tranesi ha invece scelto di farsi giudicare in abbreviato (si parte il 30 ottobre).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie