Domenica 05 Luglio 2020 | 21:59

NEWS DALLA SEZIONE

In Località Fiumara
Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

 
maltempo
Barletta, pomeriggio di allagamenti tra disagi e pericoli

Barletta, pomeriggio di allagamenti tra disagi e pericoli

 
La sentenza
Trani, Palazzo Telesio, arriva l'ordinanza per rimuovere il roofgarden

Trani, Palazzo Telesio, arriva l'ordinanza per rimuovere il roof-garden

 
Occupazione e salute
Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

 
L’avviso «bis»
Trani, inchiesta sul Fortino: un altro indagato

Trani, inchiesta sul Fortino: un altro indagato

 
Criminalità
Andria, operazione antidroga 9 arresti: preparavano colpo al caveau di un'azienda

Andria, operazione antidroga 9 arresti: preparavano colpo al caveau di azienda

 
Nela bat
Margherita di Savoia, scoperta piantagione di cannabis vicino fiume Ofanto: arrestati 2 fratelli

Margherita di Savoia, scoperta piantagione di cannabis vicino fiume Ofanto: arrestati 2 fratelli

 
fase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 
Ambiente
Barletta, verde e rifiuti senza regola al villaggio turistico Fiumara

Barletta, verde e rifiuti senza regola al villaggio turistico Fiumara

 
il sindacato
BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

 
Verso il voto
Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco Pastore

Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco. Forza Italia: «Si ritiri, deve rispettare i patti»

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIn Località Fiumara
Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

Barletta, tragedia in mare 43enne muore dopo aver salvato la figlia

 
BariPet terapy
Bari, a grande riscossa degli asini

Bari, la grande riscossa degli asini di Lama Balice

 
TarantoIl siderurgico
ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

 
LecceSocial news
Gianni Morandi da Matera a Lecce: continua la vacanza del cantante al Sud

Gianni Morandi da Matera a Lecce: continua la vacanza del cantante al Sud

 
HomeLa tragedia
Femminicidio a Cerignola, una donna uccisa a colpi di pistola

Femminicidio a Cerignola, donna uccisa a colpi di pistola: fermato il marito

 
PotenzaSanità
Potenza, il gioco dell'oca delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

Potenza, il «gioco dell'oca» delle prescrizioni: le strutture possono rifiutarle

 
MateraIl fenomeno
Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse. Al via gli accertamenti

Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse: al via gli accertamenti

 
BrindisiNel brindisino
Bruciati automezzi di una casa vinicola a Cellino San Marco

Cellino San Marco, bruciati automezzi di una casa vinicola

 

i più letti

L'inchiesta

Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzine

Chiesto il rinvio a giudizio di cinque persone: l'udienza preliminare si terrà il 27 novembre

Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzina

TRANI - «Non meno di 220mila euro quale contropartita per aver affidato a una impresa edile i lavori per la realizzazione di alcune palazzine nella zona 167 di Barletta per conto della cooperativa «Salvo D’Acquisto», costituita da militari dell’Arma: è l’accusa contestata da Achille Bianchi e Silvia Curione, rispettivamente procuratore aggiunto e sostituto procuratore a Trani, nei confronti di Giuseppe Mafale, 51 anni, maresciallo maggiore per anni in servizio presso la Compagnia Carabinieri a Barletta, ora presso il Comando Legione Carabinieri Puglia, a Bari, all’epoca dei fatti contestati presidente della cooperativa edilizia «Salvo D’Acquisto».

L’udienza preliminare si terrà mercoledì 27 novembre davanti al gup Raffaele Morelli. Il reato di concussione, secondo quanto ricostruisce la pubblica accusa nella richiesta di rinvio a giudizio, si sarebbe consumato fra luglio 2010 e ottobre 2012 ai danni di Nunzio Paolicelli, 62 anni, amministratore di fatto dell’impresa Edil Paolicelli di Barletta, indagato anche lui con l’accusa di favoreggiamento (anche nel suo caso è stato chiesto il giudizio).

La «riconoscenza» per l’affidamento dei lavori sarebbe stata espressa attraverso il versamento di 10mila euro per volta, fino «alla consegna indebita di denaro contante per non meno di 220mila euro». Il quale denaro contante, secondo quanto ricostruito durante le indagini della Procura di Trani, sarebbe poi transitato sui conti di Vincenzo Salvatore Mafale, 76 anni (padre del maresciallo maggiore), Domenica Mafale, 53 anni (sorella) e Francesco Fiorentino, 78 anni, (suocero) per tornare, attraverso una serie di successivi bonifici, nella disponibilità di Giuseppe Mafale.

Per tale ragione, Vincenzo Salvatore Mafale, Domenica Mafale e Francesco Fiorentino sono accusati di riciclaggio continuato, «poiché con più azioni esecutive, anche in tempi diversi, del medesimo disegno criminoso e con l’aggravante di aver commesso il fatto al fine di assicurare a Mafale Giuseppe l’impunità, versavano sui conti correnti loro intestati le somme di denaro provento del delitto di concussione».

Lo stesso Nunzio Paolicelli, amministratore di fatto dell’impresa Edil Paolicelli, risponde dell’accusa di favoreggiamento: sentito a sommarie informazioni dai militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Barletta, «aiutava Mafale Giuseppe ad eludere le investigazioni dell’Autorità, negando falsamente di avergli corrisposto denaro per effettuare i lavori edili» di realizzazione degli alloggi per conto della coop «Salvo D’Acquisto». Gli indagati sono difesi dagli avvocati Carmine Di Paola (Giuseppe Mafale e Nunzio Paolicelli), Agatino Bellomo (Vincenzo Salvatore Mafale) e Nicola Di Pinto (Francesco Fiorentino e Domenica Mafale).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie