Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:17

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Bari, nel mirino il belga Vandeputteala sinistra (24 anni) della Viterbese

Bari, nel mirino il belga Vandeputte
ala sinistra (24 anni) della Viterbese

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Il caso

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Fermato un 32enne per estorsione. Il padre e la madre, stanchi delle ripetute angherie hanno chiamato la polizia

polizia

CANOSA - Quelle insospettabili violenze in famiglia, sulla madre e sul padre. Quei crimini nascosti, compiuti sui padri e sulle madri oramai avanti negli anni e incapaci di difendersi dalla rabbia, dall’odio di figli degeneri, prigionieri di demoni che si chiamano droga, alcolismo, disoccupazione, malavita. Alla base di tutto, il bisogno di denaro. 

Voleva soldi forse per acquistare la «dose» giornaliera anche il 32enne cansino (omettiamo di rivelare la sua identità per tutelare la privacy dei genitori) arrestato dai poliziotti del locale commissariato, ai comandi del vice questore aggiunto Raffaele Fiantanese, con la pesante accusa di estorsione nei confronti dei genitori. 
Tutto ha avuto inizio da una telefonata dai toni decisamente allarmati: «Correte, nostro figlio vuole i soldi. Ci sta minacciando». Il focolare domestico, insomma, si trasforma ancora una volta in una trappola pericolosa. 
Una escalation di violenze ha costretto il padre e la madre, oramai stanchi delle vessazioni del figlio, a chiedere l’intervento dei poliziotti del commissariato che, ricevuta la richiesta d’aiuto al 113, sono intervenuti alla periferia di Canosa, ponendo così fine ad un incubo che un’intera famiglia stava vivendo da tanto, troppo tempo. 

E così il 32enne, su disposizione del pm di turno Raffaella De Luca del Tribunale di Trani, è finito in manette ed i suoi genitori hanno potuto tirare un sospiro di sollievo. Quando, come detto, i poliziotti di una volante sono intervenuti, il giovane era intento ad allontanarsi dalla sua abitazione. È stato bloccato e perquisito. In tasca aveva i cinquanta euro che, poco prima, con varie minacce, aveva estorto ai genitori probabilmente per acquistare l’ennesima dose di stupefacente. 

Dopo aver ascoltato i familiari del giovane, i poliziotti hanno accertato che lo stesso aveva ormai da tempo costretto l’intera famiglia a sottostare ad un clima di tensione e paura: numerosi, infatti sarebbero stati gli episodi di maltrattamenti, minacce reiterate, aggressioni fisiche e verbali continue ed incessanti tentativi di estorcere denaro. Gli sventurati genitori in alcune circostanze, per sfuggire all'ira del figlio, sarebbero stati costretti anche ad allontanarsi dalla loro abitazione. Così come il 32enne per racimolare il denaro necessario per acquistare la droga, avrebbe venduto diversi oggetti presenti in casa, sottraendoli alla famiglia. 
Per tutti questi motivi, quindi, il provvedimento restrittivo è stato necessario per garantire anche l’incolumità dei due anziani costretti dalla disperazione, con le lacrime agli occhi, a denunciare il loro figlio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400