Martedì 23 Luglio 2019 | 22:20

NEWS DALLA SEZIONE

L'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 
Il video
La bellezza della cattedrale di Trani vista dall'alto in mongolfiera

La bellezza della cattedrale di Trani vista dall'alto in mongolfiera

 
Denuncia di Coldiretti
«False» burrate di Andria vendute online: scattano i controlli

«False» burrate di Andria vendute online: scattano i controlli

 
il salvataggio
Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

 
L'evento
Barletta, fibrillazione per il Jova Beach Party: sul palco Jovanotti con i Sud Sound System

Barletta, fibrillazione per il Jova Beach Party: sul palco Jovanotti con i Sud Sound System

 
L'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 
L'incidente
Minervino Murge, auto fuori strada: muore donna di 58 anni

Minervino Murge, auto fuori strada: muore donna di 58 anni

 
Il rogo
Bisceglie, fiamme in un locale della movida: indagini in corso

Bisceglie, fiamme in un locale della movida: indagini in corso

 
Sicurezza e piano traffico
Jova Beach Party, sindaco di Barletta: «Grande occasione per la città»

Jova Beach Party, sindaco di Barletta: «Grande occasione per la città»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
"Bari, campionato complicatoI tifosi faranno la differenza"

«Bari, campionato complicato. I tifosi faranno la differenza»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Torre dell'Orso
Dieci persone intossicate in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

Dieci intossicati in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

 
GdM.TVL'evento in piazza
«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

 
FoggiaIl caso
Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

 
TarantoNel Tarantino
Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

 
BrindisiNel Brindisino
Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

 
PotenzaIn frazione Ciccolecchia
Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

 
MateraLa decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
BatL'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 

i più letti

Il caso

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Fermato un 32enne per estorsione. Il padre e la madre, stanchi delle ripetute angherie hanno chiamato la polizia

polizia

CANOSA - Quelle insospettabili violenze in famiglia, sulla madre e sul padre. Quei crimini nascosti, compiuti sui padri e sulle madri oramai avanti negli anni e incapaci di difendersi dalla rabbia, dall’odio di figli degeneri, prigionieri di demoni che si chiamano droga, alcolismo, disoccupazione, malavita. Alla base di tutto, il bisogno di denaro. 

Voleva soldi forse per acquistare la «dose» giornaliera anche il 32enne cansino (omettiamo di rivelare la sua identità per tutelare la privacy dei genitori) arrestato dai poliziotti del locale commissariato, ai comandi del vice questore aggiunto Raffaele Fiantanese, con la pesante accusa di estorsione nei confronti dei genitori. 
Tutto ha avuto inizio da una telefonata dai toni decisamente allarmati: «Correte, nostro figlio vuole i soldi. Ci sta minacciando». Il focolare domestico, insomma, si trasforma ancora una volta in una trappola pericolosa. 
Una escalation di violenze ha costretto il padre e la madre, oramai stanchi delle vessazioni del figlio, a chiedere l’intervento dei poliziotti del commissariato che, ricevuta la richiesta d’aiuto al 113, sono intervenuti alla periferia di Canosa, ponendo così fine ad un incubo che un’intera famiglia stava vivendo da tanto, troppo tempo. 

E così il 32enne, su disposizione del pm di turno Raffaella De Luca del Tribunale di Trani, è finito in manette ed i suoi genitori hanno potuto tirare un sospiro di sollievo. Quando, come detto, i poliziotti di una volante sono intervenuti, il giovane era intento ad allontanarsi dalla sua abitazione. È stato bloccato e perquisito. In tasca aveva i cinquanta euro che, poco prima, con varie minacce, aveva estorto ai genitori probabilmente per acquistare l’ennesima dose di stupefacente. 

Dopo aver ascoltato i familiari del giovane, i poliziotti hanno accertato che lo stesso aveva ormai da tempo costretto l’intera famiglia a sottostare ad un clima di tensione e paura: numerosi, infatti sarebbero stati gli episodi di maltrattamenti, minacce reiterate, aggressioni fisiche e verbali continue ed incessanti tentativi di estorcere denaro. Gli sventurati genitori in alcune circostanze, per sfuggire all'ira del figlio, sarebbero stati costretti anche ad allontanarsi dalla loro abitazione. Così come il 32enne per racimolare il denaro necessario per acquistare la droga, avrebbe venduto diversi oggetti presenti in casa, sottraendoli alla famiglia. 
Per tutti questi motivi, quindi, il provvedimento restrittivo è stato necessario per garantire anche l’incolumità dei due anziani costretti dalla disperazione, con le lacrime agli occhi, a denunciare il loro figlio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie