Lunedì 19 Novembre 2018 | 10:27

NEWS DALLA SEZIONE

La vicenda
Barletta, ascensore fantasma in stazione: tanti i disagi per i disabili

Barletta, ascensore fantasma in stazione: tanti i disagi per i disabili

 
Ius soli
Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 stranieri

Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 bimbi stranieri

 
Niente aperture festive
Trani, Castello svevo chiuso di domenica: risorse finite

Trani, Castello Svevo chiuso di domenica: risorse finite

 
L'indagine
Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

 
Guardia Costiera in azione
Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

 
A Barletta
Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

 
La tragedia di Andria
Scontro treni, Ferrotramvia: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

Scontro treni, Ferrotramviaria: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

 
Le indagini
Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

 
L'agguato a Margherita di Savoia
Margherita di Savoia, preso a pistolettate un fabbro di 41 anni: è in coma

Barletta, gli sparano e lo abbandonano davanti all'ospedale: è in coma

 
Inchiesta e rifiuti
Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

 
Sanità e occupazione
Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Non rispettano codice strada

Barletta, biciclette elettriche senza regole

La città è una giungla: in tanti sono già finiti in ospedale con denti rotti e punti di sutura

Barletta, biciclette elettriche senza regole

Sfrecciano ad una velocità pazzesca. Quasi sempre in contro senso. Chi guida porta un passeggero senza pensare ai pericoli. I marciapiedi spesso scambiati come carreggiata stradale. Il casco? Nemmeno per sogno. Il rispetto delle regole stradali? Come per il casco. Sorpassare da destra la normalità. Questo il recinto entro il quale inquadrare il fenomeno, sempre più preoccupante, delle biciclette a pedalata assistita - ma si potrebbe scrivere «bolidi a due ruote» - a Barletta. Insomma la mobilità con la e-bike è una giungla. Spesso i mezzi sono modificati e raggiungono velocità supersoniche. Molti i ragazzi che la mattina utilizzano questo mezzo per andare a scuola. Qualcuno è già finito in ospedale con faccia e denti rotti e tanti punti di sutura.


In merito a questa pericolosa invasione il nostro lettore Michele Languino fa presente che: «Il Codice della strada all'articolo 50 definisce i velocipedi come veicoli a due ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo» e poi: «sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 kw la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25km/h o prima se il ciclista smette di pedalare . I velocipedi a pedalata assistita e quelli elettrici con acceleratore per circolare sono soggetti alla normativa prevista per i ciclomotori». Languino, inoltre, si chiede: «Le forze dell'ordine quanti controlli hanno effettuato? Se i veicoli sono a norma non dovrebbero avere nessun problema. L’articolo 68 commi 1/6 stabilisce il sistema sanzionatorio, comma 8, per coloro che mettono in commercio velocipedi non conformi. L’articolo 182 del Cds per le norme di comportamento nella circolazione dei velocipedi».


Giova ricordare quanto scriveva il giudice Francesco Messina su queste colonne il 24 luglio del 2016: «È quanto avviene a Barletta, ad ogni ora del giorno e della notte. Un pessimo esempio della mancanza di civiltà e di educazione di chi vive nella nostra città. Eppure dovrebbe essere noto a tutti che guidare le biciclette a pedali classiche e quelle con il motore non sono esenta dal rispetto del codice della strada. A Barletta è tollerata una pratica pericolosissima, realizzata tanto da giovani che da anziani, che lascia stupefatto chiunque visiti la città». Per quanto altro tempo?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400