Sabato 20 Aprile 2019 | 08:39

NEWS DALLA SEZIONE

È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Al tribunale

Trani, raid di quattro minorenni
alla Fallimentare: «Una bravata»

Hanno portato via una tastira, alcuni mouse e imbrattato uffici. Idenitficati e denunciati dalla Polizia

tribunale di Trani sede

Giovedì sera, a Trani, la Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà quattro minorenni, che nel pomeriggio del 22 agosto si erano introdotti abusivamente nella sede del Tribunale Fallimentare di Trani in piazza Trieste, sottraendo una tastiera per personal computer, numerosi mouse, e materiale di cancelleria. Nel compiere il consueto giro di controllo alla chiusura dei locali del Tribunale, il custode della struttura ha notato alcuni ragazzini allontanarsi in tutta fretta dal palazzo. Dopo alcune verifiche si è resoconto che alcuni uffici – tra cui quelli della sezione fallimentare – erano stati messi a soqquadro, con danneggiamenti ed imbrattamenti.

Il custode ha quindi allertato la Polizia, che immediatamente è intervenuta: la Squadra Mobile di Bari, la Polizia Scientifica e il Commissariato di Trani, grazie ad una meticolosa attività di indagine svolta sin dai primi momenti successivi al fatto e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani, anche cittadini, ha identificato e rintracciato gli autori del fatto. Negli uffici di polizia, i giovani responsabili, individuati anche grazie all’esame dei sistemi di videosorveglianza, si sono assunti la paternità del gesto, che hanno attribuito ad una mera bravata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400