Lunedì 27 Maggio 2019 | 13:28

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraDalla Polizia
Matera, estorce soldi a professionista o lo aggredisce: 50enne arrestato e scarcerato

Matera, estorce soldi a professionista o lo aggredisce: 50enne arrestato e scarcerato

 
PotenzaNo all'archiviazione
Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

 
BariOperazione della Polizia
Bari, 12 chili di marijuana in scatole per elettrodomestici; in cella albanese

Bari, 12 chili di marijuana in scatole per elettrodomestici; in cella albanese

 
TarantoMaltrattamenti
Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 

i più letti

Sentenza della Cassazione

Mafia, il tesoro da 52mln di €
del clan Cannito è dello Stato

Si tratta di 29 terreni edificabili, 27 appartamenti, 62 garage, 2 società di costruzioni, 1 società di smaltimento rifiuti, 10 capannoni industriali, 2 vigneti, 16 mezzi di trasporto e 15 conti correnti

Mafia, confiscati a Barletta52 mln a Delvecchio (clan Cannito)

I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito un decreto di confisca definitiva di beni per un valore di € 52 milioni di euro emesso dalla Suprema Corte di Cassazione su originaria proposta della Direzione distrettuale antimafia di Bari. Si tratta di 29 terreni edificabili, 27 appartamenti, 62 garage, 2 società di costruzioni, 1 società di smaltimento rifiuti, 10 capannoni industriali, 2 vigneti, 16 mezzi di trasporto e 15 conti correnti bancari.

I beni, che erano già stati oggetto di sequestro preventivo nel settembre 2013, sono tutti riferibili a Savino Delvecchio, elemento vicino al clan mafioso “Cannito – Lattanzio”, attivo in Barletta e nelle zone limitrofe.

Per gli investigatori Savino Delvecchio, pensionato da 7mila euro l’anno, ma titolare di fatto di un impero economico da almeno 50 milioni di euro, potrebbe definirsi l’anello di congiunzione tra i «colletti blu» e i «colletti» bianchi della criminalità organizzata di stampo mafioso. Non a caso era considerato il tesoriere del clan Cannito-Lattanzio, al quale l’operazione «Download», messa a segno dai carabinieri nell’aprile 2005 inflisse un durissimo colpo.

Proprio Delvecchio, noto con l’appellativo di «Savino Gt» fu al centro dell’operazione condotta a settembre del 2013 dai carabinieri del comando provinciale di Bari che portò al sequestro di beni per 50 milioni di euro. Tre anni fa, la confisca definitiva del tribunale di Trani dopo il sequestro preventivo eseguito due anni prima, nel 2013. Ora la Cassazione ha messo la parola fine e i beni andranno al patrimonio dello Stato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400