Venerdì 23 Luglio 2021 | 17:34

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 
l'approfondimento
Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

 
l'approfondimento
La compagnia che marcia verso il Quirinale. Come in un libro di Tolkien

La compagnia che marcia verso il Quirinale. Come in un libro di Tolkien

 
il punto
Cambiare tv, una botta a indigenti e pensionati

Cambiare tv, una botta a indigenti e pensionati

 
Il caso
Il mondo in un display sconnesso dalla realtà

Il mondo in un display sconnesso dalla realtà

 
il punto
La lotta alla pandemia e la salvezza della specie

La lotta alla pandemia e la salvezza della specie

 
il punto
Tanti teatri silenziosi un’offesa agli antenati

Tanti teatri silenziosi un’offesa agli antenati

 
L'editoriale
Quella «cultura» che cancella l’Odissea, Mozart e Colombo

Quella «cultura» che cancella l’Odissea, Mozart e Colombo

 

Il Biancorosso

serie c
Calcio: Bari, ritiro con allenamenti individuali

Calcio: Bari, ritiro con allenamenti individuali

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Aggressione a ex collega, condannati 4 esponenti dell'Usb Taranto

Aggressione a ex collega, condannati 4 esponenti dell'Usb Taranto

 
BariLa curiosità
Bari, lungo le coste cittadine arrivano i «pesci mangiaplastica»

Bari, lungo le coste cittadine arrivano i «pesci mangiaplastica»

 
PotenzaIl caso
Potenza, truffe on line: nove denunciati, hanno preso 12 mila euro

Potenza, truffe on line: nove denunciati, hanno preso 12 mila euro

 
Foggiala polemica
Foggia, non ancora attivati presidi medici nelle località turistiche

Foggia, non ancora attivati presidi medici nelle località turistiche

 
Cinema e Spettacolimusica
Nando Popu nell'ultimo lavoro del cantautore  Martix

Nando Popu nell'ultimo lavoro del cantautore Martix

 
PotenzaEffettuate 5.800 vaccinazioni
Covid: in Basilicata 18 positivi su 611 tamponi esaminati

Covid: in Basilicata 18 positivi su 611 tamponi esaminati

 
HomeBrutale aggressione
Latiano, intera famiglia aggredita in piazza: tre arresti

Latiano, intera famiglia aggredita in piazza: tre arresti

 

i più letti

il punto

La «guerra dei Beppe» fra Governo e Quirinale

Ricordate quella vecchia pubblicità del bagnoschiuma? «Sono solo fatti miei»

La variante impazzita fra Beppe e Giuseppe

Ricordate quella vecchia pubblicità del bagnoschiuma? «Sono solo fatti miei». Ecco, ora ribaltatela perché nessun conflitto potrebbe avere più riverberi della «Guerra dei Beppe», come è stata ribattezzata la sguaiata contesa che oppone l’ex premier Conte al fondatore Grillo per la conquista del trono a 5Stelle.

Non sono solo fatti loro, appunto, e non certo perché la faida tenga mezza Italia col fiato sospeso. Tutt’altro. Fra varianti in agguato, temperature tropicali ed Europei di calcio ci sono cose più stringenti ed appassionanti a cui dedicare energie. Il punto, però, è che la lite scoppia proprio nel crocevia più infuocato: ci sono le riforme da portare a casa, c’è il «semestre bianco» (dal 2 agosto) che incombe e, sullo sfondo, ma ben visibile, va in scena la partita per l’elezione del presidente della Repubblica. Praticamente, la tempesta perfetta.

E allora cosa potrebbe succedere se la frattura fosse impossibile da ricomporre? Come in ogni effetto domino, conta il cadere della prima tessera: se il Movimento 5 Stelle dovesse andare in frantumi - spaccandosi fra contiani e grillini doc - il centrosinistra perderebbe la propria egemonia politica in Aula.

Smarrita ormai da tempo la vocazione maggioritaria, ai dem non è rimasto altro che puntellare il centrosinistra con la «massa» parlamentare ed elettorale pentastellata, senza la quale le forze progressiste, tutto compreso, non si schioderebbero dal 25%.

E Conte sembrava, almeno fino a qualche tempo fa, l’uomo giusto per tenere saldo il ponte fra rossi e gialli, garantendo il «cessate il fuoco» delle mattane pentastellate nonché una serena permanenza in area riformista. Oggi, lo scenario è pressoché ribaltato: non è affatto scontato che il nuovo soggetto contiano appoggi il governo Draghi né che, a queste condizioni, l’alleanza con i dem possa reggere fino all’apertura delle prossime urne. Con rischi tellurici anche per le Comunali in arrivo.

Non solo, il neonato partito, probabilmente a vocazione ecologista e meridionalista, finirebbe per drenare voti e consensi - oltre che al M5S o a quel che ne resterà - anche a un Partito democratico non precisamente in grande spolvero. Da tutto questo non discende solo un rischio di disastro elettorale ma soprattutto un enorme pantano in Aula: spedire al Colle un’espressione del mondo progressista, almeno nella sua formulazione giallorossa, diventerebbe decisamente più complicato. Per paradosso, la golden share ce l’avrebbero gli altri, se la recente mutazione del «moderato» Matteo Salvini non lasciasse presagire lunghi tavoli di dialogo e mediazione dagli esiti impronosticabili. Di fatto, però, quella che era una mezza certezza è diventata un gigantesco punto interrogativo.

L’ultimo nodo, infine, è legato al tris di riforme a favor di Recovery: pubblica amministrazione, fisco e, soprattutto, Giustizia. Lo smembrarsi di un attore di primo piano nel processo di mediazione, arma la partita di un brivido non richiesto. S’è allarmata perfino la Lega («spero non ci siano ripercussioni sull’operato del Governo», ha chiosato Salvini) e c’è da giurare che il premier Mario Draghi non stia dormendo sereno. Non tanto per gli strali che potrebbero piovere sulla testa dell’esecutivo da una nuova forza d’opposizione, ma soprattutto perché quella forza rischia di tirarsi dietro chi, come l’ex guardasigilli Alfonso Bonafede, non è disponibile a concedere sconti. Il treno dei soldi europei non aspetta nessuno, Mattarella è in scadenza e il centrosinistra non ha niente da mettersi. Tutti col fiato sospeso, allora. E tutti appesi alla «Guerra dei Beppe». Non sono solo fatti loro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie