Venerdì 14 Maggio 2021 | 06:23

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Il ruolo degli (ex) Populisti nel «Romanzo Quirinale»

Il ruolo degli (ex) Populisti nel «Romanzo Quirinale»

 
La riflessione
Dal Covid l’ultima beffa alle donne

Dal Covid l’ultima beffa alle donne

 
Il punto
Ambiente ferito, la lezione di Papa Wojtyla

Ambiente ferito, la lezione di Papa Wojtyla

 
il dibattito
Giustizia sotto i riflettori: i partiti affilano le armi

Giustizia sotto i riflettori: i partiti affilano le armi

 
La riflessione
Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

 
L'analisi
La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

 
Verso l'estate
Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

 
L'editoriale
La festa dell'Europa per una nuova Europa

La festa dell'Europa per una nuova Europa

 
L'editoriale
Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

 
Il punto
Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

 
L'analisi
Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

 

Il Biancorosso

Verso il derby
Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

 
FoggiaIl caso
Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

 
PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 
TarantoSicurezza sul lavoro
Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

 
BrindisiCarabinieri
Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

 

i più letti

L'analisi

Solo la libertà responsabile ci darà la vera liberazione

Oggi l’Italia riapre. Con prudenza, ci viene precisato; senza abbassare la guardia, ci viene raccomandato

Solo la libertà responsabile ci darà la vera liberazione

Quella di oggi è una data simbolica. Paradossalmente cade a ridosso di quella storica del 25 aprile e in qualche modo ruota intorno allo stesso concetto di liberazione. E come nel 1945 l’occupazione nazifascista non terminò in un solo giorno, così anche oggi ci liberiamo dei primi più pesanti effetti della pandemia ma non certo del virus che l’ha generata.

Oggi l’Italia riapre. Con prudenza, ci viene precisato; senza abbassare la guardia, ci viene raccomandato. Si riapre. Rispetto a un anno fa (era il 4 maggio) dopo il primo lungo vero lockdown, questa volta le riaperture - pur sempre graduali e progressive - sono accompagnate da un elemento nuovo e sostanziale: la vaccinazione. La pandemia non finisce perché riusciamo a sconfiggere il virus: la pandemia può finire solo se riusciamo a convivere col virus immunizzandoci. È elementare, eppure...
Con le regioni non ancora tutte uguali, ma colorate di giallo o arancione o addirittura rosso, oggi di fatto l’Italia riparte comunque. Oggi si avvia un nuovo Rinascimento del Paese, connotato dall’incidenza della tecnologia nella convivenza civile. Il mondo post-Covid sarà diverso da quello che conoscevamo prima, e già in questa fase intermedia del «già e non ancora» avvertiamo le differenze. La valenza della comunicazione virtuale è sicuramente la prima e più sensibile trasformazione sociale indotta dall’emergenza sanitaria.

Ne sanno qualcosa per esempio i giovani, gli studenti, costretti alla didattica a distanza per mesi, privati di compagnie fisiche ma non di rapporti sociali; lo sanno bene le famiglie, obbligate a lasciar filtrare gli affetti da uno schermo più o meno grande. E lo hanno imparato anche le aziende, che han fatto di necessità virtù e attraverso la gestione virtuale hanno potuto continuare il lavoro reale. Lo sappiamo tutti che non è la stessa cosa, che stringersi la mano o abbracciarsi è diverso, ma grazie all’ «online» siamo riusciti a fronteggiare l’isolamento imposto dal virus.
Questo nuovo Rinascimento viaggia su un doppio binario: quello della salute e quello del rilancio economico. Dalla salute non possiamo prescindere, come non possiamo rinunciare al sostegno economico per ricominciare a camminare sulle nostre gambe. Ma sia la salute, sia la ripresa, non dipendono da terzi: da oggi è imprescindibile un cambio di mentalità sociale, una nuova impostazione culturale della vita individuale. Nessuno si salva da solo, ma ognuno salva tutti attraverso il proprio comportamento.

Già sabato sera, e nella giornata di ieri ancora di più, le città sono tornate a vivacizzarsi e le strade ad affollarsi come se fosse già arrivato il «liberi tutti». In realtà non siamo liberi per niente, ma non è uno scandalo rimettere il naso fuori dalla porta di casa o voler mettere due passi nei parchi o in riva al mare. Come deve vincere la prudenza, così deve finire la retorica della zona rossa. Questo Rinascimento non può assecondare la logica dei divieti, ma deve pretendere il regime della libertà responsabile. Il virus circola ancora e continuerà a farlo: dunque ci immunizziamo con i vaccini, e se manteniamo mascherine e distanziamento possiamo anche riconquistare spazi di normalità. Sarà una normalità aggiornata alla situazione, modificata rispetto alla precedente, ma sarà fatta di relazioni sociali finalmente reali e non più virtuali.

Il rischio è «ragionato», come ha precisato Draghi, ma non va sottovalutato. Non è difficile immaginare cosa accadrebbe se precipitassimo in una sciagurata quarta ondata, con nuove chiusure e nuovi regimi di isolamento. Sarebbe la fine, sotto un profilo morale e sostanziale, per una società già provata e non ancora ritornata in moto.
Siamo ancora in mezzo al guado ma, rispetto a un anno fa, abbiamo l’arma del vaccino. E siccome la campagna vaccinale stenta ancora a decollare per colpe molteplici, non possiamo scendere a compromessi. Non possiamo barattare la libertà con la salute; né possiamo cedere la salute per l’economia. Questo cambio di passo sociale si impone: non abbiamo alternative.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie