Mercoledì 28 Ottobre 2020 | 04:15

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

 
Il caso
Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

 
Il commento
Cronaca di una seconda ondata annunciata

Cronaca di una seconda ondata annunciata

 
Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 
L'editoriale
Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

 
La riflessione
Il bello in mascherina di chi getta la maschera

Il bello in mascherina di chi getta la maschera

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

 
FoggiaLa lite
Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

 
TarantoLa denuncia
M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

 
PotenzaIl caso
Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

 
MateraIl virus
Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

 
LecceLe dichiarazioni
Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

 
Brindisinel Brindisino
Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 

i più letti

Il commento

Referendum, ora una spinta per riformare il Belpaese

Con l’attuazione della riforma l’Italia si allinea alle altre democrazie

referendum costituzionale

Dopo 35 anni di riunioni e discussioni, tra commissioni parlamentari bicamerali (la prima, nel 1985, presieduta dal liberale on. Bozzi, mentre quella presieduta da Massimo D’Alema, 1997, aveva anticipato grosso modo gli stessi numeri) e gruppi di esperti nominati dai presidenti della Repubblica o del Consiglio dei ministri, gli elettori italiani, sfidando anche il virus Covid-19, hanno approvato con circa il 70 per cento la riduzione del numero dei deputati da 630 a 400 e del numero dei senatori da 315 a 200. La riforma, frutto di una sintesi e unificazioni tra diverse proposte di iniziativa Quagliariello, Calderoli, Perilli, Patuanelli e Romeo, approvata in via definitiva dalla Camera l’8 ottobre 2019 con 553 sì, 14 contrari e due astenuti su 569 presenti, modifica gli articoli 56 e 57 della Costituzione che avevano fissato l’attuale numero dei parlamentari con una legge costituzionale del quattro febbraio 1963. Il referendum di conferma era stato richiesto da 71 senatori in base all’articolo 138 della Carta.

Il voto di domenica e ieri ribalta il risultato del referendum del 15 aprile 2016 sul disegno di legge costituzionale Renzi-Boschi che aveva ridotto il numero dei senatori a 95 mentre il numero nella Camera alta restava inalterato anche se con una rimodulazione consistente delle competenze tra le due Camere. Con l’attuazione della riforma l’Italia si allinea alle altre democrazie. Germania e Gran Bretagna hanno rispettivamente 700 e 650 eletti, la Francia poco meno di 600, gli Usa pur con una popolazione sei volte quella dell’Italia elegge un senato con meno di 100 componenti e una Camera con 400 membri. La riforma diventerà operativa con le prossime elezioni. Il Parlamento dovrà nel frattempo approvare una nuova legge elettorale, ma la riforma costituzionale potrebbe comunque essere applicata in base alla legge n.51 del 27 maggio 2019: è sufficiente anche un Decreto legislativo del governo che stabilisca i nuovi collegi elettorali della Camera e del Senato. In base ai calcoli dei servizi tecnici del Parlamento le nuove rappresentanze sono così riformulate. Camera, un deputato vedrà la sua rappresentanza passare da 96mila a 151.210 cittadini, un senatore da 188.424 a 302.420 abitanti.

Il risultato del referendum segna un passaggio significativo della nostra democrazia e della maturità civile e politica dei nostri concittadini. E rivela una ripresa di fiducia nelle istituzioni politiche e nei gruppi dirigenti dei partiti e movimenti che si sono schierati, malgrado le divisioni interne, per la conferma della legge approvata in quattro sedute, due alla Camera e due al Senato.

Sul primo punto, quello del futuro della democrazia italiana, occorre ritornare un po’ indietro nella nostra storia, alla discussione nell’assemblea costituente proprio sul numero dei parlamentari quando il quattro settembre 1946 il relatore Giovanni Conti ebbe ad affermare: <lo Stato accentratore comporta un Parlamento che si occupa dei minimi particolari della vita nazionale, mentre lo Stato autonomista distribuisce alle regioni gran parte del lavoro legislativo con la conseguenza, generalmente neppure intravista, di un mutamento dei costumi parlamentari…Il Parlamento, quando sarà sgravato da tante competenze, diventerà finalmente quell’alto consesso legislativo al quale accedono i migliori del Paese, e quindi si eleverà di tono>. L’onorevole Conti sottolineò la necessità di ridurre al massimo il numero delle due Camere indicando in una cifra tra 500 e 600 la consistenza degli eletti.

Luigi Einaudi, liberale e democratico, chiosò: <Quanto più è alto il numero dei componenti di una istituzione tanto più essa diventa incapace ad attendere all’opera legislativa che le è demandata. L’autorità di un consesso non dipende da un numero>.
In questa prospettiva il tema della rappresentanza deve essere reimpostato in modo completamente diverso rispetto al dibattito di questi mesi. Non rappresenta di certo un nodo numerico, cioè “minore rappresentanza con un numero più alto di elettori”, ma costituisce la questione centrale del riordino normativo sia delle competenze tra i diversi livelli, dai Comuni alle Regioni, allo Stato e alla stessa Unione europea, sia della amministrazione dei processi adesso segmentati tra i diversi livelli istituzionali quando invece andrebbero definiti in base ai centri di responsabilità più idonei ed efficienti, con procedure coerenti e non frammentate tra funzionari e livelli istituzionali-politici. In questa prospettiva sconforta registrare il diluvio di decreti, dpcm, circolari, ordinanze prodotte da Palazzo Chigi e dai ministeri, che accentrano decisioni e gestione, quasi a contraddire la retorica della innovazione e modernizzazione dello Stato e del sistema politico promesse dalla riforma costituzionale. Eppure, la stessa Presidenza del Consiglio, nelle 40 pagine che accompagnano il progetto di riforma, ha esaltato le sei condizioni fondamentali di una democrazia evoluta e aperta al futuro: partiti e movimenti credibili e aperti, informazione pluralista, forte e indipendente, società civile solida e articolata, istituzioni locali veicolo di partecipazione, autonomie funzionali indipendenti e promozione della democrazia diretta.

Gli italiani che si sono presentati alle urne hanno dimostrato maturità e responsabilità. Una dimostrazione che ribalta la vulgata di un popolo prigioniero di fantasmi ed egoismi. Chiaro l’invito: andate avanti perché l’Italia deve diventare una grande democrazia, giusta ed efficiente, capace di migliorare le condizioni di vita e di libertà dei cittadini e di essere esempio di buon governo a livello europeo e internazionale. E’ .il vero filo profondo della storia degli ultimi 75 anni. E’ inutile il tentativo di utilizzare il voto per i giochi interni di partito e come arma contundente contro nemici e avversari. Se proprio un uso politico deve essere promosso è nei confronti dei nostri amici europei. Ecco, questa è l’Italia delle riforme, di questa Italia si può avere fiducia anche quando dovremo approvare nuovi cambiamenti e progetti per mettere a frutto i soldi promessi dall’Unione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie