Sabato 15 Agosto 2020 | 06:36

NEWS DALLA SEZIONE

l'opinione
Solito Nord neanche ora vuol vedere il Sud crescere

Solito Nord, neanche ora vuol vedere il Sud crescere

 
fase 3
Dal ballo in maschera al ballo a distanza

Dal ballo in maschera al ballo a distanza

 
Il punto
Il riscatto di Bergamo piagata e piegata dal Covid-19

Il riscatto di Bergamo piagata e piegata dal Covid-19

 
L'ANALISI
Ma gli stessi obblighi devono valere anche in Italia

Ma gli stessi obblighi devono valere anche in Italia

 
L'EDITORIALE
Il modello elettorale come capro espiatorio

Il modello elettorale come capro espiatorio

 
Il punto
Perché quei ragazzi senza mascherine

Perché quei ragazzi senza mascherine

 
L'EDITORIALE
Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

 
L'ANALISI
La scommessa delle elezioni

La scommessa delle elezioni

 
L'EDITORIALE
Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

 
La riflessione
Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

 
Il commento
L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoa lido azzurro
Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

 
Brindisil'evento
Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

 
Foggiaestate
Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

 
Barimobilità
Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

 
Batdipendente amiu
Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

 
Materaa 38 anni
Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

 
PotenzaIl fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
LecceIl fatto
Nardò: «Augurate la morte ai profughi, vergogna»

Nardò, il parroco tuona: «Augurate la morte ai bimbi profughi, vergogna»

 

i più letti

IL PUNTO

Nessun dorma, ma a volte anche il grande tenore stecca

Anche Bocelli, l'uomo che ha commosso il mondo cantando nel Duomo di Milano deserto, ha fatto il suo esordio tra i «negazionisti» di un fenomeno così palpabile come l'epidemia che da mesi sconvolge il mondo

Nessun dorma, ma a volte anche il grande tenore stecca

C’è un virus molto più contagioso del “Corona”: si chiama polemi-virus. Non conosciamo la sua provenienza perché si perde nella notte dei tempi e dei talk-show ormai passati di moda e colpisce indistintamente lo spirito italico, senza offrire speranze in un vaccino possibile. Lo abbiamo visto in questi giorni deambulare nella bellissima biblioteca di Piazza della Minerva, al Senato, mietendo “vittime” illustri. Al convegno dal titolo didascalico “Covid 19 in Italia” è sembrato ammalarsi anche l'illustre tenore Andrea Bocelli. Con al fianco polemisti di lungo corso come Vittorio Sgarbi e il leader leghista Matteo Salvini, anche Bocelli, l'uomo che ha commosso il mondo cantando (tra l'altro per le vittime della pandemia!) nel Duomo di Milano deserto, ha fatto il suo esordio tra i “negazionisti” di un fenomeno così palpabile come l'epidemia che da mesi sconvolge il mondo.  


ll Maestro, il padre di famiglia che ha donato il plasma, il talento che emoziona i teatri e le piazze, si è preso il podio accodandosi alle polemiche dei suoi vicini di conferenza e dicendo al mondo che: 1) il lockdown lo ha “umiliato offeso”... forse come la nobiltà di Dostoevskij; 2) che ha violato il divieto di uscire; 3) che “non ho mai conosciuto nessuno che fosse andato in terapia intensiva, quindi perché questa gravità?”.

Al confronto, la tesi di Sgarbi secondo la quale “il virus non c'è più” è sembrata blanda, così come pareva un'inezia il fatto che anche Salvini come già da tempo Trump e Bolsonaro dicesse che la mascherina non la mette più. Pazienza per queste facce che vedremo intonse e non ascose dal pannicello azzurro... ma il Maestro, il grande Bocelli, come mai ha cantato note così stonate?

E' stato male interpretato, ha poi detto. Ma le registrazioni sul web sono fedeli e quindi la malattia sembra essere stata incubata. Polemi-virus anche per lui, come se fosse stato immediatamente ispirato allo Sgarbi-contro-tutti e alle uscite leghiste che ben conosciamo. Bocelli si è fatto pure bacchettare dal tatuatissimo Fedez, il quale ormai sembra il principe dei virologi e, oltre a consigliare eterna prudenza, con la sua Ferragni attua una politica di donazioni sanitarie e di sermoni formato Instagram che “bucano” il video e le coscienze.

Ora. Ognuno è libero di pensare e dire ciò che vuole, ci mancherebbe. Ma se le opinioni si scontrano con 35mila morti in 5 mesi di cui solo 16mila in Lombardia o con i 655mila decessi mondiali, la cosa desta un po' di preoccupazione. Come ha fatto il grande Bocelli, in tanti anni di viaggi internazionali, a conoscere così poca gente? Ah no, è il polemi-virus, non è lui che parla.
Avevamo visto i negazionisti della Shoah (pazzesco), quelli dell'attentato alle due torri di New York (suicidio collettivo?), quelli dell'esistenza di Saddam o di Al-Qaida, quelli del clima, dell'ecologia, delle stragi mafiose... Tanti, tanti temi sui quali ognuno si può disinformare come vuole sulla grande Rete, quella che fotografa cerchi concentrici in Texas e ci racconta di marziani sbarcati o che narra di genocidi inventati e di una Anna Frank falsa come un labbro al silicone.

Bocelli vuole giustamente riaprire le scuole e tutto il mondo vuole riaprire ogni cosa. Soffriamo tutti, ci barcameniamo in questa altalena di incertezze e drammi, vediamo tornare difficilmente alla vita persone che sono state colpite dal virus e che adesso vivono tra esami, danni da farmaci, dolori e paure. Un tour nel cimitero di Bergamo, in un reparto Covid o tra le case di Wuhan dove le famiglie sono decimate e la gente non sa come mangiare a volte non guasterebbe. Sì, torniamo a vivere – lo speriamo tutti fortemente – ma, come sempre, non dimentichiamo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie