Giovedì 06 Agosto 2020 | 09:59

NEWS DALLA SEZIONE

L'EDITORIALE
Ma l'Italia non può permettersi tre crisi

Ma l'Italia non può permettersi tre crisi

 
L'ANALISI
Dalla disparità di genere alla violenza di genere

Dalla disparità di genere alla violenza di genere

 
L'EDITORIALE
La filosofia del gattopardo sulla questione femminile

La filosofia del Gattopardo sulla questione femminile

 
L'ANALISI
Un'estate fa il finimondo scatenato dal Papeete,

Un'estate fa il finimondo scatenato dal Papeete

 
Il punto
L’incredibile certezza degli italiani che il peggio debba sempre colpire gli altri

L’incredibile certezza degli italiani che il peggio debba sempre colpire gli altri

 
L'editoriale
Una narrazione «eroica» col trionfo della pancia, Mingardi

Una narrazione «eroica» col trionfo della pancia

 
L'analisi
Che Croce guidare l’istruzione in un paese dimentico dei grandi maestri

Che croce guidare l’istruzione in un Paese dimentico dei grandi maestri

 
il punto
Tra elettori instabili ed elettori inesistenti

Tra elettori instabili ed elettori inesistenti

 
L'EDITORIALE
Un ciclone più travolgente del caldo vento dell'estate

Un ciclone più travolgente del caldo vento dell'estate

 
il punto
Da Bruxelles alla penisola, il miracolo è a mezzogiorno

L’Europa: è il Sud il nuovo miracolo italiano

 
Il punto
La prospettiva di un contenzioso a oltranza tra Stato e Regione

La prospettiva di un contenzioso a oltranza tra Stato e Regione

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baridonne nel mirino
Bari, palpeggia 4 passanti per strada: arrestato 25enne senegalese per violenza sessuale

Bari, palpeggia 4 passanti per strada: arrestato 25enne senegalese per violenza sessuale

 
TarantoLe nuove professioni
Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

 
MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

Il punto

Dal distanziamento all’assembramento

Ci sono ancora troppi lati oscuri sul Covid-19, abbassare la guardia potrebbe costare caro

Dal distanziamento all’assembramento

Non è allarmismo, è realismo. Ci sono ancora troppi lati oscuri sul Covid-19, abbassare la guardia potrebbe costare caro. Quando la situazione è critica e il danno è grave, la risposta è quella di difendersi. In principio tutti sono d’accordo, ci si informa, si è consapevoli e si adottano - o si fanno adottare - comportamenti efficaci. Così come tutti sono d’accordo sulla constatazione che, per approntare mezzi adeguati, è necessario sapere e capire di quale natura è il danno che incombe. Ecco, del nuovo virus che ha ucciso migliaia di italiani e, in misura minore, continua a ucciderli, si sa ancora poco, forse niente, viste le liti in diretta tivù tra virologi e massimi esperti.

Ed è qui che iniziano i problemi degli esseri umani, specie dotata sì di razionalità ma di capacità limitata e soprattutto di memoria pari a zero. Il coordinatore delle terapie intensive lombarde Antonio Pesenti tempo fa dichiarò che l’attuale epidemia «assomiglia alla Spagnola alla fine della Prima guerra mondiale»: «supponiamo che 1/3 degli italiani venga contagiato se il 3% di venti milioni muore significa 600mila morti, quelli della Prima guerra mondiale».

Metafore e concetti significano qualcosa, non sprechiamoli. Non dovremmo sprecarli, soprattutto in questo momento in cui la politica litiga su questioni che non conosce, e ci si azzuffa ormai quotidianamente sul se e come prolungare lo stato di emergenza in un Paese in cui l’emergenza, quella sanitaria almeno, è sbiadita ma resiste e minaccia sorprese macabre da adesso a qualche mese. Che poi non è solo una questione ospedaliera, in un’Italia in cui la Medicina è stata ridotta allo stremo da errori, affari oscuri, tagli indiscriminati, ovvero da quando si è fatta politica.

Tra le consapevolezze che dovrebbero avere gli italiani ci dovrebbe essere un faro: se in autunno l’epidemia riesplodesse - probabile, secondo gli esperti - un nuovo lockdown ci porterebbe ai tempi della clava. L’alternativa ci sarebbe, far finta di nulla e riprendere a contare i morti da virus, cui, com’è già avvenuto fino a poche settimane fa, si aggiungerebbero i non curati di altre patologie.

Per questo l’euforia che ha colpito gli italiani, unita al menefreghismo di chi dovrebbe vigilare, fa male. Le spiagge, pubbliche e private, fatte le debite rare eccezioni sono tornate quel carnaio tipico delle estati migliori. Anzi, più siamo meglio stiamo, sembrerebbe. Ristoranti e pizzerie, fatte le debite rare eccezioni, sono affollati come non mai. Se uno circola con la mascherina sul volto è un marziano, o un folle; i giovani sognano e organizzano viaggi in un mondo oltreconfine che sta vivendo ora il peggio della pandemia. Per strada ci si abbraccia e - i più fortunati - bacia. Tornano le feste, gli happy hour, i rave. E fanno quasi tenerezza, tanto sono abbandonati e soli, i pochi dispenser di disinfettante davanti a locali e negozi.

La scienza s’è fatta tirare per la giacchetta dalla politica: basta allarmismi, che pure ci sono ma portano immediatamente e irrimediabilmente alla patente di menagramo. Poi scoppiano di frequente focolai e il ministro della Salute ricorda di non scordare le regole base. Speranza forse non ha notato un piccolo particolare: le regole - compresa la mascherina obbligatoria nei luoghi chiusi - restano in vigore almeno fino al 31 luglio, ma nessuno le fa più rispettare a chi - gli italiani - è antropologicamente refrattario a qualsiasi norma. «Passata è la tempesta: Odo augelli far festa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie