Lunedì 03 Agosto 2020 | 14:23

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Che Croce guidare l’istruzione in un paese dimentico dei grandi maestri

Che croce guidare l’istruzione in un Paese dimentico dei grandi maestri

 
il punto
Tra elettori instabili ed elettori inesistenti

Tra elettori instabili ed elettori inesistenti

 
L'EDITORIALE
Un ciclone più travolgente del caldo vento dell'estate

Un ciclone più travolgente del caldo vento dell'estate

 
il punto
Da Bruxelles alla penisola, il miracolo è a mezzogiorno

L’Europa: è il Sud il nuovo miracolo italiano

 
Il punto
La prospettiva di un contenzioso a oltranza tra Stato e Regione

La prospettiva di un contenzioso a oltranza tra Stato e Regione

 
L'ANALISI
Salento spiazzato senza la taranta

Salento spiazzato senza la taranta

 
L'EDITORIALE
Rileggere Andreatta: promemoria sul bilancio

Rileggere Andreatta: promemoria sul bilancio

 
IL PUNTO
Nessun dorma, ma a volte anche il grande tenore stecca

Nessun dorma, ma a volte anche il grande tenore stecca

 
L'EDITORIALE
Il punto debole dell’alleanza giallorossa

Il punto debole dell’alleanza giallorossa

 
L'ANALISI
Finalmente la prova del fuoco: ammazzare il gattopardo

Finalmente la prova del fuoco: ammazzare il gattopardo

 
L'ANALISI
Solidarietà e sicurezza: il caso lucano faccia scuola

Solidarietà e sicurezza: il caso lucano faccia scuola

 

Il Biancorosso

serie C
Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'emergenza
Ferrandina, arrivano i migranti ma fra tanti timori

Ferrandina: arrivano i migranti ma fra tanti timori

 
Tarantoorrore nel tarantino
Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

 
Brindisil'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 
BatBarriere architettoniche
Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

 
BariFase 3
Un barese formerà i medici serbi

Un barese formerà i medici serbi per il trattamento del Coronavirus

 
Potenzala scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Leccenel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 

i più letti

Il punto

Quella voglia matta di tornare alle urne

Il nostro premier gode di una larga fiducia da parte della popolazione. Eppure, nel suo legittimo ruolo di opposizione, il centrodestra continua a chiedere le elezioni politiche a settembre

Elezioni

Per esprimere un giudizio sereno e obiettivo sul governo in carica, all’indomani dell’emergenza provocata dall’epidemia di coronavirus, basterebbe fare un confronto tra i comportamenti di Giuseppe Conte in Italia, Donald Trump in America e Boris Johnson in Gran Bretagna. Per non parlare del dittatore cinese Xi Jinping o del presidente brasiliano Jair Bolsonaro, risultato ora positivo al Covid-19.

E infatti, a giudicare almeno dai sondaggi, il nostro premier gode di una larga fiducia da parte della popolazione. Eppure, nel suo legittimo ruolo di opposizione, il centrodestra continua a chiedere le elezioni politiche a settembre e briga in Parlamento per indebolire la maggioranza e dare una spallata all’attuale esecutivo.

Non c’è niente di scandaloso in tutto questo. L’opposizione ha il pieno diritto di criticare il governo e di candidarsi a sostituirlo, anche se una “campagna acquisti” imperniata sul trasformismo parlamentare non è proprio lo strumento più trasparente per ottenere un tale risultato. Ma tant’è. La vita politica di una democrazia moderna dovrebbe fondarsi piuttosto sull’alternanza e sul ricambio alla guida del Paese, al termine naturale della legislatura, e cioè ogni cinque anni.

Senza negare minimamente all’opposizione la prerogativa di fare l’opposizione, dentro e fuori le aule parlamentari, c’è da chiedersi tuttavia se e quanto un atteggiamento del genere possa giovare all’interesse nazionale in una situazione particolare come quella che stiamo vivendo, in Italia e in tutto il mondo. Un’emergenza sanitaria, ma anche economica e sociale, alimentata e aggravata da questa terribile pandemia. Non si sbaglia verosimilmente a dire che, in una tale congiuntura, una crisi di governo favorirebbe chi la reclama più che la gran parte dei cittadini italiani: le elezioni anticipate sono l’ultima risorsa di cui c’è bisogno in questo frangente. E anche se – per ipotesi – il centrodestra riuscisse a vincerle, con ogni probabilità il Paese ne uscirebbe diviso, lacerato e addirittura ingovernabile.

Fa bene perciò il presidente del Consiglio a rivolgere un nuovo appello all’opposizione, per avviare un confronto parlamentare sul Piano nazionale di rilancio. E male fa o ha fatto se non accoglie nessuna delle proposte che provengono dal centrodestra, come lamentano più o meno strumentalmente gli esponenti della Lega, di Fratelli d’Italia e Forza Italia. È ovvio, tuttavia, che una tale dialettica presuppone da entrambe le parti la volontà di sviluppare un dialogo e cercare un punto di compromesso o di equilibrio, nella distinzione dei ruoli e delle rispettive responsabilità. Alla cosiddetta “dittatura della maggioranza”, teorizzata dal filosofo francese Alexis de Tocqueville nell’Ottocento, non può corrispondere all’opposto un “dispotismo della minoranza” che pretende di invertire i poli come i cavi di una batteria, con il rischio di danneggiare così l’impianto elettrico.

Se c’è invece una linea di confine tanto invisibile quanto invalicabile tra i due schieramenti, o magari anche al loro interno, il confronto non è destinato a sortire effetti positivi. Questo sembra, purtroppo, il nostro caso. In realtà, la linea di confine esiste ed è costituita dal rapporto con l’Europa, di cui la “querelle” sul Mes (il meccanismo europeo di stabilità) rappresenta emblematicamente il nervo scoperto o meglio ancora il punto di rottura. Un pomo della discordia, insomma, che in forza di un pregiudizio trasversale anti-europeo ha diviso finora sia la maggioranza di governo, il Pd e Italia Viva da una parte e il Movimento 5 Stelle dall’altra; sia l’opposizione di centrodestra, con la Lega e Fratelli d’Italia contrari e Forza Italia più disponibile.

Il fatto stesso che le componenti dei due fronti contrapposti possano litigare tra loro su un prestito fino a 37 miliardi di euro che l’Unione europea è disposta a erogare all’Italia a tassi minimi, senza particolari clausole o condizioni, vincolato soltanto all’obiettivo di finanziare le spese sanitarie “dirette o indirette”, la dice lunga sullo stato generale della nostra politica. Troppi tagli sono stati inferti negli ultimi vent’anni alla salute degli italiani, dai governi di centrosinistra o di centrodestra, per permetterci oggi di rifiutare un’opportunità così favorevole. Poi, eventualmente, si tratterà di impiegare i fondi al meglio, senza sprechi o distorsioni clientelari. Ma è proprio in questa situazione di stallo che ora, in vista di una votazione parlamentare sul “mini-Mes”, si profila l’eventualità che Silvio Berlusconi con la sua pattuglia superstite diventi l’ago della bilancia e addirittura possa “salvare” il governo al Senato: lì dove le forze della maggioranza sono state più erose dal trasformismo che ha contagiato i transfughi dei Cinquestelle, confluiti nel Gruppo misto o passati direttamente nelle file della Lega.

La situazione, dunque, “è grave ma non è seria”, come recita un celebre aforisma dello scrittore Ennio Flaiano. Tanto che, a quanto pare, cominciano a rendersene conto gli stessi “grillini”, preoccupati di lasciare campo libero alle incursioni di Forza Italia e del suo leader ultraottuagenario. Se alla fine il M5S si decidesse a votare a favore del Mes, in questa versione di “pronto soccorso” post-Covid, un appoggio di Berlusconi risulterebbe superfluo e non determinante per le sorti dell’esecutivo.
La politica, si sa, è l’arte del possibile. Ma in Italia può diventare anche l’arte dell’impossibile. E questa non sarebbe la prima volta e forse neppure l’ultima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie