Domenica 23 Febbraio 2020 | 05:42

NEWS DALLA SEZIONE

Il commenrto
Panico, politici e fake news gli «alleati» del Covid 19

Panico, politici e fake news gli «alleati» del Covid 19

 
Il commento
Bonus gas, la Crociata lucana

Bonus gas, la Crociata lucana

 
il punto
Un giornale è l'unica difesa per il Sud

Un giornale è l'unica difesa per il Sud

 
L'analisi
Niente poveri e non istruiti siamo inglesi post Brexit

Niente poveri e non istruiti siamo inglesi post Brexit

 
L'editoriale
La via cristiana che l’Europa avrebbe dovuto percorrere

La via cristiana che l’Europa avrebbe dovuto percorrere

 
il punto
Se l'esecutivo continua a navigare sottocosta

Se l'esecutivo continua a navigare sottocosta

 
L'analisi
Una partita a poker tra rilanci e mosse bluff

Una partita a poker tra rilanci e mosse bluff

 
L'analisi
Rappresentanza e governabilità l’equilibrio necessario

Rappresentanza e governabilità l’equilibrio necessario

 
l'editoriale
Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

 
Il commento
Saper spendere rimane la questione principale

Saper spendere rimane la questione principale

 
il punto
Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, mister Vivarini srpona i suoi prima della trasferta contro la Cavese: «Siamo nel momento clou del torneo»

Bari, mister Vivarini sprona i suoi: «Siamo nel momento clou del torneo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiasos sicurezza
Foggia, nelle campagne torna il Far West

Foggia, nelle campagne torna il Far West

 
Barila decisione
Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

Popolare di Bari, De Angelis nominato direttore generale

 
BatTragedia sfiorata
Barletta, agguato in via Callano, ferito un 53enne sparato alle spalle

Barletta, agguato in via Callano, ferito un 53enne sparato alle spalle

 
BrindisiIl caso
«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

 
PotenzaI controlli
Melfi, guida «Panda» rubata, fermato nel Foggiano

Melfi, guida «Panda» rubata, fermato nel Foggiano

 
Tarantol'illustrazione
Diodato nella sua Taranto: l'omaggio di un artista è virale

Diodato nella sua Taranto: lunedì attestato benemerenza dal Comune

 
LecceNel Salento
Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

 
Materanel Materano
Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

Scanzano Jonico, ubriaco picchia la compagna e la manda in ospedale: arrestato

 

i più letti

L'analisi

Macron-pensioni: la posta in gioco

L’inquilino dell’Eliseo era stato attento a non entrare direttamente nella discussione, lasciando spazio al suo primo ministro Edouard Philippe. In un Paese fortemente sindacalizzato come la Francia, approvare un’equivalente della legge Fornero si è rivelato un calvario.

Eliseo smentisce vacanzaPresidente Macron in Puglia

Dopo quaranta giorni di scioperi, Emmanuel Macron ha provato a siglare una tregua coi sindacati francesi. Il risultato è lo stralcio dalla riforma previdenziale di uno dei suoi aspetti più controversi ma pure più rilevanti, sia sul piano finanziario che su quello simbolico: l’innalzamento dell’età di pensionamento.

L’inquilino dell’Eliseo era stato attento a non entrare direttamente nella discussione, lasciando spazio al suo primo ministro Edouard Philippe. In un Paese fortemente sindacalizzato come la Francia, approvare un’equivalente della legge Fornero si è rivelato un calvario.

Il compromesso di Macron potrebbe avere ripercussioni rilevanti anche fuori dai confini francesi. Nell’Europa di oggi, egli è infatti la figura che incarna l’alternativa ai populismi. Questi ultimi hanno caratteristiche assai diverse a seconda della collocazione sull’asse destra-sinistra e del Paese nel quale mettono radici. Sono però uniti dal rigetto dei vecchi establishment. Questi establishment, negli ultimi anni, hanno fatto leva sulla “competenza” per rivendicare legittimità. In un mondo sempre più complesso, in cui gli effetti delle decisioni sono sempre più difficili da stimare, chi governa deve sapere attivare tutta una serie di conoscenze difficilmente disponibili agli elettori.

E’ così che entrano in gioco i cosiddetti “esperti”. Affidarsi a un “esperto” per prendere una decisione è abbastanza normale. Lo facciamo tutti, quotidianamente: per andare al ristorante compulsiamo una guida, se non ci sentiamo bene consultiamo un medico. C’è però differenza fra una situazione nella quale chi deve compiere una decisione può scegliere se e come avvalersi di un “esperto” e una situazione nella quale gli esperti decidono per lui. Ciò può avvenire perché il singolo ha scelto, da principio, di affidarvicisi (ad esempio perché ha aderito a una certa religione) o semplicemente perché è venuto al mondo in un determinato territorio. Questo monopolio può essere “temperato” dalla concorrenza elettorale. In una democrazia matura, chi sceglie fra due partiti sceglie anche fra due “set” di esperti: per dire, quelli più vicini al Partito democratico oppure quelli più vicini al Partito repubblicano.

Negli ultimi anni, l’insorgere dei populismi ha dato l’impressione che la scelta vera fosse fra governo degli esperti, e per questo necessariamente elitario, imposto dall’alto, cieco ai bisogni della volontà popolare, e invece governo dei non-esperti, di figure politiche che vogliono soprattutto “rappresentare” la società che li vota e i suoi sentimenti. Questa è una narrazione un po’ caricaturale: il governo Lega-Cinque stelle non poteva fare del tutto a meno di “esperti”, semplicemente (come ogni altro) ne sceglieva di prossimi ai due partiti.

Nell’Europa di oggi, però, i populisti sembrano rifiutare non tanto le risposte degli esperti, ma anche le domande che questi si pongono. La domanda delle domande è: lo Stato sociale europeo è ancora sostenibile, innanzi alla concorrenza internazionale e agli andamenti della demografia? Macron, “esperto” in prima persona e poi governante, cerca di dare una risposta. I suoi antagonisti rifiutano di porsi il problema. E’ così anche in Italia, dove non a caso il minimo comune denominatore dei populisti è la volontà di tornare indietro, sulla previdenza, al pre-Fornero.
Negli ultimi anni gli “esperti” hanno sbagliato molto e gli elettori, soprattutto dalla crisi del 2007-2008 ad oggi, hanno accolto questi errori con sorpresa e paura. Proprio perché, in precedenza, l’investimento sulla “competenza” come fattore determinante della legittimità di chi governa era stato tanto elevato.

Se Macron non riuscirà a portare a termine la riforma delle pensioni non farà danno soltanto alle casse dello Stato francese. Indebolirà ulteriormente l’idea che servano persone competenti per navigare la globalizzazione e imprimere una rotta a quella corazzata pesante che è lo Stato moderno.
In altri Paesi, gli elettori si sono affidati a leadership “eccentriche”, come quella di Donald Trump, per ottenere cambiamenti che candidati tradizionali non sapevano offrire loro. Da noi purtroppo la pietanza più servita, nel menù elettorale, è la nostalgia: il sogno di far tornare il passato. Quello, non c’è leadership che lo possa realizzare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie