Martedì 21 Gennaio 2020 | 20:36

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Le tre vittorie decisive della Prima Repubblica

Le tre vittorie decisive della Prima Repubblica

 
L'analisi
Nord Africa, il pungolo dell’Italia all’Europa

Nord Africa, il pungolo dell’Italia all’Europa

 
il punto
Le regioni hanno 50 anni ma nessuno fa festa per loro

Le regioni hanno 50 anni ma nessuno fa festa per loro

 
L'analisi
I predoni della democrazia all’assalto dei Comuni

I predoni della democrazia all’assalto dei Comuni

 
Il commento
Puglia, la cultura fa capitale ma 18 aspiranti non fanno rete

Puglia, la cultura fa capitale ma 18 aspiranti non fanno rete

 
Il commento
Bari capitale del mediterraneo ma a sua insaputa. purtroppo

Bari capitale del mediterraneo ma a sua insaputa. Purtroppo

 
Il commento
Abbattiamo il muro che condanna l’Italia

Abbattiamo il muro che condanna l’Italia

 
Il caso
Assunzioni truffaldine a spese di Pantalone

Assunzioni truffaldine a spese di Pantalone

 
Il punto
Ma una salute d’acciaio ha bisogno di tre condizioni

Ma una salute d’acciaio ha bisogno di tre condizioni

 
L'analisi
L’agro-assedio delle mafie ai fondi comunitari

L’agro-assedio delle mafie ai fondi comunitari

 
L'analisi
Divergenze parallele sul celibato dei preti

Divergenze parallele sul celibato dei preti

 

Il Biancorosso

mercato
Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
TarantoLa sentenza
Caso Scazzi, processo ai falsi testimoni: 4 anni a Ivano Russo, 5 anni a Michele Misseri

Caso Scazzi, 11 condanne per le bugie al processo: 5 anni a Ivano Russo, 4 anni a Michele Misseri

 
Leccel'appuntamento
«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

 
Potenzaserie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
Materaprocura di matera
Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce

Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce VD

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 

i più letti

L' opinione

Se le «capre» diventano «sardine»

I giovani meridionali sono più capre dei loro coetanei del Settentrione. Sarà davvero vero?

Se le «capre» diventano «sardine»

Sembra proprio che i nostri figli siano diventati delle capre. Non capiscono più ciò che leggono, sebbene siano ormai bravissimi con la matematica, da sempre bestia nera di tutti i ragazzi. Quando c’è un record negativo naturalmente il sud riesce a battere il nord, per cui i giovani meridionali sono più capre dei loro coetanei del Settentrione. Sarà davvero vero? Viviamo immersi in statistiche di ogni tipo che misurano anche ciò che misurabile non è e gli algoritmi ci dicono e predicono il futuro meglio di una cartomante. Tra qualche giorno comincerà la sfilza di dati natalizi: quanti vanno in vacanza, quanto capitone e quanto panettone mangeremo, quali regali compreremo e quali ci saranno piaciuti.

Ma torniamo a chi legge senza capire. Il caso è stato ampiamente analizzato in questi ultimi giorni. Non s’è detto però che molti dei ragazzi a corto di comprendonio sono gli stessi che stanno riscoprendo il gusto delle grandi battaglie sociali: si mobilitano per salvare l’ambiente, marciano contro la violenza di genere, sfilano nei cortei per la pace nel mondo. Anche qui qualche dubbio: è davvero vero? Sul Corriere della Sera di giovedì Massimo Ammaniti ricordava addirittura «Il posto delle fragole» di Bergman per evocare la rinata vocazione dei giovani alla protesta e a riappropriarsi dello spazio pubblico.
In Italia, oltre alle mobilitazioni festaiole contro il riscaldamento globale, assistiamo alla nascita di un movimento giovanile dai forti connotati politici: le cosiddette «sardine». Oggi sono previste due manifestazioni in Puglia: a Foggia e a Bari. Sarà curioso osservare quanti di quei ragazzi meridionali che non capiscono ciò che leggono ancor più dei loro coetanei del Nord saranno in piazza con loro. Detto in termini da bestiario, quante capre vivranno la metamorfosi di trasformarsi in sardine.

La teoria dietrologica e complottista si è messa subito alla caccia di possibili ispiratori di questo movimento nato a Bologna come contromanifestazione a un comizio di Matteo Salvini. E l’anti-leghismo è stato – fino a oggi – il leit motiv dichiarato di tutte le loro adunate. C’è una regia occulta? Difficile dirlo con certezza. Oggi è molto semplice con il passaparola digitale organizzare manifestazioni di piazza. La Rete da tempo ha originato il fenomeno dei flash mob che possono essere declinati nei modi più vari. La «sardine» per ora ne rappresentano uno basato soprattutto sul numero: incontrarsi in uno stesso posto ed essere così tanti da restare stretti appunto come le sardine in scatola.

In molti – con speranza alcuni, con preoccupazione altri – si chiedono se i clupeidi si trasformeranno in un movimento politico e dunque con strutture, gerarchie, programmi, ambizioni e tutti i paramenti che servono alla liturgia partitica. Da sempre essere contro qualcuno o qualcosa è un collante a presa rapida. I problemi arrivano dopo, cioè quando viene meno il «nemico» o presunto tale. La parabola dei 5Stelle è esemplare in questo e c’è da dire che non nascevano in maniera così spontanea, ma avevano la regia di due marpioni del business e della comunicazione: Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo. A partire dai «Vaffa day» il successo fu contagioso. Facile dire «vaffa» alla corruzione, alle leggi ottuse, alle ruberie, alla sete di potere, ai vecchi partiti ecc. ecc. Ma una volta «aperto il Parlamento come una scatoletta di tonno» (riecco l’animalità che torna) le cose si sono rivelate ben più difficili e oggi i 5Stelle, ancorché partito leader del governo, appaiono sempre più divisi e litigiosi.
Schierarsi contro la deriva destrorsa, ritrovarsi in tanti in piazza, gridare slogan e dare sfogo alla fantasia è un’esperienza piacevolissima che lega agli altri e fa sentire vivi, vivaci e forti. Lo spontaneismo è bello e appagante, ma per sua natura è effimero. Un tempo i partiti storici cercavano di irreggimentare questo fiume di energie e di risorse. Nelle strutture interne esistevano spazi precisi dedicati a far crescere coloro che sarebbero diventati parte della nuova classe politica. Oggi prevale il fai da te e, come dimostra ogni giorno la cronaca, dai Comuni fino alle Camere, l’inesperienza e l’impreparazione sono una miscela che provoca danni spesso irreparabili.

Le sardine quale percorso faranno? Svaniranno come neve al sole? Si lasceranno fagocitare da qualche partito a caccia di energie fresche? Rivivranno la parabola dei 5Stelle? Molto dipenderà da ciò che avranno letto e, soprattutto, da ciò che avranno capito da quelle letture.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie