Venerdì 13 Dicembre 2019 | 09:24

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Dall’Europa agli appalti una lunga serie di autogol

Dall’Europa agli appalti una lunga serie di autogol

 
il punto
Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

Ma occorre cambiare il modo di fare l'acciaio

 
l'analisi
Il complesso di Telemaco della nostra dmeocrazia

Il complesso di Telemaco della nostra dmeocrazia

 
L'analisi
Partititi, rischio di apparire monadi senza finestre

Partititi, rischio di apparire monadi senza finestre

 
il commento
Tosca, boom di ascolti: la qualità anche in Tv

Tosca, boom di ascolti: la qualità anche in Tv

 
il punto
Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

 
L'analisi
L’Italia del buon senso non s’arrenda al senso comune

L’Italia del buon senso non s’arrenda al senso comune

 
L'analisi
Il «popolo di formiche» ora vive tra i muretti a secco

Il «popolo di formiche» ora vive tra i muretti a secco

 
L' opinione
Se le «capre» diventano «sardine»

Se le «capre» diventano «sardine»

 
Il punto
Caro Fedez le tue paure siano un messaggio per chi soffre

Caro Fedez le tue paure siano un messaggio per chi soffre

 
L'analisi
Ogni giorno Sud sempre più derubato: basta, da oggi deve finire

Ogni giorno Sud sempre più derubato: basta, da oggi deve finire

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel settembre scorso
Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo, ma i colpi fallirono: identificati e arrestati 2 baresi

Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo, ma i colpi fallirono: identificati e arrestati 2 baresi

 
Batla decisione
Barletta, morì di parto nel '98, Asl Bari condannata a risarcire la famiglia per oltre 1mln di euro

Barletta, morì di parto nel '98, Asl Bari condannata a risarcire la famiglia

 
BrindisiIntimidazione
S.Pietro Vernotico, colpi di pistola contro auto: era del proprietario del cane arso vivo

S.Pietro Vernotico, colpi di pistola contro auto del proprietario del cane arso vivo

 
LecceDevozione
Lecce, la salma di Mons. Ruppi presto traslata nel Duomo

Lecce, la salma di Mons. Ruppi presto traslata nel Duomo

 
PotenzaTecnologia
Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

 
TarantoSS Annunziata
Taranto, il 20 dicembre reparto intitolato a Nadia Toffa

Taranto, il 20 dicembre inaugura il reparto intitolato a Nadia Toffa

 
FoggiaNel Foggiano
San Severo, sorpresi a rubare ne cimitero: ladri messi in fuga

San Severo, sorpresi a rubare nel cimitero: ladri messi in fuga

 
Materanel Materano
Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

 

i più letti

Il punto

Gente di mafia a Bari: più truce di Gomorra

Di guerra parliamo, certo. Quella in corso nel quartiere Japigia di Bari

Gente di mafia a Bari: più truce di Gomorra

Locandina serie tv

BARI - Trecento vedette con radiotrasmittenti e binocoli sui tetti del quartiere, un dispositivo bellico schierato per segnalare anche la benché minima presenza di qualcuno vicino al nemico. Di guerra parliamo, certo.  Quella che nel 2017 ha sporcato di sangue Japigia, il rione barese dove vive una mafia armata, ricchissima e  prepotente, quella  mafia che  stermina gli avversari, spara ad altezza uomo, maneggia milioni di euro e s’impossessa  di strade, piazze, case popolari, pezzi di città.
Venticinque gli arresti fatti ieri, con il cielo sopra Bari acceso dagli elicotteri della polizia fin dalle 4 del mattino. Il romanzo criminale ruota intorno alla figura di un emergente, Tonio Busco che  a 35 anni è all'apice della carriera e si permette di soffiare il mercato della droga alla famiglia Palermiti, costola potentissima del clan Parisi.

«Questo si è montato la testa», commentano a Japigia, tanto da temere che Busco possa perfino un giorno eliminare il suo stesso padrino, Savinuccio Parisi, che a Bari e in Puglia è sinonimo di boss per eccellenza. Una trama che sembra una fiction, di quelle che ci fanno perfino sorridere per certi aspetti caricaturali e grotteschi dell'universo mafioso. Ma qui davvero la realtà  supera la fantasia in una spirale di omicidi, vendetta, odio, un botta e risposta di fuoco e di morte. E una scena - questa sì cinematografica - che in gergo malavitoso si chiama stesa: un raid intimidatorio messo in atto da una delle due fazioni in campo, a bordo di moto tonanti, lungo le strade, fino all'abitazione di uno dei nemici, quindi il tirassegno con pistole e kalashnikov. «E che è, Gomorra, Mimmo!», si dicono alcuni dei protagonisti intercettati dagli investigatori.

Peggio, molto peggio delle rappresentazioni romanzate, la mafia barese evidentemente fa paura. Proprio nei momenti della stesa, una santabarbara di proiettili scaricati contro un palazzo, non si è registrata nessuna segnalazione alle forze di polizia. Cittadini che protestano per la musica troppo alta del vicino o del bar sotto casa, che viceversa tacciono del crepitìo inquietante (e arrogante) dei proiettili. Non sottovalutiamo il potere anche evocativo, culturale che i clan baresi sprigionano, una criminalità familistica che non a caso trasforma il conflitto in faida, perché il contrasto non è solo sull’interesse o sul business, piuttosto sull’appartenenza, sul sentimento, sull’onore.

L’ultima nota. Tra i duellanti delle due fazioni c’è un certo Davide Monti. Ha 20 anni. Quando ne aveva 9 fu sorpreso dai carabinieri a Barivecchia mentre trasferiva una pistola da un nascondiglio all’altro. Poi, con un provvedimento della magistratura minorile che fece scalpore, fu sottratto alla famiglia e inviato in una comunità fuori regione. Poi tentò di «adottarlo» l’allora sindaco (già pm antimafia) Michele Emiliano. Ma l’attrazione fatale del suo mondo è stata più forte di tutto. Scampato ad alcuni agguati, adesso è in carcere e la sua vita procede secondo il principio perverso della predestinazione. Questa, d’altronde, la storia già scritta della gente di mafia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie