Martedì 26 Maggio 2020 | 08:59

NEWS DALLA SEZIONE

L'EDITORIALE
Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

 
LA SCOMMESSA
Beppe Macchione

Gazzetta, la prospettiva di bene storico culturale

 
LA STORIA
Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

 
Il punto
Gli insegnanti vogliono riaperte le scuole

Bar e ristoranti aperti. Scuole e atenei chiusi?

 
L'analisi
Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

 
L'analisi
Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

 
Il ricordo
Piero Manni

Piero Manni, il cuore a Sud di un editore militante

 
L'Editoriale
Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

 
L'Editoriale
l brutto della Fase 2 liberati, ma non liberi

Il brutto della Fase 2: liberati ma non liberi

 
L'analisi
alta velocità

Alta velocità e asili nido: per il Sud è il solito danno

 
L'ANALISI
Aree disseccate dalla Xylella

Sos Salento uliveti ignorati: intere aree desertificate

 

Il Biancorosso

SERIE C

Il Bari vuole e prepara lo sprint. L’eventuale stop fa meno paura

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
San Severo, blitz dei cc: arresti per usura ai danni di un imprenditore, perquisizioni per armi e droga

Blitz cc a San Severo: usura, armi e droga, arresti e perquisizioni

 
BariL'intervista
Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

 
PotenzaL'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da oggi palestre e piscine

 
TarantoLa provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
BrindisiSanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
LecceIl rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 
Batnella bat
Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

 

i più letti

L'analisi

I nominati per elezione e i nominati per sovvenzione

È vero, la democrazia è un sistema imperfetto e non privo di contraddizioni, ma, è risaputo, non si ha notizia della scoperta di un modello migliore.

Elezioni amministrative, si vota in 45 Comuni pugliesi e 13 lucani

Comunali, si va alle urne dalle 7 alle 23

Le attività economiche si fondano sul prezzo. Il prezzo non è un’invenzione di Satana, ma è l’unico strumento, escogitato dall’uomo, in grado di informarci sulla qualità/quantità di un prodotto e di un servizio. Ogni cosa ha un prezzo, materiale o immateriale. Compresa la democrazia, che rappresenta il pilastro del vivere civile. Lesinare le spese sulla voce «democrazia» può esporre a più di un pericolo, a cominciare dalle restrizioni dei margini di libertà.

Ovviamente non si può né si deve scialare. Il costo necessario di una democrazia non deve trasformarsi in un alibi per una classe politica famelica e mai sazia, né per la moltiplicazione di privilegi da Stato feudale. Ma non ci si deve neppure rassegnare a quei ragionamenti demagogici che associano ogni istituzione democratica ed elettiva alla sentina di una nave.

È vero, la democrazia è un sistema imperfetto e non privo di contraddizioni, ma, è risaputo, non si ha notizia della scoperta di un modello migliore. Tra gli argomenti utilizzati a favore della riduzione del numero dei parlamentari, ce n’è uno che possiede una discreta plausibilità. Eccolo: a che serve mantenere due assemblee così pletoriche se la stragrande maggioranza di deputati e senatori di fatto appartiene alla cerchia dei «nominati» dai capipartito del momento? E meno male, viene da aggiungere, che la Costituzione non prevede il vincolo di mandato, altrimenti, davvero al posto di molti eletti avrebbero potuto trovarsi automi o manichini.

Ma a un’osservazione di tal guisa, non si dovrebbe porre rimedio gettando, come si suol dire, il bambino insieme con l’acqua sporca. A un’osservazione del genere si dovrebbe rispondere restringendo, o tagliando, il recinto dei nominati, ridimensionando quel cerchio magico che, in ogni partito, fa il bello e il cattivo tempo a prescindere dagli eletti (spesso devoti ai padrini di turno) e dalle esigenze degli elettori. A un’osservazione di tale natura si dovrebbe replicare che, aumentando l’estensione dei collegi elettorali, in seguito alla riduzione dei parlamentari, si corre il rischio di portare alle stelle il costo delle campagne elettorali, con buona pace di tutte le preghiere contro gli esborsi di denaro e le seduzioni della corruzione.

Ma sarebbe ingeneroso prendere di mira solo i nominati «frutto» di un’elezione popolare. In tutti i settori, la schiera dei nominati, in Italia, è più corposa di quella che fu l’Armata Rossa sovietica. Si va dalle frange, sparse sul territorio, dei raccomandati che vivono di intrallazzi politici e si sistemano nelle stanze che contano, fino ai grandi prenditori seriali di risorse pubbliche. Quest’ultimi signori che si pavoneggiano esibendo il rango mediatico di imprenditori di successo, in realtà sono autentici nominati, docili servitori del Principe provvisorio, pronti ovviamente a cambiare gattopardescamente idolo da adulare in caso di rivolgimenti o sconvolgimenti politici.

Ora. Che siano nominati i politici, non è bello, ma ci può stare. È inevitabile, anche in politica che chi vive vicino al Sole si scaldi molto prima di chi si trova lontano. Ma che siano nominati gli imprenditori, questo è meno accettabile. Per la semplice ragione che la politicizzazione dell’imprenditoria genera la politicizzazione dell’economia, che a sua volta, come in una filastrocca tipo la canzone AllaFiera dell’Est di Angelo Branduardi, genera la distorsione nell’allocazione delle risorse che, a sua volta, provoca una dissipazione della ricchezza che, a sua volta istituzionalizza una logica, una gerarchia demeritocratica nel mondo delle imprese.

Che una cospicua parte dell’imprenditoria italiana sia composta da nominati, lo si deduce da mille sfaccettature, tra cui la natura gerontrocratica del capitalismo italico. Il mancato ricambio generazionale è solo colpa dei vecchi capitani di industria che non hanno voglia di mollare il timone della nave o è anche colpa della deriva del nostro sistema imprenditoriale, portato a lucrare rendite, più che a produrre reddito e profitto? E le rendite, si sa, si creano e si curano soprattutto grazie alle frequentazioni con il potere politico, che resta il più Grande Elemosiniere che la storia conosca.

I Ferrero, i Del Vecchio, gli Squinzi e tanti altri simboli dell’industria italiana erano tali già 40 anni fa, mentre oggi è raro trovare un 40enne nell’hit parade delle imprese nazionali. Molto più comodo investire nelle relazioni, anziché nelle realizzazioni. Molto più conveniente fare collezione di sovvenzioni anziché di idee innovative e di brevetti avveniristici.

Morale. Ci sono i nominati per elezione (parecchi titolari di cadreghe pubbliche) e ci sono i nominati per sovvenzione (parecchi titolari di imprese «private»). In entrami i casi, quasi tutti nominati. Quasi tutti debitori verso qualche decisore (creditore) posizionato più in alto.

Conclusione. Il problema dei nominati, che poi sarebbero i moderni privilegiati, non si risolve con misure a effetto, ad alto contenuto populistico-demagogico. Si risolve innanzitutto recidendo i lacci tra politica ed economia e successivamente riformando in maniera razionale le funzioni di governo, parlamento e regioni. Anche questo risulta un programma vasto e ambizioso, specie in Italia. Pertanto, impraticabile. Di conseguenza, non rimane che l’effetto annuncio o il buffetto a mo’ di monito. Così, tanto per dimostrare che sui costi della politica (cioè della democrazia) qualcosa si fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie