Mercoledì 19 Febbraio 2020 | 07:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Una partita a poker tra rilanci e mosse bluff

Una partita a poker tra rilanci e mosse bluff

 
L'analisi
Rappresentanza e governabilità l’equilibrio necessario

Rappresentanza e governabilità l’equilibrio necessario

 
l'editoriale
Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

Una nazione sempre più frenata dall'instabilità

 
Il commento
Saper spendere rimane la questione principale

Saper spendere rimane la questione principale

 
il punto
Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

Altro furto (17 miliardi) al Sud senza treni veloci

 
Il commento
Quote rose ed esterni la strada da seguire

Quote rose ed esterni: la strada da seguire

 
L'analisi
L’ignoranza del passato sta riesumando la società chiusa

L’ignoranza del passato sta riesumando la società chiusa

 
Il commento
Italia spopolata, il Sud non fa figli, giù l’economia (e la demografia)

Italia spopolata, il Sud non fa figli, giù l’economia (e la demografia)

 
Il punto
Solita Italia che butta ogni cosa in politica

Solita Italia che butta ogni cosa in politica

 
L'analisi
Se il Fisco continua a premiare i soliti furboni

Se il Fisco continua a premiare i soliti furboni

 
Hollywood Militante
Marx 4.0, scene di lotta di classe a Beverly Hills

Oscar 2020, scene di lotta di classe a Beverly Hills

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl salvataggio
Molfetta, «Caretta-Caretta» agonizzante in uliveto: lontana 4 Km dal mare

Barletta, trovata «caretta-caretta» agonizzante in campagna: affidata al Wwf

 
FoggiaL'aggressione
Apricena, commerciante rapinato e ferito mentre va in banca

Apricena, commerciante rapinato e ferito mentre va in banca

 
BariL'inaugurazione
Spazio, la barese Sitael apre sede in Australia: costruirà satelliti

Spazio, la barese Sitael apre sede in Australia: costruirà satelliti

 
TarantoLa sentenza d'appello
Taranto e bilanci fasulli, ex sindaco non dovrà risarcire Comune

Taranto e bilanci fasulli, ex sindaco Di Bello non dovrà risarcire Comune

 
LecceIl caso
L'orologio funziona, ma il cuore no: leccese «salvato» da smartwatch

L'orologio funziona, ma il cuore no: leccese «salvato» da smartwatch

 
PotenzaIl caso
Petrolio lucano, incidente a Tempa Rossa: si tratta di malfunzionamento

Petrolio lucano, incidente a Tempa Rossa: si tratta di malfunzionamento

 
MateraL'inchiesta
Sanitopoli lucana, ex governatore Marcello Pittella rinviato a giudizio

Sanitopoli lucana, a giudizio ex governatore Pittella: con lui anche ex dg Asl Bari

 
BrindisiIl caso
Francavilla Fontana, col trattore rubato non si ferma all’alt

Francavilla Fontana, col trattore rubato non si ferma all’alt

 

i più letti

L'analisi

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

La politica non è pianificabile come un progetto aziendale

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Se, all’indomani delle elezioni europee di maggio 2019, un analista politico avesse osato prevedere lo strappo agostano di Matteo Salvini e la successiva ricucitura tra M5S e Pd, sarebbe stato invitato a cambiare mestiere. Il voto per Strasburgo non solo aveva premiato il Capitano leghista, ma gli aveva consegnato le chiavi di Casa Italia. Poi, alla vigilia delle vacanze estive l’annuncio salviniano del divorzio dal governo, con repentino dietrofront in seguito all’impraticabilità del disegno di andare al voto in ottobre. Il che ha spiazzato il ministro dell’Interno. Ma siccome, in un sistema elettorale proporzionale, le alleanze si fanno e si disfano in Parlamento, anche il leader più in ascesa deve tenerne conto come l’ultimo degli inquilini di Montecitorio.

È vero. La politica non è pianificabile come un progetto aziendale. Produce più colpi di scena di un film giallo, anche perché quasi sempre il nemico è in casa, come il maggiordomo delle dimore più altolocate. Ma c’è una legge tendenziale che neppure un’attività incerta come la politica può permettersi di ignorare: la dura legge dei rapporti di forza. E oggi, in Aula, alla Camera e al Senato, i rapporti di forza non sono quelli declinati dal voto europeo dello scorso maggio, bensì quelli stabiliti dal voto nazionale di marzo 2018, voto che attribuì ai Cinque Stelle il doppio dei consensi raccolti dalla Lega.

Se, 16 mesi addietro, Matteo Renzi non si fosse messo di traverso, il matrimonio tra Pd e pentastellati si sarebbe celebrato senza laceranti patemi d’animo. Certo l’unione giallorosa avrebbe richiesto qualche supplemento di trattativa (la formazione di un governo non è mai una passeggiata, perché scatena più appetiti che in un branco di leoni), ma alla fine, sia pure con un po’ di fatica, si sarebbe realizzata la quadratura del cerchio.
Ora. Forse tutto poteva immaginare Salvini tranne che Giuseppe Conte tenesse duro dopo la rottura leghista originata dal voto parlamentare sul Tav; e che Renzi, proprio Renzi, il più antigrillino dei democratici, si mettesse alla guida del carro contrario alle urne in autunno e favorevole, invece, a un viaggio insieme, più o meno lungo, tra Dem e 5S. Risultato: il trionfante Matteo padano ha resuscitato il moribondo Matteo toscano, cui ha consegnato involontariamente la golden share della prossima coalizione.

Sì, in politica, lo insegnava già il grande storico ateniese Tucidide (460-395 avanti Cristo), i rapporti di forza sono tutto, ma se si ha il merito o la fortuna di disporre di un potere contrattuale superiore, può accadere, a un gruppo di minoranza, di amplificare la propria influenza o di capitalizzare al massimo la propria utilità marginale. Ed è quello che sta riuscendo a Renzi che, dopo aver costretto il riluttante Nicola Zingaretti a congelare la linea del «voto subito», si prepara - da inedito ago della bilancia - a tenere sulla corda la futura alleanza, in attesa di sciogliere la riserva: puntare a scalare nuovamente il Pd o avviare una scissione per costruire una forza autonoma di centro?
È davvero imprevedibile la sceneggiatura della politica romana. È imprevedibile perché genera quaresime e resurrezioni a ripetizione.

Indro Montanelli (1909-2001) etichettò il capo dc Amintore Fanfani (1908-1999) come «Il Rieccolo», una definizione che non scomparve mai dai racconti e dai ritratti della Prima Repubblica. L’aretino Fanfani, tipo vispo e fumantino come pochi, saliva e scendeva dal piedistallo che manco Valentino Rossi dalla moto. Quando era dato per spacciato o per politicamente rovinato, Fanfani rispuntava più pimpante di prima, e dagli angoli più remoti.
Renzi è toscano come Fanfani e caratterialmente non è dissimile dall’ex-tutto (solo il Quirinale gli fu precluso) dello scudo crociato. Non sappiamo se l’ex Rottamatore collezionerà le quaresime e le resurrezioni di colui che, insieme con Aldo Moro (1916-1978), si giovò del titolo di «cavallo di razza» dell’ippodromo dc. Sta di fatto che il combinato disposto tra la mossa di Salvini, l’atteggiamento iniziale di Zingaretti e la lezione del modello elettorale proporzionale (le maggioranze si fanno in Parlamento, non prima delle votazioni politiche), ha ridato fiato ai polmoni di Renzi che, controllando numerosi voti parlamentari del Pd, potrà dire la sua in tutte le partite che contano (comprese le sospirate nomine nei posti di governo e sottogoverno).

Per un Renzi che spera in una rimonta cui forse non credeva nemmeno lui, c’è un Conte che si prepara a scalare fra una trentina di mesi un Colle che soltanto 18 mesi fa poteva guardare (e ammirare) esclusivamente dall’esterno. Infatti. L’attuale premier, se la legislatura in corso non franerà prima della scadenza naturale, si ritroverà in pole position al Gran Premio decisivo, sia se, nel frattempo sarà rimasto ai box di Palazzo Chigi, sia se avrà fatto proficui giri di prova sulla pista della commissione esecutiva europea.

Da oggi comincia o dovrebbe cominciare - con parecchi neoprotagonisti (non solo sul fronte grillino) - una nuova corsa della politica italiana. Corsa che potrebbe durare fino al 2023, ma che potrebbe interrompersi alle prime curve, davanti agli ostacoli più inaspettati. Il sistema politico italiano è fatto così: non assicura stabilità. Se poi si aggiungono le passioni, i sentimenti e le ripicche degli uomini, la giostra non si ferma mai: gli alleati di oggi saranno sempre i rivali di domani. E viceversa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie