Mercoledì 17 Luglio 2019 | 04:31

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Gli equilibri impossibili tra Mosca e Washington

Gli equilibri impossibili tra Mosca e Washington

 
L'analisi
Il governo i partiti e la sfida del nuovo

Il governo i partiti e la sfida del nuovo

 
L'editoriale
Il lavoro che a volte c'è, è la risposta che non c'è

Il lavoro che a volte c'è, è la risposta che non c'è

 
La tragedia
Si schianta con l’auto pur di «apparire» su Facebook

Si schianta con l’auto pur di «apparire» su Facebook

 
L'analisi
Cambia il mondo per il clima ma i politici sono pronti?

Cambia il mondo per il clima ma i politici sono pronti?

 
Il punto
Attenzione: inciuci anti-Sud sono sempre in agguato

Attenzione: inciuci anti-Sud sono sempre in agguato

 
L'editoriale
La rivincita dello Stato pigliatuttto in Italia

La rivincita dello Stato pigliatuttto in Italia

 
Il punto
Questione immigrazione: l'impotenza della sinistra

Questione immigrazione: l'impotenza della sinistra

 
L'editoriale
Una bomba a orologeria sul futuro delle camere

Una bomba a orologeria sul futuro delle camere

 
Il punto
L'Europa è donna. Evviva

L'Europa è donna. Evviva

 
Il punto
Il capitano stretto nei lacci di Gulliver

Il capitano stretto nei lacci di Gulliver

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
TarantoMorti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
BatRifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
BrindisiUn mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
MateraL'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
BariIl caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
LecceOrganizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

L'analisi

Sud avanti in letteratura indietro in economia

Si legge e si produce poco, qui da noi. In compenso i grandi del pensiero (un po’ meno quelli dell’azione) e della letteratura sono nati qui

Sud avanti in letteratura indietro in economia

Se è vero, come sosteneva lo scrittore francese Victor Hugo (1802-1885), che i popoli si misurano dalla loro letteratura, bisognerebbe chiedersi come mai la Sicilia che, da sola, ha prodotto l’80% della grande narrativa italiana degli ultimi due secoli, occupa gli ultimi posti nella classifica della ricchezza nazionale. Una biblioteca di autori siciliani, per essere raccolta, avrebbe bisogno di un castello sconfinato per ospitare le opere di Luigi Capuana (1839-1915) e Giovanni Verga (1840-1922), Luigi Pirandello (1867-1936) e Tomasi di Lampedusa (1896-1957), Federico De Roberto (1861-1927) e Leonardo Sciascia (1921-1989), Vitaliano Brancati (1907-1954) e Elio Vittorini (1908-1966), Gesualdo Bufalino (1920-1996) e Andrea Camilleri (1925).

Non si contano gli autori isolani che hanno onorato e reso immortale la letteratura italiana. Ripetiamo la domanda: come mai una regione che ha dato i natali a questi fuoriclasse della scrittura debba arrancare come un gregario a corto di ossigeno nelle retrovie del progresso e dello sviluppo?
C’è poco da spaccare il capello. Evidentemente i siciliani si sono affidati a una classe politica di miserabili, aggettivo di casa nel linguaggio del siciliano Ugo La Malfa (1903-1979), e che non a caso corrisponde al titolo del capolavoro di Hugo.

Evidentemente la tanto celebrata autonomia siciliana ha peggiorato lo stato dell’arte. Evidentemente proprio in Sicilia lo scarto (di proporzioni nazionali) tra livello professionale e livello culturale all’interno della borghesia indigena ha toccato le punte più estreme. Non senza motivo, Sciascia parlava e scriveva della «Sicilia come metafora» (della condizione italica).
Ma pure la Campania offre esempi analoghi. La Campania non può schierare narratori paragonabili a quelli siciliani, in compenso la storia di Napoli e provincia può mettere in campo una formazione di economisti, giuristi, filosofi. saggisti e intellettuali vari che nazioni intere neppure si sognano, da Gaetano Filangieri (1753-1788) ad Antonio Genovesi (1713-1769), da Giacinto Dragonetti (1738-1819) a Francesco Mario Pagano (1748-1799), e - perché no? - da Eleonora Pimentel Fonseca (1752-1799) fino a Benedetto Croce (1866-1952).
Anche la Puglia e Basilicata possono fregiarsi di nomi eccellenti, da Antonio De Viti De Marco (1858- 1943) a Gaetano Salvemini (1873-1957), da Giustino Fortunato (1848-1932) a Francesco Saverio Nitti (1868-1953), per citarne solo alcuni.
Di conseguenza, se i popoli si misurano dalla loro letteratura, anche Puglia e Basilicata hanno di che andare orgogliose: le loro popolazioni sono di serie A.

Eppure, anche Puglia e Basilicata non possono dire di giocare nella serie A dell’economia italiana, segno che non sempre letteratura ed economia corrono alla stessa velocità. Anzi. La Russia dell’Ottocento, ad esempio, esprimeva narratori portentosi - da Leon Tolstoj (1828-1910) a Fedor Dostoevskij (1821-1881), da Aleksandr Puskin (1799-1837) a Ivan Turgenev (1818-1883) - ma non disponeva neppure di un’agricoltura premoderna. Viveva ancora in pieno Medioevo, e né ambiva a uscirne in fretta. La sua arretratezza industriale era clamorosa e nessuno poteva minimamente immaginare che lo sviluppo avrebbe potuto fare capolino se fosse spuntata una classe borghese di discreta produttività.

Piuttosto. Il progresso di un popolo non è figlio/genitore della letteratura, semmai della libertà. Più libertà si respira in un Paese, più speranze di decollo economico nutriranno i relativi cittadini. Se il Mezzogiorno non cresce o non è cresciuto abbastanza a dispetto di capolavori letterari e di cammei saggistici dal valore universale, forse è dipeso dal fatto che la voglia di protezione ha oscurato e posticipato le esigenze di libertà o che gli oboli una tantum elargiti dallo Stato centrale hanno irrobustito la convinzione, nel governo nazionale, di aver saldato il suo debito con la Bassa Italia.
Di conseguenza, laddove c’è da studiare, da scrivere e da leggere, laddove, come avviene in letteratura, non ci sono vincoli o freni di sorta, il top dell’intelligencija meridionale può sfornare saggi, romanzi di pregevole fattura. Viceversa, laddove abbondano i vincoli e i freni, come accade per l’economia ostaggio della burocrazia, fare impresa spesso si trasforma in un calvario senza fine. A volte il Contesto e il Sistema più sani preferiscono ritirarsi in buon ordine, anziché affrontare progetti ambiziosi e ad alto tasso di rischiosità.

Servirebbe un intervento choc, qualcosa che possa trasformare la straordinaria intelligenza immateriale del Sud in una ordinaria ricchezza materiale, rallentando così l’esodo a senso unico dei ragazzi appena laureati nel Mezzogiorno. Ma non si riesce a intravvedere chi potrebbe essere l’artefice di questo intervento choc e, soprattutto, in quale direzione esso debba andare. Di sicuro non dovrebbe andare verso i nuovi lidi assistenzialistici reintravisti in queste settimane. Altrimenti, la giostra non cambierà mai. Lo sviluppo sorriderà sempre al Nord, il sottosviluppo albergherà al Sud, mitigato alquanto da premi di consolazione dal sapore un po’ beffardo, tipo le tracce d’italiano agli esami di maturità, dove la letteratura meridionale fa, come al solito, la parte della tigre.
Si legge e si produce poco, qui da noi. In compenso i grandi del pensiero (un po’ meno quelli dell’azione) e della letteratura sono nati qui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie