Mercoledì 22 Maggio 2019 | 22:37

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Per quale Europa (e quale Italia) voteremo domenica

Per quale Europa (e quale Italia) voteremo domenica

 
L'analisi
Bari, la metamorfosi della città da cenerentola a perla europea

Bari, la metamorfosi della città da cenerentola a perla europea

 
L'analisi
Una manovra di dolori può richiamare i professori

Una manovra di dolori può richiamare i professori

 
L'analisi
Domenica un voto metà italiano metà europeo

Domenica un voto metà italiano metà europeo

 
L'analisi
Cari giovani del Sud che vi fanno scappare

Cari giovani del Sud che vi fanno scappare

 
L'analisi
Sud ancora più povero senza i soldi dell’Europa

Sud ancora più povero senza i soldi dell’Europa

 
Il punto
Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

 
La riflessione
La strategia del drago nei porti della penisola

La strategia del drago nei porti della penisola

 
L'analisi
Liti continue in attesa del giudizio universale

Liti continue in attesa del giudizio universale

 
L'analisi
Comunicazione ossessiva più rischi per il Paese

Comunicazione ossessiva più rischi per il Paese

 
La lettera
Ministro Lezzi alla «Gazzetta»: «Sud, le risorse non si toccano»

Ministro Lezzi alla «Gazzetta»: «Sud, le risorse non si toccano»

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoTaranto
Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

 
BariL'enfant prodige
Mola, baby genio a 8 anni vince i nazionali dei Giochi Matematici

Mola, baby genio a 9 anni vince i nazionali dei Giochi Matematici

 
BatDopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 

i più letti

La riflessione

Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

Anche quest’anno la festa della Liberazione sarà un giorno divisivo, che risveglierà gli atavici istinti italici, quelli delle contese tra guelfi e ghibellini

Italia, Il gioco delle coppie con Usa, Russia Europa e Cina

Anche quest’anno il 25 Aprile sarà un giorno divisivo, che risveglierà gli atavici istinti italici, quelli delle contese tra guelfi e ghibellini. 

Come sempre. Nell’Italia senza bussola dei nostri giorni - tra una crescita economica che non arriva, la Libia che da nostro partner energetico diventa giorno dopo giorno vera polveriera, un esecutivo guidato da Giuseppe Conte sempre più traballante - ritorna il tradizionale refrain delle polemiche sulla giornata simbolo della fine della Seconda guerra mondiale, alimentato dalla freddezza del vicepremier Matteo Salvini per la ricorrenza. «Non sfilerò, sarò a Corleone». Sarà, fa capire, il ministro in prima linea nella lotta alle mafie, non nelle piazze con le ostili bandiere rosse. Una volta comunista padano, Salvini da quando è diventato il «capitano» delle destre sovraniste e patriottiche, ha scelto di non sfidare l’ostilità delle sinistre che da sempre si considerano depositarie della ricorrenza.
Eppure la Seconda Repubblica era iniziata con riconoscimenti reciproci tra le varie culture figlie della guerra e del dopoguerra. Luciano Violante, allora presidente della Camera, nel 1998 aveva invitato a comprendere le ragioni dei vinti «perché è un pezzo di storia d’Italia che può non farci piacere ma che bisogna capire e non rimuovere come se fosse una cosa sgradevole». Si era espresso in questi termini durante la presentazione del volume «C’eravamo tanto odiati» di Rosario Bentivenga, ex partigiano dei Gap, e di Carlo Mazzantini, ex combattente della Repubblica sociale italiana, romanziere e padre della autrice di best-seller Margaret. In quel frangente, per un istante, si era immaginato che le forze politiche uscite indenni dal terremoto di Tangentopoli e gli eredi del Pci e del Msi fossero in grado di rimarginare le ferite della «guerra civile» (formula coniata dallo storico di sinistra Claudio Pavone). Il riconoscimento reciproco dei dolori della guerra fratricida si è rivelato pura utopia nell’Italia avvelenata dalla faziosità cieca, soprattutto quando diventa una formula per ipotizzare dividendi di consenso sotto le elezioni.

E così veniamo alle cronache dei nostri giorni. Forza Italia nel Sud torna antifascista (Berlusconi premier non ha mai tenuto un comizio di piazza ma con il discorso di Onna, nel 2009, tentò uno sforzo pacificatore): a Brindisi rivendica la dizione «già capitale» per il ruolo della città dopo la caduta del regime fascista. Forza Italia nel Nord punta a chi non si riconosce in questa data: il sindaco di Lentate sul Seveso, in Brianza, cancella le celebrazioni del 25 Aprile e le sostituisce con una deposizione di una corona. Apriti cielo. In piazza compare uno striscione minatorio: «Se il partigiano contraddirai, minacce riceverai». Le divisioni divampano. A Colleferro, nel Lazio, il capogruppo del Carroccio attacca un murale sulla resistenza del vignettista del manifesto Mauro Biani: «È uno scarabocchio ed è di cattivo gusto, posizionato vicino alla piazza dedicata ai martiri delle Foibe. Essere costretto a vederlo ogni giorno mi urta i nervi». A Firenze il candidato sindaco del centrodestra, Ubaldo Bocci, annuncia di non partecipare al corteo in città «perché purtroppo, quella che dovrebbe essere una celebrazione condivisa sul momento fondativo dell’Italia democratica da tempo si è trasformata in una liturgia ideologica, divisiva, di cui si è appropriata solo una parte politica (peraltro riducendo a un colore unico un fenomeno complesso e plurale come la Resistenza)». Andrà a un evento promosso da una associazione sul disagio sociale. Sul fronte opposto l’Anpi, e i vari partiti di sinistra stigmatizzeranno la mancata adesione delle destre alla giornata. Tutto prevedibile.
Per chi vuole avvicinarsi alla giornata con un animo differente, il viatico può essere la lettura di due volumi: «Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana» (Einaudi), un grande classico, e il recente saggio di Sergio Tau, regista del funerale di Palmiro Togliatti, «La repubblica dei vinti» (Marsilio). Due libri per riscoprire la pietas e dimenticare i veleni della politica che per un voto in più avvelena i pozzi dell’immaginario nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400