Sabato 23 Marzo 2019 | 18:00

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini
"Palmese difesa forte e ben organizzata"

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Roma
Operai del siderurgico in marcia per il clima: «Taranto senza Ilva»

Operai del siderurgico in marcia per il clima: «Taranto senza Ilva»

 
FoggiaMaltrattamenti in famiglia
Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

 
LecceNel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
BariI fatti nel 2015
Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

 
GdM.TVTraffico in tilt
Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 

La riflessione

Reddito di cittadinanza ma chi deve pagarlo?

Al momento i possibili canali di finanziamento sembrano essere due: il taglio alla spesa pubblica e l’aumento del deficit

reddito di cittadinanza

L’Italia è caratterizzata da un livello di disuguaglianza (reddituale e patrimoniale) superiore a quello di quasi tutti gli altri paesi industrializzati: cinque milioni di poveri assoluti costituiscono un enorme problema etico, civile e sociale, prima ancora che puramente economico. L’esigenza di intervenire a favore delle fasce sociali più svantaggiate è pertanto sempre più largamente avvertita. Di qui la proposta del cosiddetto “reddito di cittadinanza” che, per ciò che ci ha dato oggi di comprendere, si dovrebbe sostanziare in realtà in una sorta di indennità di disoccupazione a favore di individui comunque impegnati nella ricerca di occasioni di lavoro. Se l’obiettivo è ampiamente (anche se non unanimemente) condivisibile e condiviso, la situazione si fa più complicata se guardiamo a come finanziare questa misura la cui entità non è ancora ben chiara, ma dovrebbe comunque ammontare a diversi miliardi di euro l’anno.

Al momento i possibili canali di finanziamento sembrano essere due: il taglio alla spesa pubblica e l’aumento del deficit. Le differenze tra queste alternative sono naturalmente notevoli, soprattutto se si fa riferimento al positivo effetto sui consumi, e quindi sul PIL, che dovrebbe derivare da tale misura. Nel primo caso, infatti, bisogna ricordarsi che ogni euro di spesa pubblica costituisce reddito per qualcuno, attraverso la catena del valore aggiunto, indipendentemente che si tratti di spesa “produttiva” o di “spreco”. Se, come è avvenuto nel passato, i tagli si dovessero concentrare nel blocco del turnover dei dipendenti pubblici e nella riduzione dei lavori pubblici (in evidente contraddizione, peraltro, con l’impegno a varare “il più grande piano di investimenti della storia della Repubblica”) si rischierebbe di perdere (in mancati consumi) buona parte dei benefici derivanti dai nuovi redditi così distribuiti. Nel caso, invece, di finanziamento in deficit della manovra, l’effetto di aumento della domanda - puramente keynesiano - sarebbe certamente maggiore (anche se mai sufficiente a coprire più di qualche decimale di punto di PIL), ma dobbiamo chiederci se ce lo possiamo permettere.

Come i drammatici eventi di questi giorni ci dimostrano, infatti, i mercati finanziari applicano interessi più alti ai debitori meno “credibili”: il famigerato spread è appunto la misura della penalizzazione da noi subita rispetto al debito pubblico tedesco. Finanziare 10 miliardi di manovra in più al costo, ad esempio, di un aumento di 100 punti dello spread non significa solo pagare annualmente l’1% (100 milioni di euro) in più su tale debito aggiuntivo, ma ribaltare (almeno in parte) tali maggiori interessi sull’intero debito pubblico. Se anche tale ribaltamento fosse di soli 10 punti base, il danno a regime sarebbe di circa 2,4 miliardi di euro all’anno: assolutamente insostenibile rispetto al beneficio ricevuto. Dobbiamo quindi rinunciare ad intervenire a favore di cinque milioni di poveri assoluti? In realtà una terza possibilità c’è: affrontare il problema delle diseguaglianze aggredendole direttamente e riducendole, con trasferimenti di reddito da parte delle fasce sociali più ricche a favore di quelle più svantaggiate. I possibili strumenti sono molteplici: innanzi tutto una effettiva, e soprattutto efficace, lotta all’enorme evasione fiscale; quindi il ripristino di una reale progressività nelle tassazioni, ricordando che se l’IRPEF è progressiva (e dovrebbe continuare ad esserlo, con buona pace della flat tax) le imposte indirette sono sostanzialmente regressive; ed infine aumentando gli ambiti della tassazione patrimoniale. Tali trasferimenti di reddito non aumenterebbero il debito pubblico ed avrebbero effetti assolutamente positivi sull’aumento dei consumi.

E’ noto infatti che i depositi bancari delle famiglie italiane (relativamente concentrati nelle fasce sociali più ricche) sono sensibilmente aumentati negli ultimi anni. La “propensione marginale al consumo” è pressoché unitaria tra i poveri, significativamente più bassa tra i ricchi; in parole povere: se togliamo 10.000 euro ad un singolo che ne guadagna 100.000 l’anno, e diamo 1.000 euro cadauno a 10 poveri assoluti, registriamo un aumento di consumi da parte di questi ultimi di tutti i 10.000 euro, a fronte di minori consumi del ricco per solo una frazione del reddito sottrattogli, perché comunque ne avrebbe destinato una quota significativa al risparmio, per lo più improduttivo. Ma c’è oggi in Italia qualche forza politica, anche non di governo, che abbia il coraggio di parlare di sacrifici e di aumento del carico fiscale?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400