Domenica 16 Dicembre 2018 | 11:33

Adriatic Cup, non solo sport

Adriatic Cup, non solo sport

Brindisi, moto d'acqua Adriatic Cup (foto Matulli)

Continua l'avventura di un campionato che consolida la sua presenza nel porto di Brindisi, uno stadio del mare ideale

130 VIDEO

Al Bano, addio alla musica non definitivo? «Il 31 dicembre canterò in Polonia»

Al Bano, addio alla musica non definitivo? «Il 31 dicembre canterò in Polonia»
 

Gazzetta si legge da 130 anni: i ricordi di Al Bano, Monica Setta e Marisa Melpignano

I ricordi di chi legge la Gazzetta
 

Al Bano: «Non avevo soldi per il pane ma la Gazzetta la leggo da sempre»

130 anni Gazzetta
 

Al Bano ce le canta: ecco la dedica per la festa della Gazzetta

Al Bano
 

Sangiorgi (Negramaro) canta un pezzo per i nostri 130 anni

Sangiorgi (Negramaro) canta un pezzo per i nostri 130 anni
 

130 ANNI DI STORIA

130 FOTO

Archivio storico

sfoglia

130 ARTICOLI

Adriatic Cup, non solo sport

Adriatic Cup, non solo sport
 

L'architettura è rurale

L'architettura è rurale
 

Il Grande Slam di Flavia

Flavia Pennetta
 

Mesagne cittadella della speranza dopo lo «scippo» di Frascati

Mesagne, la Cittadella della Ricerca (foto Matulli)
 

La Sacra corona unita, 37 anni fa
il battesimo in cella di Pino Rogoli

La «scu» gli scontri e il sangue
 

Al Bano, il Sole nel Sole: «Il direttore Giacovazzo fu mio paroliere»

Al Bano: «Il direttore Giacovazzo fu mio paroliere»
 

Leonardo Leo: pagine di musica del Sud

Leonardo Leo: pagine di musica del Sud
 

Egnazia, saccheggi e meraviglia. La storia di Cibele, madre degli Dei

Egnazia, archeologia saccheggi meraviglia
 

Regina Viarum, la storia della strada nata tra il IV e il III secolo a.c.

Regina Viarum
 

Castelli e torri: difesa e bellezza. Da Dentice di Frasso alle Mura angioine

Castelli e torri: difesa e bellezza
 

Sul ponte sventola la bandiera blu
Spiagge brindisine sempre al top

Sul ponte sventola la bandiera blu
 

Capitale per un giorno nel 1943 con la presenza del Re e di Badoglio

Capitale per un giorno
 

L'EDITORIALE Qui Brindisi, metafora del Sud

Qui Brindisi metafora del Sud
 

Torre Guaceto, il rifugio incantato. Gli Arabi lo chiamavano «gawsit»

Torre Guaceto
 

I Bronzi del mistero, una nave mai trovata un fondale da scoprire

Ritrovamento storico Porto Brindisi: Bronzi di Punta del Serrone
 

Il cuore dell'industria: Brindisi polo del Mediterraneo centro-orientale

Brindisi fra le capitali industriali del Mediterraneo centro-orientale
 

Sapori di mare e di terra: ricci, pomodori regina e fico mandorlato

Apertura delizie brindisine
 

Dopo l’incredibile successo di stampa e di pubblico della prime due tappe (5, 6 maggio Bacoli, Napoli e 19, 20 maggio Caorle, Venezia) il Campionato Italiano Moto d’Acqua 2018, ha proseguito con la tappa di Brindisi. Nello stesso luogo si svolgerà anche la seconda tappa del Campionato Italiano Hydrofly, entrambi organizzati dalla Federazione Italiana Motonautica, unici riconosciuti dal Coni, all’interno della «Adriatic Cup». Nel porto interno, sono in programma gli eventi sportivi e le iniziative collaterali della sesta edizione della «Adriatic Cup» organizzata dal Circolo Nautico Porta D’Oriente in collaborazione con la Federazione Italiana Motonautica e le istituzioni locali.

È soddisfatto Giuseppe Danese del comitato organizzatore.

«È il sesto anno della “Adriatic Cup” – ha esordito Giuseppe Danese - un evento sportivo che consolida la sua presenza nel porto di Brindisi, specchio d’acqua riconosciuto dalla Fim come stadio del mare ideale per questo tipo di competizioni, una location praticamente perfetta. Non a caso la Federazione ci ha premiati con l’assegnazione di una gara di Campionato Italiano e Internazionale di Formula 1 di moto d’acqua. Avremo, insomma, una settimana intensa, con tante specialità, comprese la Finale del Campionato Italiano di Hydrofly, il Trofeo Coni che vedrà la partecipazione di 40 bambini, il GT15 e il Match Race. Il tutto abbinato alla kermesse enogastronomica “I Sapori del Mediterraneo”, alla tradizionale cena di gala per gli equipaggi. La speranza, insomma, è che i nostri piloti possano essere ambasciatori delle nostre bellezze naturali e delle nostre specialità enogastronomiche».

Negli anni la «Adriatic Cup» ha cambiato pelle, oggi non è più un evento squisitamente sportivo, ma anche turistico. Ne è conferma la grande attenzione della Regione Puglia, assessorato all’Industria Turistica e Culturale, nei confronti della manifestazione.

«Quest’anno - ha aggiunto Giuseppe Danese - abbiamo avuto il patrocinio dell’assessorato regionale all’Industria Turistica e Culturale e la partecipazione fisica di Puglia Promozione alla nostra conferenza stampa di presentazione della “Adriatic Cup”, nel corso della quale è stata sottolineata l’importanza dell’evento considerato strategico per lo sviluppo turistico e promozionale della Regione Puglia. Siamo soddisfatti di questo risultato – ha proseguito Danese - e cercheremo di fare del nostro meglio. Vale la pena ricordare che l’evento è assolutamente gratuito per tutti i partecipanti, che quest’anno ci sarà un’attrazione in più per i bambini, una piscina con gommoncini elettrici a bordo dei quali i bambini potranno divertirsi. Questa è promozione turistica - ha concluso Danese - e la Regione Puglia se ne è accorta».

Tra le novità di quest’anno anche il Match Race, nuova disciplina riconosciuta dalla FIM.

«È una nuova specialità della FIM rappresentata da due gommoni di circa 8 metri con 2 motori di media potenza a bordo dei quali possono starci due piloti, uno principiante ed uno esperto – spiega ancora Giuseppe Danese - è un modo per aprirsi al pubblico, a chiunque voglia provare questa disciplina, una competizione a tutti gli effetti, per la quale è prevista una premiazione oltre al regolare impiego dei cronometristi. È anche è un segnale di apertura nei confronti di chi, non disponendo di un mezzo da competizione, può provare la gioia di salirci a bordo, gratuitamente, tramite il nostro Circolo e grazie alla collaborazione della Federazione Italiana Motonautica. Spero che il futuro dell’Adriatic Cup sia roseo, con l’avvento della nuova Amministrazione Comunale spero che continui il percorso di promozione territoriale fatta anche attraverso lo sport. Credo fermamente in questo strumento perché, oltre agli eventi culturali e turistici puri, gli eventi sportivi che diventano turistici possono essere uno strumento di marketing per raggiungere il cuore e la mente non solo dei residenti, ma anche dei turisti».

CAMPIONATO ITALIANO MOTO D’ACQUA
I piloti, di ognuna delle 8 categorie diverse che esistono in questa disciplina, si sono misurati e si misureranno nelle due manches previste.

L’indiscussa preparazione atletica e tecnica dei piloti è anche quest’anno, l’elemento fondamentale per avere successo in questa disciplina sportiva. La moto d’acqua è considerata una delle più significative, attraenti e divertenti attività della motonautica in tutto il mondo. Un settore giovane, in costante espansione, in cui forza fisica e grinta del pilota, purché sempre espresse nel rispetto dell’avversario, dominano e guidano il mezzo.

Molte le novità di quest’anno per il Campionato 2018 volute dal Presidente della Commissione Moto d’Acqua Giorgio Viscione e dal Presidente della Federazione Italiana Motonautica Vincenzo Iaconianni.

I due tipi di moto d’acqua che partecipano nelle diverse categorie sono: Ski e Runabout, ognuna delle quali si divide in classi e discipline diverse a seconda delle modifiche apportate alla moto ed al motore, secondo quanto previsto dai Regolamenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400