Giovedì 13 Dicembre 2018 | 12:44

Al Bano, il Sole nel Sole: «Il direttore Giacovazzo fu mio paroliere»

Al Bano

Al Bano Carrisi

La voce del Sud e dell'Italia si racconta: da Cellino San Marco al rapporto con la «Gazzetta»

130 VIDEO

Al Bano, addio alla musica non definitivo? «Il 31 dicembre canterò in Polonia»

Al Bano, addio alla musica non definitivo? «Il 31 dicembre canterò in Polonia»
 

Gazzetta si legge da 130 anni: i ricordi di Al Bano, Monica Setta e Marisa Melpignano

I ricordi di chi legge la Gazzetta
 

Al Bano: «Non avevo soldi per il pane ma la Gazzetta la leggo da sempre»

130 anni Gazzetta
 

Al Bano ce le canta: ecco la dedica per la festa della Gazzetta

Al Bano
 

Sangiorgi (Negramaro) canta un pezzo per i nostri 130 anni

Sangiorgi (Negramaro) canta un pezzo per i nostri 130 anni
 

130 ANNI DI STORIA

130 FOTO

Archivio storico

sfoglia

130 ARTICOLI

Adriatic Cup, non solo sport

Adriatic Cup, non solo sport
 

L'architettura è rurale

L'architettura è rurale
 

Il Grande Slam di Flavia

Flavia Pennetta
 

Mesagne cittadella della speranza dopo lo «scippo» di Frascati

Mesagne, la Cittadella della Ricerca (foto Matulli)
 

La Sacra corona unita, 37 anni fa
il battesimo in cella di Pino Rogoli

La «scu» gli scontri e il sangue
 

Al Bano, il Sole nel Sole: «Il direttore Giacovazzo fu mio paroliere»

Al Bano: «Il direttore Giacovazzo fu mio paroliere»
 

Leonardo Leo: pagine di musica del Sud

Leonardo Leo: pagine di musica del Sud
 

Egnazia, saccheggi e meraviglia. La storia di Cibele, madre degli Dei

Egnazia, archeologia saccheggi meraviglia
 

Regina Viarum, la storia della strada nata tra il IV e il III secolo a.c.

Regina Viarum
 

Castelli e torri: difesa e bellezza. Da Dentice di Frasso alle Mura angioine

Castelli e torri: difesa e bellezza
 

Sul ponte sventola la bandiera blu
Spiagge brindisine sempre al top

Sul ponte sventola la bandiera blu
 

Capitale per un giorno nel 1943 con la presenza del Re e di Badoglio

Capitale per un giorno
 

L'EDITORIALE Qui Brindisi, metafora del Sud

Qui Brindisi metafora del Sud
 

Torre Guaceto, il rifugio incantato. Gli Arabi lo chiamavano «gawsit»

Torre Guaceto
 

I Bronzi del mistero, una nave mai trovata un fondale da scoprire

Ritrovamento storico Porto Brindisi: Bronzi di Punta del Serrone
 

Il cuore dell'industria: Brindisi polo del Mediterraneo centro-orientale

Brindisi fra le capitali industriali del Mediterraneo centro-orientale
 

Sapori di mare e di terra: ricci, pomodori regina e fico mandorlato

Apertura delizie brindisine
 

«Una volta si diceva: “L’ha scritto la Gazzetta” per dare credibilità ad una notizia. Quella “Gazzetta” era (ed è ancora oggi) La Gazzetta del Mezzogiorno”: il giornale con il quale sono nato e cresciuto>.

Al Bano Carrisi non ha mai fatto mistero del rapporto che lo lega da sempre al più importante quotidiano della sua terra. In casa Carrisi, papà Carmelo – fino a quando una grave patologia non lo ha privato della vista – è stato sempre un grande lettore. Un amore che ha trasmesso ai figli Albano e Franco, che ancora oggi si dedicano alla lettura della “Gazzetta”, commentando gli avvenimenti più importanti che avvengono oggi in Italia con particolare riferimento alla Puglia e alla Basilicata, ma anche ai piccoli paesi come Cellino.

“Effettivamente – spiega il cantante – ancora oggi tante cose che avvengono nel mio paese le apprendo grazie alla Gazzetta, che mi accompagna durante i miei viaggi in aereo e che ritrovo nei miei uffici e nelle mie Tenute ogni giorno dell’anno”.

Il cantante ha conosciuto tutti i direttori del Giornale da quando è diventato famoso ed ha sempre aderito con entusiasmo alle manifestazioni promosse dalla Gazzetta nel corso degli anni. Un compianto direttore, con lui, è stato anche paroliere: Peppino Giacovazzo. “Tante cose che riguardano la storia pugliese le conosco anche grazie a lui – dice Al Bano -. Nella sua casa al mare o a Cellino nelle mie Tenute ci intrattenevano spesso a parlare della nostra comune terra. Lui, da grande osservatore, mi spiegava cosa non andava in qujesta nostra terra ma anche l’innata bellezza e la gloriosa storia. Io ascoltavo e apprendevo. Poi, ho voluto che scrivesse alcune delle mie canzoni e lui con entusiasmo e ironia diceva “grazie ad Al Bano mi sono trasformato da parolaio a... paroliere”>-

Al Bano è stato tante volte protagonista sulle pagine del nostro Giornale, che ha seguito la sua straordinaria carriera dagli inizi (nel 1967 con “Nel Sole”) al suo concerto al cospetto di Putin: passando per i quattordici Festival di Sanremo, compreso quello del 1984 quando in coppia con Romina Power ha vinto con “Ci sarà”. Momenti anche dolorosi, come prima la scomparsa della figlia Ylenia a New Orleans e poi la separazione e il divorzio da Romina. Ancora, la love story con Loredana Lecciso dalla quale sono nati gli ultimi due figli Bido e Jasmine. Infine, i problemi di salute e il grande ritorno sulle scene prima del clamoroso annuncio: “Faccio l’ultimo concerto il 31 dicembre del 2018”.

Per la verità, a tale ipotesi in pochi ci credono. Forse neanche lui che insiste: “Ho avuto qualche segnale che mi impone di dedicarmi ad… altro”. Salvo poi aggiungere “magari resto fermo per qualche mese… poi si vedrà”.

Il cantante cellinese è ancora tra i cantanti italiani più richiesti al mondo e non a caso, fino all’annunciato ritiro, sono già in programma decine di concerti.

“Beh effettivamente il lavoro non manca – dice – e tra qualche giorno spunterà una nuova sorpresa: una vera bomba”.

Il cantante allude alla collaborazione con Fabio Rovazzi. Andranno a… comandare insieme: questa volta in un duetto che lascerà tutti a bocca aperta.

L’annuncio lo aveva dato proprio il cantante di Cellino San Marco, che qualche settimana fa aveva svelato l’inedita collaborazione. Dopo aver conquistato Gianni Morandi e aver scalato le classifiche con “Volare”, Rovazzi starebbe per presentare il nuovo tormentone dell’estate. Accanto a lui, questa volta, c’è Al Bano.

“Tutto era cominciato – spiega il cantante di Cellino - grazie ad un concerto di Justin Bieber a Milano, dove avevo accompagnato mia figlia Jasmine, grande fan della popstar canadese”.

Nell’area vip c’era anche Rovazzi che, dopo lo stupore iniziale nel trovarsi accanto padre e figlia Carrisi, ha proposto una collaborazione. L’artista cellinese, però, non ha voluto rivelare nulla di più riguardo la collaborazione: “Ci stiamo lavorando – ha detto -, lui è un talento strepitoso. Vi assicuro che sarà una… bomba”.

Nel frattempo però Fabio Rovazzi ha postato su Instagram una foto che ha fatto il pieno di Like. Nell’immagine il rapper è in compagnia di Al Bano e Gianni Morandi: “I just want to drink tequila with my friends” – “Volevo solo bere una tequila con i miei amici” – ha scritto nella didascalia, citando i Chainsmokers.

“Fabio è un ragazzo simpaticissimo e molto preparato sotto il profilo musicale”, dice Al Bano, che ha sempre incoraggiato i suoi giovani colleghi e che dall’alto della sua esperienza riesce a distinguere nitidamente i talenti, come ha fatto da “prof” nell’ultima edizione di The Voice, dove si è imposta una cantante scelta proprio da lui.

“Questa collaborazione, oltre ad essere interessante, mi diverte molto. Per ora non dico altro – sottolinea -, lo farò quando uscirà il brano: ossia tra qualche giorno”.

Intanto, nei giorni scorsi, Rete 4 ha trasmesso il programma “Madre mia”, realizzato con la consulenza artistica dello stesso Al Bano che già al padre don Carmelo aveva dedicato una docu-fiction. È stato il racconto di un nucleo familiare che, seppur eccezionale, incarna quello della classica famiglia italiana. Al centro della vita di Al Bano – che sembra un romanzo - c’è la persona che l’ha portato in grembo e fatto nascere: “La colonna portante della mia storia di uomo e di artista: donna Jolanda”, dice il cantante alla prese – nella sua Cellino – con la rinomata azienda vinicola e il villaggio turistico delle due Tenute.

“Mi esalta il palcoscenico ma mi diverte molto anche curare le mie aziende – spiega -. Quella del vino è una tradizione di famiglia che ho voluto proseguire. Quanto al villaggio turistico e il ristorante, da buon pugliese metto al primo posto l’ospitalità: quella di tutti noi che viviamo e amiamo questa meravigliosa terra”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400