Lunedì 18 Gennaio 2021 | 15:17

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

 
Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

 
La rassegna
Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

 
Inediti e rarità
Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

 
nuove uscite
«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

 
Musica
«Ora», nuovo singolo dei tarantino Revortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

«Ora», nuovo singolo dei tarantini Arevortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

 
Musica
«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

 
Musica
«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

 
Nuova proposta
Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

 
date e programmi
Bari, al Petruzzelli la musica continua ed è online per tutti

Bari, al Petruzzelli la musica continua ed è online per tutti

 
Il personaggio
Da Molfetta al teatro Ariston: il poeta visionario Gio Evan

Da Molfetta al teatro Ariston: il poeta visionario Gio Evan

 

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiNel Brindisino
San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

 
Potenzaa Castelsaraceno
Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

 
BariIl caso
Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

 
FoggiaLieto evento
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Il ricordo

Con Dizzy il burlone «venne giù» tutto il Petruzzelli: la prima volta di Gillespie a Bari

Con Dizzy il burlone «venne giù» tutto il Petruzzelli

Fu una vigilia di San Valentino davvero speciale quella che i jazz fans pugliesi trascorsero il 13 febbraio del 1980. Perché era forse la prima volta che la città accoglieva nel suo Petruzzelli un evento memorabile dedicato alla musica afroamericana. Intendiamoci, non è che in passato non ci fossero stati a Bari dei nomi importanti e, tanto per dirne una, sempre il Petruzzelli, nel 1974, aveva ospitato - auspice la Camerata - il leggendario pianista chicagoano Earl Hines, partner di Louis Armstrong negli Anni ‘20 e successivamente leader di una delle orchestre che negli Anni ‘40 avevano documentato i primi vagiti del bebop. E sempre prima del 1980, si erano alternati nei cartelloni della Camerata personaggi come Gerry Mulligan o il Modern Jazz Quartet. Ma quando, sempre la Camerata, annunciò la prima venuta a Bari di Dizzy Gillespie, appunto in quel 13 febbraio del 1980, l’entusiasmo andò alle stelle e la notizia si diffuse così rapidamente che le richieste di biglietti cominciarono a fioccare da tutta l’Italia meridionale.

All’epoca Gillespie aveva 63 anni ed era non solo un mostro sacro, ma soprattutto poteva ancora sfoggiare una forma solistica trascinante che andava di pari passo con quella gigioneria che gli consentiva di arruffianarsi abbastanza facilmente le platee. E così fu anche a Bari, in un Petruzzelli decisamente gremito come una «domenicale della Butterfly» - così venne sottolineato su queste pagine nel resoconto della serata. Pur consapevole della propria grandezza, Gillespie non amava assumere atteggiamenti divistici, eppure quella volta riuscì a mandare in tilt il personale dell’Hotel Palace, dove soggiornava, perché non si riusciva a trovare un riduttore di corrente che gli consentisse di usare una specie di frullatore personale che portava sempre con sé da quando era diventato vegetariano. Perché tutto andasse a buon fine, ci volle la pazienza del personale e la collaborazione della cantante Lilian Terry, che essendogli molto amica, lo seguiva come un’ombra quando Dizzy arrivava in Italia.

Comunque sia, arrivò finalmente la sera del concerto, con il Petruzzelli che faceva veramente paura per la quantità di pubblico che la Camerata era riuscita a stipare. E quando, spente le luci in platea, la sua sagoma inconfondibile apparve sul palco e dalla sua tromba telescopica cominciarono a uscire, una dopo l’altra, le melodie di brani come Night in Tunisia, Salt Peanuts, Tin Tin Deo e Olinga - quest’ultimo dedicato a un esponente della religione Bahai, cui aderiva - l’entusiasmo raggiunse livelli difficilmente descrivibili. Per l’occasione, la band al suo seguito era formata da onesti gregari: Ed Cherry alla chitarra, Mike Howell al basso e Tommy Campbell alla batteria. Nulla a che vedere con i partner del passato, per intenderci, ma gli appassionati ebbero molto presto l’occasione per rifarsi. Elettrizzata dal successo riscosso, la Camerata reinvitò Gillespie a novembre dello stesso anno e in quell’occasione era con lui il grande tenorsassofonista James Moody. Il solco del grande jazz ormai era stato tracciato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie