Giovedì 21 Gennaio 2021 | 07:07

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Lettere alla Gazzetta

Hanno distrutto la scuola ora i ragazzi non sanno l'italiano

Era ora che ci si accorgesse di questa triste realtà, non è da oggi che noi non più tanto giovani, specie se ex insegnanti, ci siamo resi conto del degrado linguistico vigente in Italia. Gli alunni delle medie e delle superiori non masticano adeguatamente la lingua madre, avvezzi a termini presi in prestito da video-giochi, cellulari e tablet. Sono bravissimi, ma provate a chiedere loro la trasposizione di quel linguaggio in italiano: il vuoto. Di chi la colpa? Degli insegnanti? Dei programmi scolastici? Dei libri di testo ?
Ai miei tempi per ottenere un sette in italiano, dovevi essere quasi un piccolo genio. Ora i voti sono pompati e i ragazzi crescono con la convinzione di sapere già tutto. Non parliamo delle grammatiche: esercizi semplificati, per lo più con semplici risposte, vero-falso. Si studiano più a memoria le regole grammaticali? Si fanno pagine e pagine di verbi regolari e irregolari? Quanti riassunti al mese? E la parafrasi del testo poetico, chi la conosce? Noi non eravamo certo più intelligenti dei ragazzi di oggi, ma sicuramente studiavamo meglio e stavamo più a lungo sui libri. Il voto era la sommatoria di molti fattori, contenuto, correttezza grammaticale e sintattica, lessico appropriato e periodare consono. Quale eresia! Ai nostri tempi, il latino si studiava alla scuola media, l'Iliade e l'Odissea si leggevano nella traduzione del Monti, e per intero. E l'Eneide e I promessi sposi? Spesso si dovevano imparare a memoria pagine intere di questi classici. Tempo perso? no di certo, ma arricchimento linguistico. Cosa dire del fatto che i ragazzi non sanno usare il vocabolario? Strumento indispensabile, si accende il cellulare e si cerca, nei casi migliori. La lingua italiana noi "sorpassati" la imparavamo in casa e la formica amo sui banchi di scuola. Non parliamo degli esami che abbiamo dovuto superare: quinta elementare, esame di ammissione allla scuola media, già perché a quei tempi esisteva "l'avviamento professionale" scuola degnissima per alunni carenti nelle materie letterarie, e poi quinto ginnasio ed esame dì maturità con tre prove scritte e tutte le discipline agli orali. Molti erano rimandati o respinti, ora ci sono i debiti e i crediti. Superare la maturità era veramente una grossa impresa, molti di noi "sopravvissuti ad una scuola selettiva e nozionistica" abbiamo sudato giorni e notti insonni, per raggiungere un risultato a volte nemmeno tanto brillante. Di chi è la colpa? non degli insegnanti forse, poveretti malpagati, scarsamente considerati da genitori e figli, si arrabattano come possono.. I libri di testo non sono all'altezza del compito loro assegnato, le varie riforme hanno affossato la scuola ed ecco i risultati. I nostri ragazzi saranno più ignoranti in Europa, e forse nemmeno per colpa loro.

Franca Chiorazzo, Insegnante di lettere in pensione, Barlettta

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie