Giovedì 24 Gennaio 2019 | 08:05

LETTERE ALLA GAZZETTA

Riforma sbagliata. Era meglio abolire il Senato

Il senato che ci viene proposto è solo una bruttura incommensurabile. Non era meglio sopprimerlo o ridurlo a cento e farlo eleggere, come è giusto che sia dal popolo sovrano? Perché questo parlamento non ha riformato l’articolo 69 della Costituzione, mettendo finalmente dei paletti fermi alla indennità di deputati e senatori, così come hanno fatto per i consiglieri regionali? Sicuramente perché «la Casta non si castra mai». I costituenti a differenza di questi riformatori, furono eletti con una legge proporzionale, così da permettere alle minoranze di partecipare alla stesura della Carta e farli sentirli partecipi. Una Costituzione come la nostra, da tutti riconosciuta come, colta, raffinata ed equilibrata, scritta da uomini di grandissima levatura morale e culturale, doveva godere di più attenzione e risetto, da parte dei riformatori. Nessuno dovrebbe dimenticare che, dai costituenti, il nostro Paese ha avuto ben sette presidenti della Repubblica e non pochi presidenti del Consiglio. Da questo parlamento, non abbiamo avuto altro che questa riforma, brutta, se non dannosa.

Vitangelo Solimini, Molfetta (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400